Consigli di lettura

Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

"La divisione della gioia" di Italo Testa

"la divisione della gioia" di Italo TestaPer contestualizzare quest’opera di Italo Testa bisogna innanzitutto evidenziare i due riferimenti esplicitati nel libro, il primo addirittura nel titolo, il secondo emerge dal corpus dell’opera e da una citazione che apre la seconda sezione di questo testo tripartito.

La divisione della gioia è un chiaro riferimento ai Joy Division, gruppo nato nel ’77 a Londra, che, a sua volta prende il titolo dal libro "The house of dolls" di Ka-Tzetnik 135633 del 1955. Joy Division era la denominazione delle baracche femminili dei campi di concentramento nazisti, dove le prigioniere erano utilizzate come prostitute dai soldati tedeschi e dalle SS. Inoltre nei ringraziamenti c’è una diretta citazione di “Days of the Lord” dei Joy Division. Invece “I was more interested in the sunlight of the buildings and on the figures than any symbolism” è una citazione tratta da un’intervista ad Edward Hopper, quello stesso pittore americano del primo ‘900 che sosteneva di dipingere non quello che vedeva, ma ciò che provava.

1 Il non luogo qualunque.

Molti dei luoghi scelti come oggetto di rappresentazione e come sfondo dell’azione rappresentata, possono certamente rientrare nella definizione di non luogo di Marc Augè: strade, stazioni di treno, crocevia, paesaggi della periferia industriale, tutti luoghi caratterizzati dalla precarietà dello stare, dalla crudezza di essere un luogo qualunque ed il luogo di ciascuno, al contempo. Persino le stanze dove la gioia si divide in un rapporto sono significative solo in relazione ai sentimenti che sembrano spargersi nello spazio metafisico dell’interiorità di due voci, una che incede, l’altra che contro canta in silenzio. I luoghi fisici sono molto simili a quelli ritratti da Hopper, ed il sentire prevale su ciò che è, senza divenire un paesaggio stato d’animo grazie alla precisione del ritmo, alla nitidezza del lessico, alla prospettiva che rende anche il fango o la crepa di una brocca un fotogramma dell’identità del poeta, panicamente disposto nelle cose.

2 Luce d’ailanto.

La ricorrenza della parola luce è un punto fermo nel corpus dell’opera: presente nelle sue svariate forme d’ombra, chiaroscuro ed abbaglio in ogni poesia è un elemento che dà il ritmo, come chiave di accensione di ogni frammento, e collante di senso in tutte le rifrazioni di colore. E l’ailanto è presente due volte nel testo, ognuna un simbolo diverso. Insidia germinante nascosta sui ciglioni, allegoria delle braccia di una donna che avvinghia. Il ritmo della narrazione – come il Canzoniere di Petrarca anche questa è una narrazione in versi, per rimandi intertestuali tra le sezioni e la presenza di una storia narrata non in forma lineare ma neanche puramente lirica – è a fiato corto, solo segni di interpunzione deboli e assonanze, allitterazioni, pochissime rime (la rima può essere usata per dare compiutezza ad un colon). L’impressione è quella di uno scorrere non unitario che sfocia nella terza parte, intitolata delta (di rami, confluenze e strade).

3 Voci divise.

La narrazione alla quale ho accennato è la narrazione di un intreccio di due solitudini incomplete, mai del tutto complementari, che non si contengono mai l’una con l’altra. Ad esempio i risvegli nello stesso letto sono sempre carichi di una divisione analitica di gesti che si accumulano, e le atmosfere sospese si reificano nella percezione di un lettore che prova a leggere con la propria voce questo controcanto sordo. Ad ogni modo la divisione dei gesti, dei sentimenti, delle paure, della materia dei giorni si aggrega dando un testo unitario nella propria scissione. Penso che una frase detta riguardo a Hopper possa valere in poesia anche per Italo Testa: “ci ha insegnato che l'immagine è una realtà senza resti e la realtà un divenire senza centro.”       

(P. Balmas - Intervista)

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.