Corso SEC

Conoscere l'editing

Corso online di editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Klara, Kazuo e l’arte della dilazione

Klara, Kazuo e l’arte della dilazioneSi dice che un romanziere scriva sempre la stessa storia, scavando nei suoi personaggi, ancora e ancora, per avvicinarsi sempre di più a ciò che vogliono dire. Nel caso di Kazuo Ishiguro e del suo ultimo romanzo (Klara e il Sole – edito in Italia da Einaudi e tradotto da Susanna Basso) lo scavo è quanto mai accurato, come se l’obiettivo fosse quello di proiettare il lettore al centro dell’anima della narrazione senza spargere nemmeno un granello di dolore in più del necessario.

Nel primo romanzo dopo il premio Nobel per la letteratura del 2017, l’autore giapponese che scrive in inglese (si è trasferito in Gran Bretagna a cinque anni), famoso per romanzi di scavo psicologico come Quel che resta del giorno (con cui aveva vinto il Booker Pize nel 1989 e da cui era stato tratto l’omonimo film di James Ivory), torna a solcare il mare dell’animo umano munito di cesello, descrivendo il percorso che compiamo per diventare consapevoli delle nostre emozioni, degli errori realizzati e soprattutto di quelli mancati, che cambiano il destino di una vita. Per farlo, Kazuo Ishiguro sceglie un protagonista non umano, un robot di nome Klara, un’intelligenza artificiale che, in un futuro prossimo e in un luogo imprecisato dell’America, viene acquistato da una ragazzina di nome Josie perché le faccia compagnia e la sostenga nel cammino che sua madre e la società le impongono.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Ci troviamo così nella mente (dopo aver letto il romanzo di Kazuo Ishiguro non riuscirete a usare nessun’altra parola) di Klara, dall’altra parte di una vetrina da cui si sporge, come farebbe un cucciolo intrappolato in un negozio di animali, con la speranza che il passante di turno lo noti, lo scelga, lo porti fuori dal suo involucro di cristallo e cemento, offrendogli la risorsa più preziosa che un essere vivente possiede: le proprie emozioni. Klara, infatti, è stata creata per osservare, classificare e decodificare le emozioni umane, ma per farlo deve uscire nel mondo esterno, deve vedere in azione ciò che le sue stringhe software gli dicono essere fatto in un certo modo. Osservandolo Klara analizza, comprende e modifica le sue percezioni originali, scoprendo come gli esseri umani imparano ad amare

Klara, Kazuo e l’arte della dilazione

Con la meticolosa arte della dilazione controllata a cui ha abituato i suoi lettori fin da Quel che resta del giorno Non lasciarmi, Kazuo Ishiguro rallenta gli apprendimenti di Klara, per mostrarci gli strati emotivi che si possono nascondere dietro i gesti più semplici e quotidiani. Klara è stata costruita per mostrare un’immagine di sé che possa essere gradevole per gli umani, adattandola sempre di più alla persona che le è capitata in sorte come padrone, ma dentro nasconde un universo di sensazioni represse che la fanno quasi immediatamente più umana dei suoi padroni in carne e ossa. Per questo il lettore empatizza con Klara fin dalle prima pagine: soffre con lei quando viene tolta dalla vetrina oppure quando si ritrova in una festa di adolescenti bulli che la usano come scudo per le loro squallide ripicche.

Klara, Kazuo e l’arte della dilazione

Nata per essere una fiaba, Klara e il sole è divenuta, nei cinque anni necessari all’autore per scrivere e riscrivere questa storia, grazie anche al supporto dei suoi editor principali (moglie e figlia), ciò che lo stesso Kazuo Ishiguro definisce “un taglio perfetto”. Quello che imprimerebbe un samurai a un ciuffo d’erba, dopo aver osservato in silenzio e immobile ogni particolare che lo circonda: la lunghezza e lo spessore dell’erba, l’umidità del terreno, la forza del vento e naturalmente l’intensità del sole, lo stesso a cui si espone Klara per ricaricare le sue energie e le sue speranze. Il samurai aspetterebbe e aspetterebbe e poi in un attimo l’erba sarebbe nel palmo della nostra mano, quel palmo che abbiamo sollevato nel momento esatto in cui il samurai ha sferrato il suo colpo perfetto.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

È così che questo AF (Artificial Friend) si annida nei nostri pensieri, costringendoci a guardare il mondo da un altro punto di vista, confrontandoci con le domande più pericolose a cui possiamo pensare. Attenzione però: se siete alla ricerca di un romanzo che vi trascini in una girandola di azioni tenendovi con il fiato sospeso, fate un bel respiro prima di immergervi in questa storia che assomiglia più a una maratona in apnea che a uno scatto da centometrista. L’autore si aspetta che siate voi, con il vostro turbinio interiore, a generare il movimento che il vostro corpo anela e la vostra mente pretende. E se vi ritroverete a un bivio a domandarvi perché Klara non apprende più velocemente e agisce di conseguenza, pensate a cosa avreste fatto voi al suo posto e a quante volte riuscite a esternare quell’emozione che si strugge nella vostra anima senza che nessuno se ne accorga.


Per la prima foto, copyright: Andy Kelly su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.