Corso SEC

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Corso online di editing

Intervista ad Amani El Nasif e Cristina Obber, autrici di “Siria mon amour”

Amani El Nasif, Cristina Obber, Siria mon amourSiria mon amour, (Piemme, pagg. 166) scritto da Amani El Nasif e dalla giornalista e scrittrice Cristina Obber, è la storia vera di Amani, nata ad Aleppo, in Siria, ma in Italia dall’età di tre anni, e costretta dai genitori a tornare in Siria per un matrimonio combinato, con l’inganno di un breve soggiorno per rifare il passaporto. Nonostante i tre veli imposti dalla cultura musulmana, l’anima di Amani è sempre stata libera, Amani ha resistito ed è riuscita, dopo tredici lunghi mesi di violenza ed umiliazioni, a tornare in Italia.

 

Cristina, come hai conosciuto Amani e la sua storia?

Amani era la migliore amica di mia figlia Giulia, alle elementari. Dopo un trasferimento di scuola ci siamo perse, e grazie a mia figlia l’ho ritrovata tre anni fa. Quando mi ha raccontato a grandi linee cosa le era accaduto, ho sentito la rabbia salire dalla pancia e le ho detto “Bisogna raccontare, bisogna denunciare, non possono accadere cose così”. Lei era dubbiosa, stava cercando di dimenticare. Io le ho proposto un solo incontro e le ho detto “Se ricordare ti fa solo male lasciamo stare, se ti fa male ma anche un po’ bene ne riparliamo”. E dal primo incontro, durato circa tre ore, Amani si è lasciata andare come un torrente in piena; ha sofferto ancora, ha pianto molto, ma le ha fatto bene.

 

Come hai fatto ad immedesimarti, a scrivere in prima persona di questa terribile storia di violenza?

Prima di mettermi a scrivere mi chiudevo nel mio ufficio completamente al buio, illuminato solo dal video. Leggevo i miei appunti ascoltando dei pezzi di musica siriana che Amani mi aveva mandato, guardavo dei micro filmati che aveva girato in Siria con il telefonino, ascoltavo la sua voce, che avevo registrato nei nostri incontri. Non è stato sempre facile condividere un dolore così grande con quella che ai miei occhi era ancora la bambina di otto anni che giocava con le mie figlie il sabato pomeriggio, ma forse è stato proprio quel dolore, anche mio, a far uscire le parole giuste.

 

L’anno scorso in Non lo faccio più (Unicopli) hai raccontato storie di donne violentate in Italia. Oriente e Occidente, due mondi così diversi eppure così uguali?

Sì, e il mio impegno è quello di far uscire la violenza dal silenzio. Anche Veronica, la ragazza che in Non lo faccio più racconta dello stupro subito, mi ha detto di recente che sapere che porto nelle scuole la sua esperienza e i suoi rimpianti le sta facendo fare la pace col mondo. È proprio questo il nodo da sciogliere. Se non si denuncia, la violenza continua a fare male, bisogna essere consapevoli di avere il diritto di pronunciarla, per poi ricostruirsi. Non c’è colpa in chi subisce, eppure per molte questo non è chiaro. La storia di Amani ci appare lontana, ma i dati della violenza sulle donne in Italia ci dicono che non è così. In ogni storia di violenza su una donna c’è la violenza su tutte le altre donne del mondo.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

Amani El NasifLa Siria delle prime pagine è quella di Aleppo, ricca di storia, profumi e magia. Una città bellissima che ti incanta ma che ben presto lascerai per trasferirti al villaggio rurale di Al Karatz. Amani, quando hai capito che il tuo non era un viaggio di piacere?

Non è stato molto difficile capirlo… c’erano dei sentori che mi avvisavano ma inizialmente pensavo fosse solo una mia paranoia... Un giorno, casualmente, sentii una conversazione fra i miei zii che parlavano di un matrimonio… Quando capii che il matrimonio in questione era il mio ho realizzato tutto molto velocemente, quello non era un viaggio di piacere ma bensì l’inizio del mio martirio!

 

«Haram significa peccato e nel villaggio di Al Karatz il peccato per le donne sta nel solo fatto di esistere, con i loro corpi, con la loro pelle profumata, con i loro sguardi». Cosa era Haram per te?

Tutto. La donna nel villaggio di mio padre è Haram, tutto ciò che fa una donna e che dice è Haram. Io quando non mettevo i calzini perché faceva troppo caldo mi urlavano Haram! Era peccato che io rimanessi con i piedi nudi in estate a 50 gradi... avrebbero potuto vedermi, e poi sarei passata per la poco di buono… per una ulech

 

La Siria di oggi è dilaniata dalla guerra civile. Tu hai lasciato la Siria nel 2007; che clima c’era, sentori di quello che è scoppiato dopo?

Assolutamente no. Certo, la foto del presidente Bashar Al-Assad era ovunque! Gigantografie appese sui palazzi, taxi con la sua foto, porte dei ristoranti, ovunque! Ma mai avrei immaginato che un genocida come lui avrebbe ammazzato la propria gente.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (4 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.