Conoscere l'editing

Corso SEC

Corso online di editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

L’arte della cucina ne “Il Cane” di Akiz

L’arte della cucina ne “Il Cane” di AkizIl Cane è il primo romanzo di Akiz, sceneggiatore e regista nato in Germania. Il libro edito da Mondadori e tradotto da Silvia Albesano è una storia curiosa, in cui diverse culture si mescolano con aromi e sapori dentro e fuori dalla cucina di un ristorante. Per tutto il romanzo l’identità del protagonista resta sconosciuta, o meglio il lettore lo conosce come il Cane, ma non saprà mai quale è il suo vero nome. L’unica cosa certa è che quel giovane uomo strapazzato cucina in modo passionale, tanto che i suoi piatti riescono a conquistare chiunque.

Per il narratore (un amico) che racconta la storia, Cane è come un fratello, e da subito ci fa capire che attorno a lui c’è un costante alone di mistero:

“Lo chiamavamo il Cane. Il nome gliel’aveva dato Vaslav, credo. Non ho idea, ma penso sia stato Vaslav a cominciare. «Cane. Qui. Pulire.» Lo stile era questo. Comunque, non c’è voluto molto prima che il ragazzo rispondesse a quel nome e alzasse lo sguardo quando lo chiamavi così. Per tutti noi il Cane era un enigma. Una specie di sfinge. Una sfinge con gli occhi piccoli – capocchie di spillo, come se dietro le pupille si fosse accumulata una corrente velenosa, bluastra –, e lunghi capelli che bisticciavano sulla sua testa”.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Di Cane nessuno sa nulla. Non si sa di preciso dove sia nato. Non si sa da dove arrivi. Non si sa se ha una famiglia e che fine abbia fatto. Ci sono solo tante voci che aleggiano attorno a Cane che raccontano, o forse spettegolano sarebbe meglio dire, sul suo conto. Per qualcuno Cane è parecchio giovane, una ventina di anni forse. Per qualcun altro ha vissuto la sua infanzia in Kosovo nascondendosi in una buca solo soletto e uscendo per cercare cibo, ma un cibo povero, basilare e necessario alla sopravvivenza. A quanto sembra, forse, il Cane è un orfano, arrivato dal niente direttamente nascosto nel pianale di un camion polacco.

L’arte della cucina ne “Il Cane” di Akiz

A parte questo enigma perenne che c’è attorno alla vita di Cane, il giovanotto comincia a muovere i primi passi in cucina, in principio da Vaslav che lo tratta come uno sguattero. La voce narrante interna alla trama e Cane si muovono poi tra kebab e piatti della dieta mediterranea fino a quando si avvicinano a El Cìon, un ristorante di super lusso guidato da Valentino, grande chef dal carattere intrattabile.

Interessante è la capacità di Akiz di caratterizzare alcuni dei personaggi che emergono con maggiore forza dalla trama narrativa che ha un ritmo serrato, cinematografico che intriga e trascina nella storia pagina dopo pagina.

Il protagonista – Cane – c’è, è una presenza effettiva, forte, solo che lui con il suo fare squattrinato, con il suo essere perennemente in disordine, sembra essere perso nel suo mondo. Non a caso Cane appare sempre distratto e distante da chi gli parla o da quello che accade, in realtà il giovanotto maschera delle qualità eccellenti che si rivelano nel momento in cui “si arma” di padelle e cibi da preparare. Certo, a volte i modi di fare di Cane sono davvero animaleschi – ogni ingrediente o cibo da cucinare lo lecca prima di usarlo – tanto che anche l’amico narratore lo richiama all’ordine, ma Cane, imperterrito, prosegue per la sua strada e il suo cucinare diventa qualcosa che non solo delizia i palati, ma stravolge di piacere emotivo i cuori.

Accanto al protagonista c’è l’ambiguo Valentino, lo chef di El Cìon, ristorante pluristellato, che possiamo identificare un po’ con l’avversario del Cane. Valentino ha un passato oscuro e problematico, ma resta un grande professionista e punto di riferimento, che non esita ad avere improvvisi e violenti scatti d’ira, accompagnati da un modo di fare molto capriccioso.

L’arte della cucina ne “Il Cane” di Akiz

Poi c’è Alisha, collega, amica di Cane e dipendente di Valentino. Una figura femminile che desta molto interesse in coloro che la incontrano, compresi il protagonista e il capo del El Cìon, ma solo uno di loro riuscirà ad avere la meglio e a realizzare quello che è il sogno di una vita dove amore, cucina, passione e semplicità si amalgameranno alla perfezione come gli ingredienti di una torta.

Certo è che in questo libro, Akiz fa percepire al lettore quello che i commensali non vedono. Ossia il dietro le quinte di una cucina che è un po’ la vera casadei protagonisti, dove i momenti di tranquillità tra pentole, fornelli, spezie, salse, comande e bollitori ci sono, ma hanno durata molto breve. Nel senso che le pause lasciano lo spazio alla frenesia, al ritmo, alla coordinazione di chi sta dietro ai fuochi, impegnato a preparare cibo. Un sentire emotivo che a volte rasenta il nervosismo, l’esasperazione e l’agitazione – e questo ve lo garantisco avendo lavorato per un periodo come aiuto cuoco – soprattutto quando chi cucina è consapevole che il cibo va sì preparato, ma sempre bene, e lo deve essere in modo ancora maggiore se in sala ci sono degli esperti o dei critici gastronomici (in questo caso Nido che ha fama mondiale) pronti a giudicare.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Il personaggio principale del romanzo di Akiz ricorda un po’ Jean-Baptiste Grenouille de Il profumo di Süskind. Vero, quello aveva un olfatto sopraffino, mente Cane è un genio dell’arte culinaria, ma i due sono simili, perché tutti li desiderano ed entrambi arrivano non si sa bene da dove, come non si sa in modo definitivo cosa vogliano fare, o meglio, loro lo sanno bene, è chi legge a scoprirlo pagina dopo pagina.

Il Cane di Akiz è un libro travolgente e il primo attore della narrazione a volte è davvero grezzo nel suo modo di fare (troppo) ma, allo stesso tempo, in lui c’è qualcosa di enigmatico e quell’aura di costante mistero che lo ammanta rende magica e surreale la sua esistenza e lascia al lettore la curiosa voglia di gustare un piatto cucinato da Cane.


Per la prima foto, copyright: Jez Timms su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.