Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

I begli occhi del Canzoniere di Petrarca

I begli occhi del Canzoniere di PetrarcaNel capolavoro di Petrarca, tra i tanti temi umani e letterari trattati, particolare importanza hanno gli occhi e la “visione”, che si fanno potente simbolo degli stati d’animo del poeta, e divengono riferimenti alla donna da egli amata. Gli occhi e lo sguardo sono presenti in numerosi sonetti della raccolta, e attraverso essi Petrarca rinnova la memoria del primo incontro con Laura, che, a sua volta, spesso è caratterizzata proprio dall’intensa luce proveniente dal suo sguardo.

Naturalmente, per Petrarca si intendono anche gli “occhi mentali”, quelli grazie ai quali è possibile vedere anche ciò che non è presente, dunque avere una visione di Laura attraverso uno sguardo intellettivo che si serve della memoria. Il tema delle visioni e del vedere è tra i più presenti nei trattati medievali, ricordando gli studi sulla scienza de optica e sulla prospettiva, e se già Dante affermava che si “conosce tramite gli occhi”, erano numerosi gli autori che avevano trattato dell’amore legato allo sguardo, descrivendo gli occhi come il bersaglio del sentimento amoroso, e che, senza dubbio, l’amore nasceva dalla vista.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Anche nel Canzoniere gli occhi sono inevitabilmente collegati all’amore e alla luce, fin quando Laura stessa si fa simbolo di entrambi; in più passi gli occhi della donna emanano una potentissima luce, risplendente come il sole, che tocca la mente del poeta innamorato seguendo a tener viva la fiamma del sentimento, e restando presente anche nel paesaggio che Petrarca attraversa e descrive, sottolineando come la presenza di Laura non venga meno proprio grazie alla fiamma d’amore che irradia col suo sguardo.

I begli occhi del Canzoniere di Petrarca

L’espressione begli occhi, ricorrente nei componimenti, rimanda subito con la mente a quello che è probabilmente il sonetto più celebre dell’opera, il xc, di cui la prima quartina recita:

 

Erano i capei d’oro a l’aura sparsi

che ʼn mille dolci nodi gli avolgea,

e ʼl vago lume oltra misura ardea

di quei begli occhi, ch’or ne son sí scarsi;

 

Qui Petrarca rimembra il primo incontro con Laura, e la visione è ben fervida nella mente del poeta, tanto che seppure il viso della donna abbia subito gli inevitabili segni del tempo, non viene meno la sua bellezza né l’effetto amoroso sull’animo dell’amante. Ma gli occhi e il viso della donna sono anche dotati di una luminosità celestiale:

 

Quand’io son tutto volto in quella parte

ove ʼl bel viso di madonna luce,

e m’è rimasa nel pensier la luce

che m’arde e strugge dentro a parte a parte.

I begli occhi del Canzoniere di Petrarca

Siamo qui nella prima quartina del sonetto XVIII nel quale, in una raffinata combinazione di rime equivoche, Petrarca presenta lo splendore del volto di Laura; la “luce” del secondo verso è utilizzata come verbo, dunque è il viso di Laura che risplende, mentre la “luce” del terzo verso è sostantivo indicante la luce vera e propria che si è cristallizzata nella memoria di Petrarca.

Ma la luce, attraverso gli occhi, può divenire anche fonte di dolore, se non di morte; il sonetto, infatti prosegue affermando che:

 

 

i’ che temo del cor che mi si parte,

e veggio presso il fin de la mia luce,

vommene in guisa d’orbo, senza luce,

che non sa ove si vada e pur si parte

 

Continuando a giocare sulla rima equivoca, Petrarca evidenzia come quella luminosità lo porti a contemplare la fine della sua “luce”, cioè della sua vita, facendolo fuggire come un non cieco, impossibilitato a “vedere” a causa dell’intensità abbagliante della bellezza luminosa.

E, ancora, i begli occhi capaci di uccidere sono menzionati nel sonetto xlvi:

 

ma piú ne colpo i micidiali specchi

 

Gli occhi si fanno specchi micidiali, portatori di distruzione, Petrarca aggiungerà forgiati sugli abissi infernali. Ma il desiderio di vedere Laura è sempre presente nel poeta, anche quando l’istinto lo porta a fuggire la visione: immediatamente, la mente torna al viso di “madonna”, e il pensiero amoroso emerge con la medesima intensità, e bellezza e dolcezza riafferrano Petrarca:

 

Pien di quella ineffabile dolcezza

che del bel viso trassen gli occhi miei

nel dí che volentier chiusi gli avrei

per non mirar già mai minor bellezza

 

Siamo nella prima quartina del sonetto CXVI; Petrarca si trova in Valchiusa, e la visione di Laura lo raggiunge nuovamente attraverso gli occhi, che addirittura il poeta ci dice avrebbe chiuso volentieri per non essere in seguito costretto a contemplare bellezze inferiori rispetto a quella della sua donna.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Specchi che trafiggono, finestre luminose, riflessi dell’animo, tutto questo sono i begli occhi di Laura, e attraverso essi Petrarca ci narra parte delle sue più profonde riflessioni, ricordando come “da” e “per” gli occhi torni sempre viva l’immagine mnemonica della donna amata, e come il poeta abbia così la mente a contemplar sola costei.


Per la prima foto, copyright: Luca Iaconelli su Unsplash.

Nessun voto finora

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.