Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Conoscere l'editing

I 100 libri che hanno cambiato la vita di David Bowie

I 100 libri che hanno cambiato la vita di David BowiePer chi ama David Bowie la lettura de Il book club di David Bowie – I 100 libri che hanno cambiato la vita di una leggenda di John O’Connell pubblicato in Italia da Blackie Edizioni (traduzione di Fabrizio Coppola, 2020)è un modo per entrare in maniera più profonda nell’intimità di un mito, scoprire episodi della sua vita strettamente legati alla sua crescita spirituale e artistica, mettere in relazione i suoi testi con le letture che lo hanno accompagnato per tutta la vita. Per chi conosce poco David Bowie questo libro aiuterà a conoscere meglio una leggenda, un uomo e un artista che ha cambiato il modo di approcciarsi alla musica, il cui metodo creativo piuttosto inusuale nella musica pop comportava l’aprirsi a ogni possibile influenza. A Bowie piaceva leggere, e molto, quindi i libri occupavano un ruolo naturale nel suo processo creativo. E non solo in quello.

Nel 2013, in occasione dell’apertura della mostra David Bowie Is a Toronto, l’artista stilò la lista dei suoi cento libri preferiti o per essere precisi, quelli più importanti e influenti. Bowie leggeva di tutto e la sua lista è veramente eterogenea. Da Lo straniero di Camus a Lolita di Nabokov, da La terra desolata di T.S. Elliot a Mentre morivo di William Faulkner, dalla Divina Commedia di Dante al Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Ma la lista è lunga e gli autori sono tanti.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

I 100 libri che hanno cambiato la vita di David Bowie

Quando nacque Ziggy Stardust Bowie aveva già alle spalle numerosissime letture tra cui George Orwell le cui profezie aveva messo in musica nell’album Diamond Dogs. In Where are the Dead è racchiusa infatti l’anima di 1984: il titolo riprende le parole che Winston, il protagonista di 1984, rivolge a Julia mentre giace con lei un attimo prima che il loro nascondiglio venga scoperto e loro separarti per sempre. In quasi cinquant’anni di carriera il bagaglio di letture diventa ingombrante. Alcuni libri viaggiavano costantemente con Bowie, erano inseparabili e tutti riflettono il suo lato Mod, mai abbandonato. Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald eLa terra desolata di T.S. Eliot sono chiara espressione di questo suo lato anche se tra i cento libri s’intuiscono i diversi interessi che ha avuto nel corso della vita: il buddismo, la cultura afroamericana, il Giappone, l’anglomania, la Repubblica di Weimar, la teoria dell’arte, il postmodernismo, la fantascienza, la neurodiversità che lo convinse che la schizofrenia, di cui soffriva suo fratello, potesse essere qualcosa da esaltare e non di cui vergognarsi.

 

LEGGI ANCHE – 25 quadri di David Bowie

 

Nella lista dei cento ci sono titoli che rappresentano la polifonia di Bowie e la sua poliedricità: il nadsat, lo slang anglo-russo parlato da Axel di Arancia Meccanica di Anthony Burgess affiora nel brano Suffragette City che successivamente mescolerà con il linguaggio segreto dei gay inglesi, il polari, in Girls Loves Me.

I 100 libri che hanno cambiato la vita di David Bowie

Lo scrittore giapponese Yukio Mishima era molto amato da Bowie tanto che, nell’appartamento in cui viveva a Berlino, durante le registrazioni di Heroes dormiva sotto il ritratto dello scrittore che lui stesso aveva realizzato. Probabilmente Bowie trovava il machismo guerresco di Mishima ammirevole perché si trattava ovviamente di una performance. E lui era geniale nelle sue performance sul palco. I suoni dei macchinari della trilogia berlinese pulsano attraverso il capolavoro di Alfred Döblin, Berlin Alexanderplatz; A Grave for a Dolphin di Alberto Denti di Pirajno ispirerà il famoso verso di Heroes, quello in cui desidera nuotare come un delfino; Christopher Isherwood di Il signor Norris se ne va sarà la guida spirituale di Bowie a Berlino: Isherwood aveva definito Berlino negli anni della Weimar un luogo dove «l’odio esplodeva improvvisamente, senza alcun preavviso, da episodi in apparenza insignificanti». Cercando di scoprire le radici di quell’odio, per l’album Station to Station Bowie creò il Duca Bianco, un uomo ossessionato dall’occulto e dal pensiero nietzschiano.

L’elenco dei libri e delle suggestioni sarebbe troppo lungo da scrivere per cui leggere questo libro è un viaggio di notevole spessore letterario e come scrive l’autore nella nota «la lista […] non è la biblioteca inavvicinabile di un personaggio leggendario […] è un invito a immergerci nei libri e nel loro potere di trasformarci».

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Molto interessante è anche seguire il percorso sonoro indicato dall’autore: l’Iliade di Omero abbinata all’ascolto di Wishful beginnings; L’outsider di Colin Wilson a Space Oddity; Città di notte di John Rechy a John, I’m Only Dancing; Il sistema di morte americano di Jessica Mitford a My death (cover deLa mort di Jacques Brel che cantava dal vivo all’epoca di Ziggy Stardust). E tanto altro ancora.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.