Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Greta Garbo: diva per sempre

Greta GarboSono passati venticinque anni dalla morte di Greta Garbo (New York, 15 aprile 1990), ma la divina resta l’immutata icona della leggendaria Hollywood degli anni d’oro del cinema, quelli che ne consolidarono la funzione di settima arte e, al contempo, con il sigillo apposto dal passaggio dal muto al sonoro, ne decretarono il ruolo di nuova e legittima proiezione della realtà. Ogni proiezione, tuttavia, è già intrinsecamente finzione e la vita di Greta Lovisa Gustafsson (Stoccolma, 18 settembre 1905) porta in scena una trama che anche il più abile e sagace degli sceneggiatori avrebbe faticato a ideare.

Greta, o Keta com’era chiamata in famiglia, è stata protagonista di un’infanzia instabile e problematica, segnata dal subbuglio delle incomprensioni familiari: padre ubriaco ma molto amato e perso precocemente; madre dispotica, insidiosa sfida ai sogni di gloria della figlia; un fratello e una sorella distratti o troppo presi da se stessi. La sua stessa formazione scolastica ne risentì: discontinua, volubile, utile, tuttavia, a introdurla alla lettura dei grandi maestri della narrativa scandinava, il premio Nobel Selma Lagerlöf, per esempio, autore de La leggenda di Gösta Berling, che nel 1924 vide la Garbo recitare nel primo ruolo importante (Elizabeth) nell’omonima trasposizione cinematografica.

Prima però Keta/Greta lavora presso un barbiere come tvalflicka, letteralmente: ragazza che insapona. Insapona il viso ai clienti, prepara asciugamani, pulisce pettini e rasoi e spende tutto ciò che guadagna in biglietti del cinema e del teatro, in riviste attraverso cui si esercita a coronare la sua più grande ambizione. Con ostinazione, trasporto e intelligenza, anche quando costretta a rubare nel negozio in cui lavora come commessa per pagarsi le lezioni per l’ammissione all’Accademia Reale per attori e registi.

Greta Garbo

Una vita (quasi) da romanzo, dunque, incluso l’abbandono anzitempo delle scene. Come detto, e oggi ricordato, Greta Garbo muore nel 1990, ma il suo ultimo film lo gira nel 1941 (Non tradirmi con me, George Cukor). Come una vera eroina, è padrona di se stessa e del suo destino; è diva per sempre ma non diva a ogni costo. «Bè, nessuno è il mio padrone, chiaro? Io sono roba mia, farò sempre quello che voglio, e non c’è uomo al mondo, può essere chi vuole, che può darmi un ordine. Chiaro?». La battuta è pronunciata in Anna Christie (Jaques Feyder, 1931), ma oltrepassa il confine finzione/realtà.

Greta Garbo

Una cosa è, appunto, la finzione e un’altra è l’illusione. Hollywood è entrambe e spesso si sovrappongono fino a diventare una cosa sola, un gioco crudele e perverso capace di schiacciare la volontà e prosciugare l’identità dell’uomo o della donna dietro la maschera del divo/a. In questo senso, la battuta pronunciata in Anna Christie è una dichiarazione perentoria: Hollywood non è padrona di Greta. Anche se l’ha creata e consegnata al mito.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

La via per Hollywood passa, però, prima da Berlino con la pellicola La via senza gioia (1925, Georg Wilhem Pabst, in Italia conosciuto anche col titolo L’ammaliatrice), titolo premonitore, forse, del viaggio verso la celebrità. Timoniere, Louis B. Mayer che offre al regista e alla sua attrice il biglietto di andata per la nascente mecca del cinema. E a Hollywood Keta diventa la divina Garbo, quintessenza della bellezza, una bellezza spietata, implacabile e inafferrabile come la mitica Mata Hari (1931, George Fitzmaurice). Una bellezza che è anche un equivoco, l’onesto malinteso per cui l’intera carriera della ex tvalflicka di Stoccolma sia eretta su fondamenta per così dire estetiche e non di solido talento e duro lavoro su se stessa, come invece non solo lei sente, ma anche chi ha una conoscenza meno didascalica e superficiale della sua vita può confermare in pieno.

Greta Garbo, 1931, foto di Clarence Sinclair Bull

La Garbo non è solo uno sguardo, una bocca, un corpo irresistibile, la seduttrice di frotte di spettatori pronti ad accapigliarsi per un suo sospiro. È piuttosto una donna in conflitto, come molte delle protagoniste che interpreta sullo schermo; è inquieta come Anna Karenina (1935, Clarence Brown), travagliata come Margherita Gauthier (1396, George Cukor), volubile come Kitty Garstin (1934, Il velo dipinto, Richard Boleslawski), pellicole queste che peraltro esprimono il forte nesso causale tra letteratura e cinema e che non a caso scelgono Greta come incarnazione di tre tipi di femminilità contrastata, strumento di passioni torbide e persino fatali. Anche Ninotchka (1939, Ernst Lubitsch) è uno strumento, del regime sovietico questa volta, che nel corso della trama si fa, tuttavia, scopo di un amore inizialmente impossibile.

Greta Garbo, Anna Karenina

Tutte queste donne  ̶ Anna, Margherita/Camille, Kitty, Mata, Ninotchka, ma anche la Regina Cristina (1933, Rouben Mamoulian), o madame Grusinskaya (Grand Hotel, 1932, Edmund Goulding) – sono pose tragiche e romantiche ma pur sempre effimere, proiezioni dell’artificioso e dorato mondo hollywoodiano, una trappola di sogni all’ingrosso che poteva aver irretito la giovane Keta, ma non illude più Greta, ormai conscia che il cinema degli anni Quaranta non si addice a una vera diva per sempre.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.