Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste scrittori

Festival di Resistenza Culturale “Insieme fuori dal fango”

Libri fuori dal fangoIl 13-14-15 settembre, a Borgo San Giuliano, vicino Rimini, si terrà il Festival “Insieme fuori dal fango”, un evento “in opposizione”. Il responsabile, Massimo Roccaforte, ci spiega il senso delle scelte organizzative e contenutistiche.

Sarà un Festival di "resistenza culturale": cosa proverà a contrastare?
L'impoverimento generale che attraversa la nostra società. Ci sembra di poter dire tranquillamente che la crisi economica di questo Paese (ed in generale del sistema mondo) sia andata di pari passo con l'abbandono di ogni forma critica di approccio all'esistente.
Semplificando si può dire che se la caduta del muro di Berlino ha lasciato spazio al capitalismo più selvaggio allo stesso modo è venuto a mancare un pensiero critico attuale che provasse a mettere in discussione l'esistente.
Ciò produce un divario, una sofferenza, una mancanza di senso che mi sembra attraversi tutti gli aspetti della nostra vita.
Noi, con il nostro piccolo festival, e dal nostro punto di vista specifico, vogliamo tentare di capire quali possano essere le strade percorribili per sviluppare una Cultura della diversità e quale Cultura sia possibile praticare oggi.

La tre giorni si chiama "Con la cultura, fuori dal fango": chi animerà il Festival?
Tantissimi autori, lavoratori della cultura, musicisti, addetti ai lavori, editori. Alcuni nomi? Marco Fratoddi, Carlo Infante, il teatro Valle occupato, il Clorofilla Film Festival, il Mei di Faenza Giordano Sangiorgi, Guido Viale, Christian Raimo, Marco Missiroli, i Motus, Stefano Boeri, il Festival di Santarcangelo dei Teatri, Lia Celi, Marcello Lorrai, Luigi Bertaccini, Ennio Ciotta, Pierfrancesco Pacoda e tanti altri.

Il Festival fa parte della campagna "Insieme fuori dal fango", lanciata in seguito all'alluvione che ha causato notevoli danni a diverse case editrici indipendenti italiane. Qual è la situazione attuale del movimento di solidarietà?
La campagna ha portato ad un ricavo di circa 3.000,00 euro da luglio a fine agosto tra donazioni, acquisto e vendita libri di fango. Forse meno di quanto ci aspettavamo ma speriamo con il Festival di muovere qualcosa di molto più grande.
A parte le questioni economiche, il movimento di solidarietà ha invece funzionato tantissimo dal punto di vista dell'organizzazione del Festival che stiamo costruendo tutto a zero euro e con il lavoro di molti volontari.

Come continuare a seguire il vostro progetto?
Sul sito www.ndanet.it, sulla pagina Facebook NdA ilibrifuoridailibri, su Twitter NdA_Interno4.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Insieme fuori dal fangoAbbiamo posto alcune domande anche ai responsabili della casa editrice CaratteriMobili, tra i partecipanti alla campagna “Insieme fuori dal fango”.

Come state affrontando questa ulteriore sfida in un momento di per sé complicato?
Le conseguenze dell'alluvione per noi sono state pesanti. Non nascondiamo che la prima reazione è stata quella di pensare di abbandonare tutto. Poi ci siamo detti: forse questo è il momento di renderci conto se il lavoro, gratuito, che abbiamo fatto in questi anni ha avuto un senso e se questo senso è condiviso. Così abbiamo lanciato in rete un appello, presto ripreso sia dai quotidiani locali che da molti siti e blog, in cui spiegavamo quello che ci era successo e chiedevamo di sostenerci. La risposta ci ha commosso, al di là dei termini puramente economici (rispetto ai quali la difficoltà, date le dimensioni della perdita, seppure ridimensionata rimane), abbiamo ricevuto gesti di grande e spontanea generosità. Ci siamo quindi detti: ecco il senso di quello che facciamo!

Durante il Festival "Con la Cultura fuori dal fango" di Rimini si discuterà su come uscire insieme "fuori dal fango dell'impoverimento culturale del nostro paese": qual è la cura proposta da CaratteriMobili?
Questa è quasi una domanda da programma politico. Noi non lo sappiamo come si esce dal "fango" che ha travolto la produzione e circolazione culturale di questo Paese. Sappiamo solo che qualunque strategia venga ragionata o progettata, non potrà prescindere dalla dimensione dell'etica delle forme di produzione culturali (dai rapporti di lavoro fino alle forme di contratti) e da quella della collaborazione.

A questo link il programma completo del Festival.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.