Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

La Banda della Magliana è ancora attuale?

Banda della MaglianaPare assurdo, ma in Italia la Banda della Magliana è ancora attuale.

Negli ultimi anni, a quel che rimane di un manipolo di criminali incalliti e violenti sono stati sequestrati beni che rivelano la loro intatta capacità di penetrare negli affari della capitale e di rinnovarsi stando al passo coi tempi. La Guardia di Finanza ha sottratto al boss Ernesto Diotallevi immobili e società per un valore superiore ai venticinque milioni di euro. Una cifra spaventosa, che fa pensare ai grandi sequestri di mafia, quelli a Totò Riina e a Bernardo Provenzano, e che rivela la spudoratezza di questo gruppo, ma anche la sua capacità di stare negli affari immobiliari come pochi.

La Banda della Magliana è nota alle cronache per aver imperversato a Roma alcuni decenni fa e per aver tessuto trame di potere e di corruzione con la Mafia siciliana, pezzi deviati dei servizi segreti e una porzione del Vaticano.

A questi, a quel che resta del gruppo, è stato consentito di continuare a fare affari, a trafficare nella droga e a riciclare nel mattone, di vivere nel lusso e nello sperpero immorale mentre il resto dalla capitale italiana sprofonda nella miseria e nella bruttezza.

L’incongruenza italiana si palesa in questi episodi che denunciano la natura crudele del sistema criminale e di coloro che, dentro le Istituzioni, lo proteggono, lo sostengono, lo irrobustiscono e lo servono. È chiaro che questi qui non possono aver continuato ad agire per decenni senza il beneplacito e le coperture di una volta, di quando governavano Roma come imperatori del male.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e Pinterest]

Il Paese si ripropone nel peggio di una generazione di criminali che non vuole abbandonare lo scettro e gettare la spugna, e Roma, una Roma imbarbarita e sotto-acculturata, ne paga le spese, le conseguenze.

Il Diotallevi, in fondo, è uno dei tanti simulacri di un romanzo criminale nazionale che non vuol chiudersi dopo la parola fine, che non vuol bruciare nel rogo della storia. È davvero paradossale e illuminante, insomma, che nel 2014 si debba leggere, attoniti, di un sequestro così imponente, dopo processi, inchieste, omicidi. Allora, certo che la Banda della Magliana è ancora attuale, perché tutto ciò che è vecchio, in Italia, non vuol morire.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (10 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.