Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Corso SEC

Corso online di editing

Conoscere l'editing

I luoghi letterari di Roma – 2

I luoghi letterari di Roma – 2Nella scorsa puntata abbiamo accennato al caffè Canova, ma ci fu uno scrittore che dichiarò: «Roma ha un solo caffè e quell’uno è peggio di tutti i migliori a Trieste… Sono costretto ad andare a un piccolo ristorante greco frequentato da Amiel, Thackeray, Byron, Ibsen e compagnia; listino delle consumazioni in inglese, 1 penny e ½ per un caffè, un bricco di tè da sei tazze 6 penny».

Curioso far notare che il “piccolo ristorante greco” si trova in Via Condotti al numero 86 ed è il famoso Caffè Greco (per chi fosse a Roma fra qualche giorno, il 21 marzo si celebra la Giornata Mondiale della Poesia). Va anche detto però che James Joyce, autore di quella descrizione del 1906, non amava per nulla la caput mundi, il suo cuore era rimasto a Trieste.

 

Circa un secolo prima, un altro scrittore, Stendhal, aveva dichiarato che il caffè Greco serviva «per tredici centesimi una tazza di eccellente caffè», mentre Hippolyte Taine, intellettuale francese dell’Ottocento, scriveva: «La mattina, colazione al caffè Greco. È un terraneo lungo, affumicato ma comodo, come tanti altri sparsi per l’Italia. Questo, che è il migliore di Roma, sembrerebbe di terz’ordine a Parigi. Bisogna però riconoscere che quasi tutto è buono ed economico: il caffè, veramente eccellente, costa tre soldi a tazzina».

 

Ferdinand Gregorovius, storico tedesco dell’Ottocento, scriveva: «Lo scultore John Gibson si trova ogni mattina al caffè Greco», e qui arrivano tanti artisti dell’epoca, sia italiani sia stranieri. Per esempio il pittore russo Alpatov narrò che «in un angolo oscuro del caffè Greco, dove solevano incontrarsi gli artisti russi, uno strano tipo dai fluenti capelli biondi ricadenti sulla fronte e un lungo naso aquilino. Immerso nella lettura di un certo libro, lo sconosciuto pareva non accorgersi di ciò che accadeva intorno a lui. Soltanto più tardi si seppe che quell’uomo taciturno e immerso in se stesso, dagli occhi che ogni tanto mandavano lampi, era Nikolaj Vasilevič Gogol». Non poche pagine de Le anime morte furono scritte proprio a Roma, fra quei tavoli del caffè.

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.