Interviste scrittori

Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Fuggire dalla perdita del padre. “Le stagioni del viaggio” di Maria Pia Romano

Fuggire dalla perdita del padre. “Le stagioni del viaggio” di Maria Pia RomanoLa scrittrice e giornalista beneventana Maria Pia Romano non è nuova nel panorama editoriale. Ha infatti all’attivo diverse raccolte di poesie e vari romanzi vincitori di svariati premi letterari. Con Le stagioni del viaggio la vediamo tornare in libreria con una vecchia conoscenza, un personaggio che i lettori hanno già avuto modo di conoscere ne Le amiche imperfette, sempre edito da Besa muci: Elisa.

Elisa è una giornalista e lavora per un’emittente televisiva di Lecce. Nel romanzo precedente l’abbiamo lasciata ghost writer per l’amica Angelica, la quale qui fa giusto una breve comparsata ma non temete: i due romanzi non sono necessariamente collegati e potete assaporare l’uno senza aver già letto l’altro, recuperando il primo in un secondo momento. Elisa ne Le stagioni del viaggio è lontana da casa, distante da quella Lecce in cui bisogna «adeguarsi al ritmo della città» benché si abbia la voglia di «urlare al mondo che la vita non è una vetrina in cui sfilare col tacco dodici, ma un viaggio da intraprendere con le scarpe comode». Ed è proprio così che la ritroviamo in Grecia, in un piccolo paesino sull’isola di Leucade. Lontana dalle convenzioni sociali, libera di prendere in mano la sua vita, per troppo tempo, prigioniera di convenzioni sociali e consuetudini rassicuranti.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

È un periodo sabbatico quello di Elisa, fatto di mare ma in bassa stagione, quando Leucade è degli isolani e di una strana italiana che «non comprende la lingua delle persone ma ascolta la musica del mare»; di piccole cose, fosse anche mangiare il pescato del giorno con calma, semplicemente senza stress e orari da rispettare e di un incontro inaspettato che le cambia la vita per sempre:

«Un vecchio fuoristrada Jeep Cherokee degli anni ’90 attrezzato con la tenda sul tetto è fermo da tempo vicino al mare. Un uomo con la pelle scura e la barba incolta è sempre lì vicino a sistemare le sue vele e le sue tavole da surf. Le sciacqua e le ripiega con cura all’imbrunire, il suo mondo inizia e finisce in quegli attrezzi che gli regalano la possibilità di correre sulle onde, stringendo forte il boma per sfruttare il vento. Ha mani grandi e tozze, le muove lentamente, sono mani che non avrebbero mai potuto suonare un pianoforte. Sembra far parte del paesaggio: è uno che all’apparenza dimostra di non aver bisogno di niente e di nessuno. Potrebbe essere uscito direttamente dal passato, vista la sua aria da malinconico figlio dei fiori: è sempre da solo, non c’è traccia di alcun compagno d’avventura. Elisa non sa dargli un’età: gli è passata più volte accanto e lui non ha neanche sollevato la testa.

Una sera, mentre rientra dalla passeggiata consueta, si accorge che lui ha imbracciato la chitarra e sta cantando sottovoce. Elisa riconosce le note di Hotel Supramonte e si ferma incantata.»

Fuggire dalla perdita del padre. “Le stagioni del viaggio” di Maria Pia Romano

Ma da cosa scappa la nostra protagonista? Cosa la porta ad allontanarsi dal mondo? È presto detto: l’elaborazione di un lutto. Non sappiamo quanto di autobiografico ci sia nelle parole dell’autrice, se Elisa – che è giornalista come lei – sia un suo alter ego. Ciò che sappiamo è che la scrittrice dedica proprio al padre il suo romanzo e che per la protagonista il rapporto con il padre è unico e inimitabile. Ora che l’uomo non c’è più è proprio l’assenza a far scattare in lei la voglia malinconica di libertà. La perdita è la valvola che mette in moto la narrazione. Fuggire è per Elisa il modo di affrontare o meglio non affrontare il dolore.

Questo romanzo è fuga, perdita, introspezione e rinascita. Ogni singola pagina profuma di brezza marina che scompiglia le chiome e i pensieri. Seguiamo quest’avventura intervallando il quieto venticello del presente dell’isola alle folate improvvise che ci spingono nel passato della protagonista e della sua famiglia. La vediamo quattordicenne alle prese con la sua prima festa ma anche bambina con il suo papà con il quale condivide l’amore per il mare. Ma ciò che rende la scrittura di Maria Pia Romano ancor più intensa e piacevole è di sicuro la capacità dell’autrice di scegliere, come si fa con le conchiglie più belle depositate sulla battigia dalle onde del mare, le più seducenti immagini poetiche di cui è ricca la sua prosa.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Ma se volessimo continuare a scrivere del libro di Maria Pia Romano prendendo in prestito altre similitudini dal mare di sicuro non potremmo ignorare i capitoli più “poetici” de Le stagioni del viaggio, in cui la narrazione lascia spazio a versi sciolti che come onde si infrangono, con ritmo, sulla battigia di quest’isola di parole e pensieri:

«Camminare col mare di lato mentre il sole va giù dietro il monte.

(Scivolano via i vestiti dalla pelle calda, leggeri come schiuma di mare.)

Stendersi sulla spiaggia di notte a guardare le stelle.

(Il ruggito del tempo è lontano, la mano esplora un fogliame d’oro.)»


Per la prima foto, copyright: Hendrik Cornelissen su Unsplash.

Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.