Conoscere l'editing

Corso SEC

Corso online di editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Editing ‒ Gli opposti

Editing ‒ Gli oppostiDopo avere trattato per alcune puntate i mondi interiori di un personaggio, oggi affrontiamo un tema spesso sottovalutato. Premessa: i lettori amano entrare in connessione con personaggi che conducano i giochi. C’è sempre la speranza che l’essere umano faccia la differenza, che sia la risoluzione di un grave problema, la conquista sentimentale di una persona dopo enormi difficoltà o il riscatto da una situazione di povertà non importa, c’è qualcuno che compartecipa a un cambiamento e lo fa prendendo decisioni. Ecco, quel prendere decisioni potrebbe essere anche qualcuno che non le prende affatto, ma alla base c’è sempre un atto di volontà positivo o negativo.

Il lettore si identifica, prova compassione, prova simpatia o è intrigato dai conflitti interiori. Al contempo non si identifica, non prova compassione, non prova simpatia o non è intrigato dai conflitti interiori. Per poter dare vitalità a una storia chi legge ha bisogno di vivere su di sé gli opposti.

Di fronte a un evento c’è Michele che a tutti i costi vorrebbe comportarsi in un certo modo? Bene, allora l’editor dovrà far capire allo scrittore che c’è la necessità di mostrare le idee o i comportamenti di chi, per esempio Antonio, vorrebbe fare l’esatto contrario di Michele o almeno essere in contrasto con lui. Dagli opposti il lettore inizierà a patteggiare con se stesso, capendo piano piano da che parte preferisce stare: Michele o Antonio? Queste due possibilità ‒ potrebbero ovviamente anche essere di più ‒ permettono un lavoro interiore del lettore che provoca curiosità. L’identificazione con un personaggio è tutta qui, attraverso il gioco degli opposti si crea uno spazio di possibilità che i lettori piano piano analizzeranno con più o meno consapevolezza, alla ricerca di una soluzione preferibile.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Le storie hanno a che fare con il confronto, esplicito o non esplicito. Non dimenticate mai che, al netto delle deduzioni o delle supposizioni dei lettori, lo scrittore dovrebbe far percepire le opinioni diverse dei personaggi all’interno della narrazione. Qui interviene la potenza delle sottotrame, che con un’attività soltanto in apparenza marginale, in realtà si sviluppa nel corso di una storia per valorizzare l’avvicinamento al climax. In altre parole, l’editor andrà a costruire più efficacemente il percorso di intreccio fra trama e sottotrama pensando agli opposti e sapendo che nel punto emotivo più intenso del romanzo ogni elemento confluirà per rivelare quanto prima non si conosceva.

Badate bene che l’opposto non si produce soltanto fra due o più personaggi, può essere ovviamente il destino o il caso a rappresentare un opposto; può essere un animale; può essere una città dopo un trasferimento o durante un viaggio di lavoro; può essere un gruppo di personaggi; può essere un ente o un’istituzione; può essere il tempo meteorologico; eccetera. Il rapporto fra gli opposti si costruisce alimentandolo con la distribuzione nel testo. Un opposto non è ben caratterizzato se si presenta solo una volta, è la frequenza che fa pensare ai lettori che quell’opposto sia un ostacolo per qualcuno.

Inoltre, ogni opposto ha una sua ragione d’essere da difendere, in particolare se si tratta di personaggi. Allora sarà utile fare emergere piano piano le ragioni che sottendono pensieri, scelte, comportamenti. Così tale contesto creerà un immaginario cui il lettore si attaccherà per tentare previsioni sul proseguimento della storia.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Dicevo all’inizio, c’è sempre la speranza che l’essere umano faccia la differenza, certo, e lo fa fra differenti personaggi, differenti situazioni, differenti decisioni. Fare la differenza affiorerà al meglio quando gli opposti saranno schierati nella mente di chi legge, ognuno con le proprie ragion d’essere o le proprie opinioni.

Dunque, come editor vigilate su questo aspetto analizzando gli snodi narrativi più importanti e il climax, perché la qualità di una storia potrebbe aumentare tenendolo in considerazione.

A giovedì prossimo.

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di CONOSCERE L’EDITING

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.