Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Ecco come Jack lo Squartatore aiuterà la polizia londinese

Jack lo SquartatoreCentocinquanta anni di crimini in mostra per salvare i conti di Scotland Yard. Per ora è solo un’idea, ma presto si potrebbe concretizzare in quello che gli Inglesi hanno già battezzato Black Museum, il museo nero, con lapalissiano richiamo al colore della cronaca di riferimento. In sostanza, la polizia londinese sta pensando di esporre al pubblico, a pagamento, le prove di oltre 150 anni di crimini, ad oggi custodite nella stanza 101 della Metropolitan Police’s station. Da ciò potrebbe venirne parte del finanziamento della stessa polizia britannica, attualmente alle prese con un bilancio piuttosto malconcio a causa dell’austerità imposta dal governo di David Cameron.

Nel giro di qualche mese, la polizia londinese ha la necessità di reperire almeno 500 milioni di sterline, una cifra enorme che, tuttavia, neanche l’apertura del museo potrebbe garantire. Uno studio di fattibilità stilato dall’autorità cittadina ha, infatti, calcolato gli ipotetici introiti del Black Museum in meno di 20 milioni di sterline annui (poco più di 20 milioni di euro). Lo studio, a dire il vero, è stato fatto ipotizzando una mostra temporanea, della durata di tre mesi, con biglietto d’entrata di 15 sterline; risultato: 4,5 sterline di incasso. Tant’è, con un museo probabilmente l’incasso sarebbe anche minore. Per questo, i vertici di Scotland Yard hanno annunciato la vendita della storica sede e un trasloco in un edificio più economico.

Tornando all’idea del museo, tuttavia, non si tratta di certo di una boutade estiva. Il materiale c’è, e abbondante, e curioso. Tra i tanti reperti ci sono le armi usate dai più famosi serial killer d’Inghilterra in omicidi storici, gli oggetti della banda che fece la "grande rapina al treno" nel 1963, i cappi usati per le impiccagioni dei condannati a morte e le lettere di Jack lo Squartatore. Tra quest’ultime anche quella in cui il serial killer sbeffeggia la stessa polizia che indaga sui suoi crimini, annunciando che non vede l’ora di ritornare a compierne.

La raccolta di cimeli criminosi era consistente già sul finire dell’Ottocento. Del 1875 è l’idea di utilizzarli, non tanto per mostrarli al pubblico quanto piuttosto per dare lezioni pratiche ai poliziotti sui modi di individuare e prevenire i crimini. Quasi 150 anni dopo l’esigenza è un po’ diversa, la polizia londinese ha un disperato bisogno di fondi, tanto che anche un personaggio dalla malvagità leggendaria come Jack lo Squartatore potrebbe, con un secolo e mezzo di ritardo, dare un aiuto consistente alla giustizia.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

 

Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.