Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Fantasy e Vin Brulé – “Rio” di Niky D’Attoma

Fantasy e Vin Brulé – “Rio” di Niky D’AttomaBenvenuti a un nuovo episodio di Fantasy e Vin Brulé, con Rio di Niky D’Attoma, pubblicato da Edizioni Ensemble. Nella puntata precedente arrancavamo nel mondo selvaggio e inospitale di Annientamento di Jeff Vandermeer, alla ricerca di dettagli su un fantomatico disastro ambientale. Per rilassarci, questa volta l’ambientazione non è né selvaggia né inospitale: è una città costiera, di cui conosciamo soprattutto la sede della dogana presso il porto. La città è deserta, ma non è colpa di chissà quale disastro: è stato semplicemente il tempo, molto tempo. Non c’è più nessuno, rimangono solo i quattro personaggi che ci vengono presentati, che come dei fantasmi vivono ricordi incompleti e richiamano le esplosioni al buio di una guerra di cui si sa poco.

Prima di inoltrarci nella storia, qualche parola su questo libro strano: la prefazione assicura che Rio non è un romanzo, e in effetti non lo è. La struttura è più simile a un copione teatrale, ed è graficamente facile distinguere i dialoghi, i monologhi e le note di regia che compongono il testo. Una caratteristica tipica dei copioni che qui invece non trovo è un’indicazione esatta di chi sta pronunciando ciascuna battuta: lo capiamo dal contesto. Vediamo ora il soggetto.

È l’anno Trentamila, o forse no. La città è stata Rio de Janeiro, o forse no. Nessuno più è in grado di misurare il tempo o di ricordare qualcosa di preciso, quindi questi dettagli, per i pochissimi personaggi superstiti, automaticamente non sono affatto importanti. I personaggi sono alla ricerca dei propri ricordi e della propria identità: confidano in “J” il “Ricordatore”, che a prezzo di una fatica immane può vedere le loro memorie, ma non le sue.

La città è immobile, rimasta deserta da un tempo che sfugge a quanto ne possiamo immaginare. Rio è l’esatto contrario di un’ambientazione di azione: è stagnante, un oblio che ha perso qualsiasi metro. C’è stata una guerra, è stato eretto un Muro, Perla (il primo personaggio a pronunciare qualcosa) è sicura di aver avuto una vita e un’identità, prima; tutte queste consapevolezze sono sfocate come in un sogno. Sempre come in un sogno, la termodinamica rimane disattesa: la fisica dei corpi dei personaggi è più legata alla simbologia.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Fantasy e Vin Brulé – “Rio” di Niky D’AttomaIl figlio dell’impiegato alla dogana, nell’assaporare il gesto inutile del padre che si recava dalla dogana al porto e viceversa, lascia scomparire parti del corpo; di lui rimangono solo gli occhi, quando è un osservatore puramente passivo. La bambina, che da neonata è stata abbandonata all’ospedale in coma, ora talvolta ha scaglie di pesce, e chiama a comando l’acqua, che è la più primordiale delle madri.

È giunta l’ora di passare in rassegna le caratteristiche che mi hanno colpito di questo libro strano. La prima è la natura dell’esperimento: è un romanzo o un copione? Dal registro del testo alle scelte grafiche di impaginazione, trovo che l’ibrido sia stato costruito bene e con cura. Le scelte grafiche, come ho già accennato, permettono di distinguere a colpo d’occhio il dialogo, in cui il personaggio parla con gli altri personaggi, dal monologo, in cui il personaggio si rivolge esclusivamente al pubblico. I monologhi, va detto, sono parecchi e occupano una parte notevole della scena.

La seconda è la natura del soggetto: è di genere fantastico, o narrativa surreale? È l’anno Trentamila, o la polizia ha occupato di recente la smisurata favela di Maré in occasione dei lavori per i mondiali di calcio? La vita sul pianeta è finita da tempo immemore, o quelle che si sentono sono davvero delle sirene che annunciano nuovi scontri? Ci siamo immaginati tutto nella desolazione della miseria? Anche qui le risposte non sono certe, le chiavi di lettura sono da ricostruire fra simboli e introspezioni e il soggetto riesce a tenere i piedi in più scarpe.

La terza è lo spiegamento di forze dei monologhi. I monologhi aprono e chiudono Rio, le prime e le ultime righe sono rivolte al pubblico dallo stesso personaggio “J”. Per sua natura, questa soluzione introspettiva congela l’azione, mentre il personaggio apre se stesso al pubblico, e il suo uso abbondante riduce l’azione a quasi zero. È una lettura riflessiva e non c’è da aspettarsi che sia avvincente.

Detto questo, vi saluto dal palazzo vuoto della dogana di Rio.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.