Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

“Il bacio dell’Assunta” di Giovanni Cocco

Giovanni Cocco, Il bacio dell'AssuntaSono stati fatti numerosi paragoni per provare a definire o inscatolare Il bacio dell’Assunta di Giovanni Cocco, uscito nel marzo scorso per Feltrinelli, nella collana I Narratori. Dall’accostamento, forse un po’ troppo ottimistico, con Piero Chiara, interprete sopraffino e gustoso del bozzetto, a quello, più onesto e proprio, con Andrea Vitali, il romanzo di Cocco, vale la pena dirlo subito, è una prova onesta, di piacevole lettura, che non propone spunti narrativi di altissimo profilo ma gioca la carta, sempre efficace, del gusto, autentico, genuino, di raccontare una storia.

La vicenda al centro del romanzo non mancherà di fare echeggiare, soprattutto per gli amanti di quel giallo che potremmo definire “di provincia” (si veda l’interessante Marco Malvaldi), suggestioni già esperite con soddisfazione, squadernamenti narrativi da rintracciare con rapidità e dei quali assaporare ancora una volta il rassicurante aroma. La narrazione di Cocco, infatti, ruota attorno al furto di una statua della Madonnina dalla chiesa di un paese. Per le vie del piccolo centro si avvicendano numerosi personaggi: da Angela Bordoli, maestra e organista, la prima a entrare “in scena”, al parroco don Luigi, dal giornalista Carlo Frigerio fino al comunista Bernasconi. Ciascuno di loro come parte di un organismo più grande, per quanto ridotto nelle dimensioni, il paese, per l’appunto, all’interno del quale è inevitabile che ogni storia si colleghi a ogni altra, o quasi.

Giovanni Cocco, che si era già messo in luce con il suo romanzo d’esordio, La caduta, finalista al Premio Campiello nel 2013, risulta efficace nello stendere il suo affresco con senso della coralità e ritmo frenetico. In ciò non è indifferente la suddivisione di massima del romanzo, che segue le quattro stagioni, a partire dall’autunno, aggiungendovi prologo ed epilogo, a formare un testo rapido e asciutto, con capitoletti agili e parecchio “cinematografici”.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+,Issuu e Pinterest]

Giovanni CoccoQual è, dunque, il limite più evidente, e importante, di questa “operazione”? Con tutta probabilità, la sotterranea sensazione di essere presi per mano e accompagnati alla scoperta di personaggi di cui si è già letto in passato, e a più riprese. Sia detto con chiarezza: non è da considerare necessariamente un difetto; basterebbe, per spezzare una lancia a favore dell’utilizzo reiterato di determinati stili, stilemi e ambienti, addurre la vicenda di conclamata, e remunerativa, elefantiasi giallistica di Andrea Camilleri, che pure, stando alla sua lunga e variegata carriera, non nasce come giallista (ma neanche come romanziere tout court, in verità).

A mio modo di vedere, se il whodunit può avere ancora, nell’anno di grazia 2014, una sua valenza, e a patto che possa davvero averla, dovrebbe fare riferimento a una rediviva inventività linguistica, oltre ad affidarsi senza remore alla sperimentazione tematica e alla contaminazione fra generi. Come dire che di Agatha Christie ce n’è una sola. Per non parlare di Georges Simenon, poi.

Alla fine dei conti, della lettura de Il bacio dell’Assuntarimangono da un lato il solido mestiere narrativo di Giovanni Cocco, una certa vocazione all’incedere “da schermo”, l’estrema semplicità di lettura; dall’altro, una galleria di personaggi più che tipica, senza sobbalzi di sorta e, sebbene a livello più spicciolo, una elevata prevedibilità nello svolgimento.

Potrebbero essere proprio queste le carte vincenti de Il bacio dell’Assunta?

Il tuo voto: Nessuno Media: 2.8 (4 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.