Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste scrittori

E se i colpevoli non esistessero?

E se i colpevoli non esistessero?Sdilinquirsi, inani, leguleio, tregenda, acrimonia, efebico: sono solo alcuni dei termini il cui significato ho avuto modo di scoprire grazie al romanzo di Alessandro Piperno, Di chi è la colpa, uscito per Mondadori. Sono parole che escono con naturalezza dalla bocca del protagonista che, sì, a tratti sembra compiacersi nella commiserazione, a tratti risulta arrogante, con tutte queste barriere linguistiche che erge tra sé e il lettore a cui si rivolge, ma – e questa è maestria – si ha la sensazione che la distanza imposta è propedeutica. Un po’ come nell’arte bizantina, gli dèi sembrano quasi alieni, ingessati in abiti dorati, con volti scarni, scuri, corrucciati: hanno l’obiettivo di ricordare a chi li venera che loro sono irraggiungibili, sono altro, infatti si somigliano – venerati e fedeli – solo vagamente. Insomma, senza la distanza, difficilmente si capirebbe questa voce narrante che esprime giudizi su tutti. Se stesso, incluso.

Lo ritroviamo, all’inizio, bambino. Un bambino fragile, che soffre di insonnia, che odia il buio. (Ecco: è semplice esprimere giudizi. Perché definire un bambino fragile perché teme il buio? Di chi la colpa, chi mi ha traviata nell’esprimere un giudizio nel caso in cui due elementi si presentano insieme? È la logica della causa-effetto? L’autore non si intrattiene in esercizi di dialettica, ma lascia una porta aperta, per gli amanti di questa forma di ginnastica mentale).

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

A prescindere dai giudizi, resta il fatto che al bambino le notti piacciono di più se le passa sveglio. A fianco, qualche volta, c’è suo padre, un complice, un’anima affine, un alleato contro la madre severa, schiva, impegnata a mantenere il segreto riguardo alla sua persona, al suo passato, alla propria storia. È una donna che il bambino non capisce. Professoressa di matematica, non è molto capita nemmeno dagli adulti chi le stanno intorno.

E se i colpevoli non esistessero?

Probabilmente nasconde qualcosa. Pensa il lettore. Un pentimento? Il marito con cui si è ritrovata a condividere la vita, la responsabilità di una famiglia, non è l’uomo che ha sposato? È questo il segreto della madre?

O forse è una visione poco attendibile, a causa del fatto che la voce narrante racconta di un tempo passato, lontano, quando la madre, di cui si cerca di comprendere l’animo, non c’è più. E non c’è più da un tempo che ha creato vuoti in chi scrive in prima persona e che svela solo in parte il proprio nome.

Perché restare – quasi – anonimo, dopo aver squarciato i cieli più bui del proprio mondo? È un’altra domanda che intrattiene piacevolmente il lettore.

E, oltre alle domande aperte che l’autore regala al suo pubblico, ci sono rivoli, anzi torrenti di riflessioni, di prospettive rovesciate che rendono il romanzo una lettura imperdibile.

Dice Piperno: «Un giorno la gente non morirà più. Qualche secchione di un laboratorio di Houston o di Zurigo scoprirà il modo per non far invecchiare le cellule, o per rigenerarle. E allora sarà solo questione di welfare: bisognerà trovare il modo di nutrire questi vecchietti, per l’eternità».

Qualcuno potrebbe presagire filamenti di questo futuro nello stesso presente.

E se i colpevoli non esistessero?

Oppure, dice ancora, pensando alla lettura: «Solo allora, durante la seconda stagione della mia vita, la più imprevedibile, mi sarei reso conto di come, tra i passatempi a disposizione delle persone sole, i romanzi fossero i più indicati proprio per la loro natura individualista».

E poco più oltre, con una frase di poche parole apre la mente su una distesa incommensurabile: «Ma chi lo dice che una storia per fare male debba essere vera per forza?». A tratti, Di chi è la colpa fa male, e poco importa se sia una storia inventata.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Mentre, tra le pieghe di una manciata di parole, si trova l’essenza di questo romanzo davvero straordinario. Dice Piperno: «L’idea che le catastrofi avvengono perché avvengono è insostenibile. Per questo sono tutti alla ricerca spasmodica di un colpevole». Sa di Pirandello questo, dello strappo nel cielo delle marionette, di Oreste che non si sa cosa farebbe se sapesse che non c’è nulla. Non solo gli dèi, le certezze, la vendetta, ma se non ci fossero nemmeno i colpevoli?

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.