Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Corso SEC

Corso online di editing

Galileo Galilei e il suo “personale” bollettino medico

Galileo Galilei e il suo “personale” bollettino medicoSiamo nel 1638, a cinque anni dall’atto di abiura, quando il settantaquattrenne Galileo Galilei scrive all’amico Elia Diodati.

La lettera è un’intensa testimonianza sul suo stato di salute. Ormai del tutto cieco, altre malattie e indisposizioni vanno a debilitare ulteriormente Galieli che, un po’ come tutti gli anziani, si sofferma in particolari molto dettagliati su tutti i malanni che l’affliggono.

 

A Elia Diodati a Parigi.

Firenze, 7 Agosto 1638.

Trovomi da circa un mese in qua sommamente afflitto e prostrato in letto, consumato di forze e di carne che dispero del tutto il più porterne risurgere coll vita. Alla cecità, infiammazione e flussione d’occhi, si è aggiusto l’essere io stato travagliato da dolori colici, e finalmente da una grandissima e violentissima evacuazione, accadutami non per error del medico, ma di chi mi somministrò alcuni bocconi di diaprunis, che per ordine del medico doveva essere lenitivo, ma per errore del ministro fu preso in quel cambio il solutivo, sicchè dopo brevissimo tempo cominciò a tirarmi giù tutto quello che aveva, non solo nello stomaco e negli intestini, ma credo in tutta la sustanza carnosa, cavandomi da dosso credo bene due fiaschi d’umore. Aggiungesi a questo una perpertua vigilia, per la quale a gran fortuna mi tocca a dormire qualche quarto o mezz’ora sul far del giorno, talvolta un’ora o due sul verso la sera. Disgustatissimo di ogni cosa, il vino nimicissimo alla testa ed agli occhi, l’acqua ai dolori di fianco, sicchè in questi ardori il mio bere si riduce a poche once tra vino e acqua, e ad una totale astinenza di frutte di qualsivoglia sorta; l’inappetenza è grande; nessuna cosa mi gusta, e se alcuna mi gusterebbe, mi è del tutto proibita. Questi, Signor mio, sono a me travagli grandi: ma molto maggiori sono i fastidj che mi perturbano per molti versi la mente e la fantasia, che lunghissima cosa sarebbe il raccontarli, nè io posso dettare anco questo poco senza grave offesa della testa.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Con brevità grande dunque rispondo all’ultima sua graditissima del dì 8 di Luglio. Sei giorni sono mi fu portata dai Signori mercanti Ebers tedeschi una lettera degli illustriss. e potentiss. Stati insieme con una scatola entrovi una collana: i portatori mi trovarono in letto afflittissimo, e per essere io cieco, apersero e mi lessero la lettera di detti Signori, veramente piena di cortesia. Io la presi e l’istesso feci della scatola ma la lettera la ritenni appresso di me e la scatola, con quello che dentro vi era, riconsegnai in mano dei medesimi Signori Mercanti, pregandoli che la tenessero appresso di loro, sin tanto che io potessi scrivere in ringraziamento agl’illustriss. e potentiss. Stati, e aspettar riporta a quello che io avrei scritto, che era di ringraziarli della benigna dimostrazione e del buon affetto loro verso di me; ma che la collana non voleva che restasse in mia mano per adesso, e ciò per varj rispetti, ed in particolare per avere il mio infortunio della perdita della vista e dell’aggravio di gravissima malattia interrotto il negozio che si trattava. La gravezza del male non mi ha permesso per ancora di rispondere ai detti Signori: lo farò se mi sarà da Dio conceduto tanto di vigore, e ne manderò copia anco V. S. molt’Illustre; ma se il peggioramento mio va crescendo, come ha fatto da tre o quattro giorni in qua, dubito che il dettar più lettere sarà giunto alla fine.

Galileo Galilei e il suo “personale” bollettino medico

LEGGI ANCHE – Giuseppe Mazzini e i tenerissimi auguri di Capodanno ai genitori

 

La lettera dei Signori Stati mi fu mandata dal Signor Giovanni Reijusto, parente del già Signor Realio, al quale io ho risposto, e doverà fra tanto dar conto il Olanda del succeduto sin qui, come per altra mia ho scritto a V. S. molt’Illustre. Vana impresa del tutto sarebbe che il Sig. Ortensio s’imbrogliasse a venirmi a trovare, chè quando gli succedesse il trovarmi vivo (il che non credo), mi troverebbe del tutto impotente a dargli la minima soddisfazione. Finisco, amico mio caro ed amatissimo: conservate la memoria mia, come di persona che ha conosciuto e stimato i benefizj da voi ricevuti.

Riverirà umilissimamente il mio nome gl’Illustrissimi Signori Noailles e Grozio, insieme col M. R. P. Campanella, del quale il Serenissimo Granduca mi fece leggere una sua lettera scritto a S. A. S., la quale io sentii con gusto.

 

Di lì a quattro anni, nel 1642, Galilei morirà.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.