Conoscere l'editing

Corso online di editing

Diffondi libro

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Grandi fotografi grandi narratori – 23 Tina Modotti

Grandi fotografi grandi narratori – 23 Tina ModottiSono molti i fotografi che hanno vissuto a caccia d’immagini in giro per il mondo, spesso muovendosi tra guerre e altri sconvolgimenti epocali, ma pochi possono vantare un’esistenza così avventurosa come quella di Tina Modotti (Udine, 17 agosto 1896 – Città del Messico, 5 gennaio 1942).

Nata in una famiglia di operai socialisti, Assunta Adelaide Luigia Modotti vive già da piccolissima la condizione d’emigrante in Austria, dove il padre cerca per qualche anno una migliore sistemazione, decidendo poi di tornare a Udine. Qui la giovane Tina frequenta con profitto le scuole, s’interessa al laboratorio fotografico dello zio Luigi, dove apprende i primi rudimenti del mestiere, e lavora per qualche anno come operaia in una filanda.

Nel 1913 segue la famiglia, che emigra definitivamente negli Stati Uniti e si stabilisce a San Francisco: qui trova lavoro come sarta, ma frequenta anche i teatri e inizia a seguire dei corsi di recitazione. Nel 1918 si sposa con un pittore, Roubaix del Abrie Richey detto Robo, e si sposta con lui a Los Angeles, dove conosce molti artisti e intellettuali e arriva a interpretare alcuni film. L’ambiente hollywoodiano tuttavia la delude, ma stringe legami con alcuni fotografi che la ritraggono per la sua bellezza, soprattutto Edward Weston che diventa presto suo maestro e amante. Robo reagisce partendo per il Messico, ma quando Tina decide di raggiungerlo arriva a destinazione due giorni dopo la morte del marito, colpito dal vaiolo.

Rimane però affascinata dal paese, che vive una felice stagione dopo la rivoluzione che nel 1920 ha posto fine alla dittatura del generale Porfirio Dìaz, e vi si trasferisce con Weston: lavorano entrambi con successo come fotografi e ritrattisti, e nel 1924 una loro grande mostra fotografica congiunta è inaugurata a Città del Messico alla presenza del Capo dello Stato. Entrano anche in contatto con i grandi pittori muralisti, David Alfaro Siqueiros, Diego Rivera e Clemente Orozco, che li introducono nel Partito Comunista Messicano.

Grandi fotografi grandi narratori – 23 Tina ModottiIn pochi anni Tina segue un percorso artistico che la porta a modificare profondamente i soggetti dei suoi scatti. Nata come ritrattista, nel primo periodo messicano è affascinata dalla natura e realizza grandi immagini di fiori e piante, per poi approdare a servizi d’indagine e denuncia sociale: i suoi soggetti preferiti diventano le manifestazioni studentesche e sindacali, il lavoro degli operai e dei contadini, la simbologia cara al partito comunista.

La fine degli anni ’20 segna l’apice della sua carriera, quando diventa fotografa ufficiale del museo nazionale messicano. In questo periodo Tina diventa amica della pittrice e fotografa Frida Kahlo e di Vittorio Vidali, esiliato italiano legato al Komintern sovietico. Mentre Weston torna negli Stati Uniti, lei s’innamora di Julio Antonio Mella, giovane rivoluzionario cubano, assassinato dopo pochi mesi da sicari del dittatore Machado.

Nel frattempo il nuovo presidente messicano Ortiz Rubio mette fuorilegge il partito comunista: al principio del 1930 Tina è arrestata ed espulsa dal paese, così s’imbarca con Vidali per raggiungere l’Europa. Muovendosi da un paese all’altro fino a raggiungere Mosca, cerca di riprendere l’attività fotografica, talvolta anche esponendo le opere portate con sé dal Messico, ma è assorbita dall’impegno politico: negli anni Trenta milita nel Soccorso Rosso Internazionale, abitando in diverse città europee per assistere profughi e rifugiati politici. Partecipa poi con Vidali alla guerra civile spagnola e tenta di tornare in Italia a svolgere attività clandestina, ma deve rinunciare.Grandi fotografi grandi narratori – 23 Tina Modotti

Nel 1939 rientra infine in Messico, dove un nuovo presidente ha annullato il decreto d’espulsione, e qui vive in povertà facendo traduzioni e occupandosi sempre dei rifugiati. Muore nel 1942, presumibilmente per un infarto, su un taxi che la stava riportando a casa dopo una cena: alcuni hanno avanzato il dubbio, risultato privo di fondamento, che fosse stata assassinata.

L’attività di fotografa e di militante di questa donna straordinaria è stata ignorata per decenni fino a una riscoperta recente, con pubblicazioni e mostre che ne hanno fatto conoscere le immagini ancora attuali, mentre la sua vita avventurosa ha ispirato canzoni e opere teatrali.

Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.