Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Il dolore di perdere un figlio. “Solo un ragazzo” di Elena Varvello

Il dolore di perdere un figlio. “Solo un ragazzo” di Elena VarvelloSe credete sia difficile raccontare una perdita, pensate quanto possa esserlo tracciare i lineamenti di chi la vive in prima persona; sviscerare i pensieri struggenti inflitti dalla morte di un fratello oppure indugiare sul cuore pesante di chi affronta il dolore più grande, sopravvivere a un figlio.

Se un modo c’è, è dire «Tutta la verità. Ma obliqua» («Tell all the truth but tell it slant», come suggeriva Emily Dickinson), ed Elena Varvello, come affida all’epigrafe, lo fa in una maniera delicata e avvincente.

Racconta una normalità incrinata, fatta di quotidianità taciute, problematiche spigolose e oscurità ingombranti.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Vissuti e reazioni contrastanti, tragedie sospese e fraintendimenti volontari, stipati a forza in una cittadina che nasce, vive e si trasforma sotto gli occhi del lettore; un luogo dove le case hanno un’identità, spesso felice solo in apparenza; profondamente ferite. Dove gli edifici custodiscono segreti. Case violate, tenute in piedi a forza, minate da distanze e incomprensioni e baracche improvvisate da poter chiamare “casa”.

Aleggia sopra quegli edifici, Solo un ragazzo (Enaudi, 2020), il nuovo romanzo dell’autrice torinese, Elena Varvello; un’alienante storia che fotografa gli effetti devastanti della perdita.

Un intreccio cronologico avvincente sviscera la storia analizzando le reazioni alla vita che accade, di Sara e Pietro, delle figlie Amelia e Angela e dell’ultimogenito, fulcro attorno a cui ruota tutto il libro, “solo un ragazzo”.

Il dolore di perdere un figlio. “Solo un ragazzo” di Elena Varvello

Eventi che trascinano nel loro incedere precipitoso anche ciò che è di contorno alla famiglia, i loro vicini Gemma e Carlo, la figlioletta Silvia, gli abitanti del paese, i compagni di scuola, il liceo dove lavora Pietro, la stazione di servizio e la spiaggia che, con l’incedere degli anni, diventa una discarica. 

Come evoca l’immagine della copertina, tra le pagine c’è un ragazzo dentro a un ragazzo; afflitto dall’incertezza dell’adolescenza, insicuro della propria identità, in cui il bene e il male stridono e convivono contemporaneamente, un involucro scarno dai capelli lunghi che in una torrida estate di fine anni Ottanta, riesce soltanto a sentire freddo. A difenderlo, solo una felpa col cappuccio.

Un ladro senza coscienza, che arraffa oggetti dalle case dei vicini, feticci che per lui hanno un significato, celato al lettore, che custodisce sotto al letto ma che nega di aver rubato.

“Protetto” da un cacciavite, si spinge oltre il limite, mostrandosi nella sua natura di delinquente a casa dei vicini Gemma e Carlo; il misto di adrenalina, paura e potenza provato quella notte lo porta a vedersi con gli occhi degli altri e quella consapevolezza, elaborata e maturata nel tempo, lo porterà a esalare l’ultimo respiro in garage, annaspando accanto all’auto del padre accesa, nudo, indifeso, incompreso.

Il dolore di perdere un figlio. “Solo un ragazzo” di Elena Varvello

Di lui sopravvive soltanto una capanna in mezzo al bosco, rifugio sicuro che costruisce con le proprie mani; un groviglio di lamiere, compensato e edera, ingarbugliato come la mente che lui stesso non è in grado di comprendere.

A lui sopravvivono i feticci rubati e quel che resta della famiglia.

I genitori svuotati, le sorelle smarrite: i primi troppo impegnati a negare la diversità del ragazzo; le seconde troppo occupate a seguire i loro conflitti adolescenziali per accorgersi dei drammi del fratello. Un ragazzo, solo un ragazzo, troppo gentile, troppo sorridente, troppo tranquillo; troppo incompreso, troppo strano perché qualcuno si azzardasse a comprenderne i misteri.

Una famiglia lacerata dal dolore, distrutta dai sensi di colpa e dal fallimento, incapace di sopravvivere alla sofferenza, seppur costretta a farlo.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

C’è un ragazzo, ma ciò che anima la storia sono gli effetti della sua assenza e il rimorso per la perdita. Un rimpianto che si può riassumere in un’unica citazione dal libro:

«Chi sei?»

«Sono tuo figlio.»

 

Interessante sarebbe poter chiedere a Varvello il nome del ragazzo. L’appella sempre con un “lui” impersonale, lasciandolo senza volto, di spalle, stretto in quel cappuccio, solo l’azzurro dei suoi occhi a dare una parvenza di colore. Come se conoscendone il nome, il lettore potesse alleviare un po’ di quel dolore.


Per la prima foto, copyright: Christian Erfurt su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.