Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Il quotidiano della nostra famiglia

Il quotidiano della nostra famigliaLa famiglia è sempre stato un tema molto caro e molto discusso dagli scrittori e da tutto il mondo della letteratura. Basti pensare a Lessico famigliare di Natalia Ginzburg che ritengo uno dei grandi capolavori della letteratura italiana che affronta il tema della famiglia. Ci sono, poi, scrittori che per anni hanno affrontato diversi temi (giovinezza, fuga, amori travagliati…) e a un certo punto tirano fuori un romanzo diverso, più articolato, più incentrato sulla famiglia. Non parlo solo di scrittori emergenti, ma anche di grossi nomi della letteratura come Philip Roth, William Faulkner, Lev Tolstoj o Ian McEwan, insomma autori che hanno parlato di tutto nella loro produzione e quindi anche di questioni familiari.

È il caso di Emidio Clementi. Figura poliedrica della musica e della letteratura italiana. Per anni è stato (lo è ancora) il frontman e bassista della band Massimo Volume, un gruppo di nicchia che ha avuto diversi riscontri positivi soprattutto negli anni Novanta. La loro caratteristica principale era che le loro canzoni non erano cantate ma recitate, declamate, insomma delle vere e proprie poesie o racconti in musica. Per queste ragioni, il passaggio dalla musica alla letteratura per Emidio Clementi è stato più che naturale e fino ad oggi ha pubblicato otto libri che hanno spaziato dal romanzo al racconto, affrontando sempre temi diversi e sempre in linea con il suo vissuto attuale del momento.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

A distanza di cinque anni da L’amante imperfetto, l’autore ascolano è uscito con il suo nuovo romanzo Gli anni di Bruno (Playground Edizioni) e questa volta il tema è la famiglia.

Nazareno, Sonia e Bruno sono i componenti di una famiglia normalissima, di una famiglia come ce ne sono tante, ma come spesso accade dietro un’apparente normalità, si cela un quotidiano misterioso, fatto di dubbi, di sentimenti non espressi per paura e per pudore, di rimpianti per quello che sarebbe potuto accadere e infine di dolore. Una serie di avvenimenti che fanno vivere i tre nella costante incertezza della vita e affrontandola come se fosse un enorme enigma irrisolto.

Il quotidiano della nostra famiglia

Nazareno e Sonia si sono incontrati e il loro amore poggia le proprie basi sul rifiuto del rischio e quando diventano genitori di Bruno cominciano a vedere e affrontare la vita con stupore e paura, cercando di trovare nella crescita del figlio assonanze e stonature con la propria infanzia e giovinezza.

A un certo punto la loro routine viene interrotta da un evento che mai avrebbero potuto pensare di vivere: il pacato Bruno, ormai quindicenne, è protagonista di un furto. Questa cosa pone i protagonisti dinanzi a nuove domande, cominciano a chiedersi se quanto accaduto sia il frutto di una semplice bravata, se è solo l’inizio di un futuro nefasto e infine si chiedono, senza darsi una risposta, il perché di tale gesto, cosa lo ha spinto e soprattutto se conoscono davvero Bruno.

Emidio Clementi torna alla letteratura e lo fa senza deludere in modo alcuno i suoi estimatori e i suoi lettori che negli anni si sono sempre dimostrati fedeli e appassionati. Lo stile dell’autore è riconoscibilissimo e non ha eguali o emuli nella letteratura italiana, anche perché Clementi ha sempre dichiarato di essere un estimatore di letteratura americana più che italica.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La sua scrittura affonda le radici in Shepard, Choukri, Carroll e infine in Emanuel Carnevali. Quello che colpisce in questo libro è che sin dall’inizio non si capisce se ci si trova di fronte a un romanzo, a una raccolta di racconti o di riflessioni dei protagonisti. L’autore si diverte a confondere il lettore usando la terza e la prima persona senza mai scendere nel banale e senza mai far perdere d’interesse alla lettura della vicenda. Esperimento letterario che aveva già condotto nel romanzo precedente nel quale l’uso della seconda persona era risultato piuttosto vincente.

Emidio Clementi di certo non punta all’affermazione commerciale, il suo intento è quello di raccontare storie che, in qualche modo, ha vissuto in prima persona. In più di un’intervista l’autore ha dichiarato che le sue storie prendono sempre spunto dal vissuto reale e, in questa sua onestà intellettuale, Clementi trova sempre il modo di affascinare il lettore con storie sempre più sincere, dove trovare un pezzo del nostro quotidiano.


Per la prima foto, copyright: Markus Spiske su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.