Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Consigli di lettura

Fantasy e Vin Brulé – “Il trono della Luna Crescente” di Saladin Ahmed

Fantasy e Vin Brulé – “Il trono della Luna Crescente” di Saladin AhmedBenvenuti a una nuova puntata di Fantasy e Vin Brulé, questa volta con Saladin Ahmed e il suo Trono della Luna Crescente pubblicato in italiano lo scorso settembre da Fanucci, nella traduzione di G. Canuso. Mentre nella scorsa puntata ci occupavamo di Glauco De Bona e di un omicidio seriale investigato dai nostrani Carabinieri, oggi ci spostiamo in un'ambientazione del tutto esotica, nella caotica metropoli mediorientale di Dhamsawaat in cui è impossibile circolare senza dover scansare in continuazione facchini e passanti.

Magia e profonda devozione nel Dio onnipotente segnano il mondo quotidiano di Adoulla Makhslood, cacciatore di ghul nonché estimatore di tè al cardamomo e libri finemente rilegati. Ma questo mondo è fatto anche di una cortesia di gesti e modi che ci apparirebbero affettati, e di scale di valori che per il lettore moderno non sono immediate. Vediamo un attimo il soggetto.

Seduto nella casa del tè di Yehyeh, Adoulla pensa con amarezza ai suoi sessant'anni, al proprio mestiere che sta scomparendo e al proprio corpo che non può più svolgerlo con l'energia di un tempo. Se però i cacciatori di ghul scarseggiano, purtroppo non scompaiono gli stregoni che animano questi mostri, con i riti dell'Angelo Traditore: ben presto Raseed, il giovane aiutante di Adoulla, giunge a chiamarlo alla casa del tè di Yehyeh per via di un ragazzino che ha visto i genitori uccisi da ben tre ghul. Le circostanze fanno pensare a un pericolo più grave del solito mago da strapazzo, e la ricerca dell'evocatore porterà Adoulla e Raseed a trovare sempre più guai che soluzioni.

Fantasy e Vin Brulé – “Il trono della Luna Crescente” di Saladin Ahmed

Il grande pregio di questo libro è un lavoro eccellente nella costruzione dell'ambientazione e dei personaggi. Un'ambientazione viva e pulsante. Non solo leggendo avevo l'impressione di trovarmi davvero a Dhamsawaat, come dovrebbe capitare con ogni libro un po' degno di questo nome: scansavo le pozze di piscio del Quartiere degli Eruditi e mi tappavo il naso davanti al caffetano di Orshado, che è lordo di sangue e di ogni sozzeria. Gesti e abitudini, come i saluti affettuosi augurandosi la pace di Dio misti a un'altezzosità sprezzante di cui poi gli interlocutori si trovano pure a ringraziare, soprattutto se l'arroganza apparteneva alle guardie del Califfo e non è stata spiccata nessuna testa, sono pennellate forse più convincenti delle descrizioni delle cupole e della folla di Dhamsawaat.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

L'autore comunque non si è risparmiato di farmi visitare questo e quel luogo, dalla splendida Piazza degli Angeli gremita di statue così realistiche da sembrare vive, all'aperto nel Regno Vuoto dove vive la fiera gente Badawi, alle sontuose sale foderate in velluto nel Palazzo del Califfo. Mi sento come se fossi tornato da una gita turistica, condotto per mano in questi luoghi e anche indirettamente alle rovine degli antichi Faroi di Kem, che regnarono grazie alle crudeli magie dei loro Dei Morti e lasciarono piramidi maledette.

Fantasy e Vin Brulé – “Il trono della Luna Crescente” di Saladin Ahmed

La trama principale non è originale o sensazionale come l'ambientazione, pur essendo comunque gestita molto bene. È una sana indagine alla ricerca del colpevole, in un crescendo di tensione e di disastri e rischi sempre più gravi. Prologo e intermezzi mostrano un crudele stregone che non parla mai, avvolto in un caffetano lurido, dal punto di vista di un soldato che è rinchiuso in una scatola e ne viene tirato fuori di tanto in tanto per essere torturato. Lo stregone è esplicitamente l'antagonista di Adoulla fin dalla divisa: da una parte il caffetano bianco che non può essere mai pulito, dall'altra il caffetano bianco che non si può sporcare, da cui il tè sbrodolato e le macchie di intingoli e frutta scivolano via. Qua lo stregone emaciato che ha svuotato la propria anima per far posto all'Angelo Traditore, là il cacciatore corpulento che si abbandona alla commiserazione dell'età.

Concludendo, questo libro mi ha lasciato diversi souvenir in mano. Dalla sensazione di gita turistica di cui ho già parlato, all'adrenalina per la vicenda incalzante, a una sana dose di rospi mandati giù nel vedere la prepotenza di guardie cittadine, ricchi possidenti e perfino di asceti che portano la parola di Dio a suon di randelli e scudisci. La lettura del Trono della Luna Crescente mi ha appassionato da ogni lato.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.