Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

“Il mercante di libri maledetti” e “L’enigma dei quattro angeli” di Simoni: storia d'una rimozione

Il mercante di libri maledetti, L’enigma dei quattro angeli, Marcello SimoniNonostante la fascetta editoriale riporti l’avviso che Il mercante di libri maledetti (Newton Compton, 2011) è enigmatico come “Il nome della rosa” e avvincente come “I pilastri della Terra”, vorrei tranquillizzare Umberto Eco e Ken Follett: dormite tranquilli, era solo una battuta.

Incuriosita da un’intervista rilasciata da Marcello Simoni a una radio locale, mi sono finalmente decisa a leggere il suo primo romanzo, già pubblicato in Spagna nel 2010 con il titolo "El secreto de los 4 Ángeles", così riferisce la sovraccoperta. Ohibò, credo che Simoni in questo periodo soffra di una momentanea amnesia. Il mercante di libri maledetti non può essere stato scritto nel 2008 – come l’autore ha sostenuto alla radio e in questa intervista – , lo stesso romanzo era, infatti, uscito in Italia già nel 2007 col titolo L’enigma dei quattro angeli (Il Filo).

Posso quindi immaginare che la Newton Compton, che saluta Il mercante di libri maledetti come un esordio che rimarrà nella storia, non sia a conoscenza di questo particolare. Certo sarebbe bastata una veloce ricerca online per colmare tale lacuna.
Per fortuna ho avuto modo di leggere entrambi i romanzi ed è con vero piacere – e assoluta onestà – che vi esporrò quanto è rimasto inalterato e quanto, invece, ha subito variazioni degne di nota.

D’ora in poi chiamerò soltanto Il mercante la nuova veste uscita dalla fucina Newton Compton, mentre la versione Il Filo sarà I quattro angeli.
Ne Il mercante sono scomparse quasi completamente le digressioni storiche presenti ne I quattro angeli, non a caso la versione Newton Compton ha 351 pagine invece di 409. L’ansia di creare differenze non ha prodotto, però, buoni risultati, almeno in questo caso: il romanzo di Simoni è un thriller medievale ma, privato di tutte le spiegazioni del caso, diventa estremamente semplicistico. È anche vero, però, che a pagina 16 e 17 de I quattro angeli il chiarimento relativo agli albigesi pare più adatto a History Channel che non a un thriller, ma credo sarebbe stato meglio mediare: tagliare di netto non è stata la soluzione narrativa migliore. Lo stesso è avvenuto a pagina 24 de Il mercante, dove la cronaca relativa alla IV crociata è letteralmente sparita.
Ancora, nell’edizione Newton Compton molti punti esclamativi e di sospensione sono scomparsi dal discorso diretto, molti altri, però, sono rimasti al loro posto. Capisco la discrezione dell’editing, ma al lettore rimane la spiacevole sensazione di un intervento frettoloso e talvolta non necessario. Ma non è ancora finita: sono state rese in italiano tutte le definizioni latine, proprio quelle che ci lasciavano intendere d’essere nel tredicesimo secolo.
Spiace poi constatare alcuni cambiamenti a dir poco discutibili: ne I quattro angeli, ad esempio, a pagina 211 troviamo la frase vestito con un mantello, chiara e corretta. Purtroppo ne Il mercante, a pagina 176, si è trasformata in un’illeggibile indossava con un mantello. Lo stesso accade a pagina 344 – ne Il mercante – dove siamo costretti a leggere un brutto sì, credevo d’averlo perso ma lo ho ritrovato, che ne I quattro angeli era invece un normalissimo l’ho ritrovato. Stento a capire i motivi di questi interventi, ma ci sono molte altre cose che mi lasciano perplessa: virgole che spariscono e verbi che dal plurale passano al singolare, con costernazione di chi, come me, ha notato che ne I quattro angeli non c’era traccia di tutti questi errori.

E mi chiedo anche perché quest’ansia di cambiamenti, tagli e correzioni non sia stata applicata a correggere alcuni difetti de I quattro angeli, come ad esempio la lentezza della narrazione, un ritmo al rallentatore per una storia che vorrebbe essere d’azione. Alcuni esempi, tanto per intenderci.

A pagina 87 de Il mercante mi imbatto in questa descrizione: Davanti ai suoi occhi sfilavano piccole scene di vita agreste, un drappello di villani dava la caccia a un cinghiale; un bifolco portava ad abbeverare i buoi; un crocicchio di massaie lavava i panni sulla riva; un gregge di pecore pasceva in un prato; un pastore ronfava all’ombra di un faggio. Il capitolo 52 de Il mercante – pagina 190 – si apre così: L’alba si stava affacciando sulle terre d’Occidente. Coronava i Pirenei con la sua luce dorata, metallo incandescente in procinto di liquefarsi e di colare sui pendii in budelli di fuoco.
Ora, non so a voi, ma qualche sbadiglio a me è scappato.

Inoltre, in questo thriller medievale di dubbia velocità, i personaggi – che mi ricordano vagamente il Dirk Pitt di Clive Cussler – sono sempre sopra le righe. Il mercante menzionato nel titolo è Ignazio da Toledo, che Simoni ci descrive di lineamenti moreschi, carnagione chiara, pelato e con la barba plumbea – queste due caratteristiche gli conferiscono un’aria dottorale – ma è anche il caso d’aggiungere che sono gli occhi a catturare l’attenzione: smeraldi verdi e penetranti incastonati fra rughe geometriche. (Pagina 11). Potrei proseguire ma credo d’aver reso l’idea.
Il mercante di libri maledetti, L’enigma dei quattro angeli, Marcello SimoniBene, il nostro Ignazio è in un bel pasticcio a causa di un libro, ovviamente maledetto, e in questa avventura è coadiuvato da Willalme de Béziers, e anche lui è dotato di uno sguardo da cartolina: Gli occhi azzurri sembravano quelli di un fanciullo, ma i contorni del viso erano decisi, scolpiti dall’espressione rigida delle mascelle (Pagina 12). In seguito si unisce a loro il giovane Uberto – che non a caso ha grandi occhi ambrati – che seguirà i due nuovi compari in mille pericolose peripezie.
Naturalmente non mancano i cattivi. Il più terribile lo incontriamo nel prologo: sta sopra un carro trainato da cavalli neri come la notte, dei veri demoni dell’inferno, e nasconde il viso dietro la Maschera Rossa (Pagina 7 e 8).

Lo stile, come avrete notato, è piuttosto iperbolico. Del resto ci stiamo addentrando in un fine congegno fatto di tranelli e Settimana Enigmistica. No, si sappia, non intendo in alcun modo prendermi gioco del meccanismo narrativo ideato da Simoni, io ho una venerazione per cruciverba e affini! Vorrei anche farvi notare un particolare: nel testo – in entrambi i testi – sono presenti diverse immagini che riproducono gli indizi scovati dai nostri tre eroi... peccato che la soluzione la si possa scoprire soltanto grazie a nozioni che i più – io tra loro – non possiedono. Tali disegni perciò risultano, a mio avviso, assolutamente inutili. Carini da vedere, ma niente di più.

Quindi a conti fatti mi rimangono alcuni dubbi: perché Simoni ha scordato di citare quei poveri quattro angeli? Com’è possibile che siano sfuggiti alla Newton Compton? Possibile che nessun recensore si sia chiesto niente in proposito? E, passatemela, se L’enigma dei quattro angeli ha partecipato a Belgioioso Giallo 2008 tra i romanzi editi da piccole case editrici, potrà partecipare in futuro tra le grandi come Il mercante di libri maledetti?
Ai posteri, sempre a loro, spetterà scoprire la soluzione di questi enigmi. Io mi fermo qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.6 (66 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.