Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Il testamento spirituale di Michael Jackson

Il testamento spirituale di Michael JacksonA dodici anni dalla morte di uno dei più grandi intrattenitori di tutti i tempi, molte persone si chiedono ancora chi si celasse veramente dietro il Re del Pop.

I libri che parlano della vita e dell’eredità artistica di Michel Jackson sono moltissimi, scritti da autori anche molto vicini a lui, ma che il re del Pop raccontasse di sé, se non attraverso le sue canzoni, succedeva raramente.

Ha conservato l’immagine del divo schivo e irraggiungibile dal principio della sua carriera fino alla fine degli anni Ottanta; all’inizio della decade successiva, alla soglia dei trent’anni, probabilmente ha sentito la necessità di aprirsi un pochino di più con il mondo, di superare la sua timidezza, di condividere la sua interiorità.

Proprio in quegli anni partecipa a talk show televisivi, rilascia diverse interviste e fonda la Heal the World Foundation, ma è l’incontro e, in seguito, l’amicizia profonda con Deepak Chopra che porterà Jackson a condividere i suoi pensieri più profondi attraverso un libro.

Nel 1992 esce Dancing the Dream (Ediz. Doubleday) che è la summa del pensiero e del suo modo di approcciarsi alla vita; una raccolta di 46 brani, fra poesie, riflessioni e racconti brevi scritti direttamente dalla penna di Michael Jackson, ma anche libro fotografico contenente immagini rare dal set e dalla vita quotidiana.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

Il testamento spirituale di Michael Jackson

La prima edizione, ormai introvabile, è un pezzo per veri collezionisti; il volume è stato in seguito ristampato dopo la sua morte, nel giugno del 2009, in lingua originale dalla casa editrice inglese Transwold; l’anno successivo, nelgiugno del 2010 è stato tradotto in italiano (con testi in lingua originale in fondo all’opera), in una tiratura limitata di cinquemila pezzi, con il titolo Danzando il Sogno (Ediz. Quantic Publishing).

Il volume, pur non avendo conosciuto un grande successo commerciale, se messo in confronto alla autobiografia Moonwalkche ha venduto milioni di copie in tutto il mondo, è stato accolto positivamente dalla critica, che l’ha definito «un libro pieno di saggezza».

In Danzando il Sogno, infatti, non si leggono pettegolezzi, dietro le quinte o scandali, ma si trova il cuore pulsante di Michael Jackson, si scopre chi fosse veramente, chi si nascondesse dietro il velo della notorietà e della musica.

Michael Jackson racconta sé stesso e il mondo che lo circonda con la voce di chi cerca la verità e una delicatezza fuori dal comune; affronta temi complessi e attualissimi con la semplicità di ha compreso l’essenza della vita e la vuole trasferire al prossimo, sia esso bambino, ragazzo o adulto.

Il testamento spirituale di Michael Jackson

Nella prefazione all’edizione italiana, il volume è definito come «Un dialogo fra anime. Una danza infinita nell’oceano della vita».

Danzando il Sogno, infatti, è un testo, che come tuti i saggi, non ha ancora finito quello che ha da dire: non solo un testamento spirituale, nel quale l’artista si racconta come non aveva mai fatto prima e come in nessun altro libro si avrà occasione di trovare; Danzando il Sogno è un volume che toglie la polvere dal cuore, che fa riscoprire il significato profondo della parola sensibilità, attraverso la quale Michael Jackson affronta i temi a lui più cari.

La musica e la danza, ad esempio, sono trattati non solo a livello compositivo o artistico, ma elevati a un piano meditativo, come mezzi di connessione con l’interiorità.

Nel brano La Danza della Vita, Jackson parla proprio della danza ispirata alla natura, del legame viscerale e fisico con gli elementi della Terra, di come si riesca a possedere un dono (la danza, in questo caso) solo nel momento in cui si giunga a farne dono al prossimo.

Un brano che affronta il tema del movimento, della creazione, del flusso della vita, di una Madre Terra viva che comunica con l’uomo che sa ascoltare.

«Allora dove vanno a finire le stelle quando smettono di brillare?, mi chiedo. Forse muoiono.» “Oh, no”, mi sussurra una voce nella mente. “Una stella non muore mai. Si trasforma in un sorriso e si fonde con la musica del cosmo, la danza della vita.»

 

Ma anche il rapporto di Michael Jackson con il Pianeta Terra e gli animali che la popolano, al quale sono dedicati molti racconti, fra i quali Pianeta Terra, E gli elefanti continuano a Marciare, Madre Terra, Guardami di nuovo cucciolo di foca, etc.

Un brano particolarmente toccante è Abbastanza per Oggi, nel quale Michael Jackson narra della morte di un delfino rimasto impigliato in una rete da pesca, paragonandolo all’uccisione di una “danza”.

«I delfini adorano danzare – questo li distingue da tutte le altre creature del mare. Non pretendono niente da noi, fanno le capriole davanti ai nostri occhi meravigliati. Fanno a gara con le barche, nuotando veloci davanti ad esse, non per vincere, ma per dirci, è solo un gioco. Mantieniti in pista, ma danza mentre lo fai.

Così, mentre provavo i miei passi, improvvisamente ho pensato “hanno ucciso una danza.  E allora mi è sembrato che la cosa giusta da fare fosse fermarsi. Non posso fare niente perché la smettano di uccidere la danza, ma almeno posso fermami in raccoglimento, da ballerino verso un altro ballerino.»

Il testamento spirituale di Michael Jackson

Non poteva mancare il tema del bambino, molto caro a Jackson, e spesso travisato dall’opinione pubblica.

Il fulcro del messaggio dell’artista non è vivere come un eterno Peter Pan, o come qualcuno che non voglia prendersi le responsabilità di adulto, ma è di vivere con la gioia e con il cuore di un bambino;evidenti i collegamenti con il tema del fanciullino di Pascoli e anche con Richard Bach, autore che Jackson ammirava molto, e del suo Via dal nido.

Al tema del bambino sono dedicate molte poesie, fra cui Quando i bimbi sorridono, Ma il cuore diceva no, Bambini del mondo, Il ragazzo e il cuscino, Bambini, Figlio dell'innocenza, Un bambino è una canzone, etc.

Nella poesia Bambino Magico, Michael Jackson descrive un bambino, un bambino definito magico perché vive a contatto con la natura, gioendo delle cose semplici della vita, guidato dall’Universo, un fanciullo in grado di vedere la bellezza e l’amore insite nelle cose. Ma è anche considerato strano dalla società, perché non si conforma con le regole della vita cosiddetta ordinaria.

Un brano certamente autobiografico, ma nel quale è facile identificarsi, un testo dedicato ai diversi, agli incompresi, un tema attualissimo, ancora oggi.

«E mentre si consultavano e cospiravano

per sconfortarlo con infiniti pettegolezzi

Per uccidere la sua meraviglia, per calpestarlo

Per bruciare il suo coraggio

Per alimentare le sue paure,

il bambino rimaneva semplice, vero».

 

Michael Jackson si addentra nelle emozioni dell’animo umano, quali la fiducia, il coraggio, l’innocenza, la magia, l’amore, che sono anche i titoli di una serie di brevi riflessioni.

«È facile confondere l’essere innocenti con l’essere infantili o ingenui. Tutti vogliamo sembrare sofisticati, vogliamo apparire sempre in. Essere innocenti significa essere out». (Innocenza)

 

«È strano pensare come a volte si può avere coraggio per fare certe cose e non altre. Quando salgo sul palco di fronte a migliaia di persone, non ho bisogno di essere coraggioso. Mi occorre più coraggio per esprimere i miei più intimi sentimenti a una persona». (Coraggio)

Il testamento spirituale di Michael Jackson

Un'altra parte molto interessante di questo volume sono i brani dedicati a temi più metafisici, come l’immortalità, l’anima, la connessione con sé stessi e con l’universo, l’unione di mente, spirito e corpo, la coscienza collettiva, il vivere il momento presente, come in Spiccare il volo senza di me, Il pesciolino che aveva sete, Dio, L'ombra inafferrabile, Estasi, Salto quantico, Io tu Noi, Il paradiso è qui e molti altri.

«Tu ed io non siamo mai stati separati

È solo un’illusione

Creata dalle magiche lenti della percezione

 

Esiste solo un’unica totalità

Un’unica mente

Siamo solo voci

Nell’immenso oceano della coscienza

Dai, Danziamo

La danza della creazione

Celebriamo,

La gioia della vita».

(Il paradiso è qui)

 

Questa serie di brani vede Michael Jackson in un intimissimo dialogo con la sua anima, narrando verità universali e ancora una volta, il grande artista è riuscito ad anticipare i tempi di almeno trent’anni.

Negli anni Novanta infatti, era cosa insolita parlare di anima, coscienza o spiritualità, se non in testi molto specifici destinati a una nicchia ben precisa di studiosi o appassionati.

È stato solo dopo l’uscita del volume La profezia di Celestinodi James Redfield (1993) che temi simili sono stati veicolati in massa alle persone; che una pop star di fama mondiale potesse non solo accostarsi a questi pensieri, ma addirittura scriverne un libro, rimane ancora oggi una cosa più unica che rara.

Ecco perché Danzando il Sogno è un libro unico nel suo genere. Sfogliando le sue pagine, è bisogna farlo lentamente, senza fretta, si ha la sensazione di parlare con un amico, di intraprendere un viaggio; è quasi come aprire il libro delle risposte, se ne siamo in cerca di una.

Danzando il Sogno è un volume che ritorna all’essenzialità delle cose semplici, è un testo che leva i fronzoli, assottiglia le corazze, indica la strada verso l’amore.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

È uno straordinario modo per conoscere meglio l’autore che lo ha scritto e concepito, ma indipendentemente che si apprezzi la musica del Re del Pop o meno, è un volume essenziale, da tenere nella propria biblioteca, da aprire e sfogliare, anno dopo anno, perché i concetti in esso contenuti si rinnovano nella misura in cui il cuore di chi legge è disposto a comprendere.

Forse Michael Jackson, nel 1992, quando ha elaborato questo testo, non sapeva di stare scrivendo il suo più grande testamento spirituale, un’eredità massiccia del suo animo, un volume ancora oggi capace di toccare i cuori di milioni di persone, indipendentemente da razza o estrazione sociale. Proprio come la sua musica.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.