Corso SEC

Corso online di editing

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Gli esordi di Balzac

[Articolo di Stefano Trucco pubblicato nella Webzine Sul Romanzo n. 2/2013, La difficoltà dell'inizio. Il coraggio del primo passo]

Balzac, gli esordi«Il grande successo del giorno: Rigolboche, per via della fotografia in cui mostra le gambe in tutte le posizioni… Ecco fin dove una tirannia deprime il pubblico».

L’età dell’oro è sempre stata prima, si sa, e un tempo si pubblicavano solo capolavori, non come oggi che si pubblica di tutto, anche i libri di barzellette di Totti (un esempio molto popolare fra quanti deplorano il triste stato della nostra editoria). Ma nessuno l’aveva detto ai fratelli Goncourt che, nel 1860, Napoleone III regnante, lamentavano il successo delle “memorie” della ballerina di can-can Rigolboche, scritte, in realtà, da un  giornalista alla moda. Del resto, i giornali toglievano spazio alla letteratura seria e persino il loro amico Flaubert, che ammiravano sinceramente (per quanto gli invidiosi e rancorosi Goncourt riuscissero ad ammirare qualcuno), s’era abbassato a farsi pubblicità.
Declino, come al solito. 

Oggi, la letteratura francese dell’Ottocento può sembrarci una delle vette della creatività umana, ma, per chi la viveva sul campo, era una lotta senza quartiere per emergere e tutti i mezzi erano leciti per ottenere “visibilità”. I Goncourt, però, scrivevano dopo la metà del secolo, quando la giungla era stata in parte disboscata e addomesticata. Pochi decenni prima, ai suoi esordi, Honoré de Balzac aveva dovuto farsi strada col machete in un ambiente ancor più selvaggio. Vediamo cosa il suo esempio può dire agli esordienti di oggi, se le strade percorse per giungere al successo sono ancora aperte o quanto siano mutate.

Nulla distingue Balzac dagli scrittori d’oggi quanto lo spirito con cui affrontò la  carriera letteraria: «Quel che Napoleone cominciò con la spada, io conquisterò con la penna». Oggi, nessuno scrittore, giovane o affermato, oserebbe dire in pubblico che si considera un genio, ma anche per gli standard dell’Ottocento Balzac esagerava. La parola d’ordine per gli scrittori d’oggi è definirsi “artigiani” o “narratori di storie intorno al fuoco”; insomma, essere molto, molto umili, almeno in pubblico. Un’altra cosa che oggi non s’usa più è quella di crearsi un sistema filosofico personale. Negli anni di apprendistato, Balzac lesse voracemente e disordinatamente fino a mettere in piedi una filosofia basata sul potere della Volontà di rifare il mondo, andando anche oltre la natura, il tema che poi tornerà in mille incarnazioni nella Commedia Umana.

[Per continuare a leggere clicca qui, e vai a pagina 25]

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.