Consigli di lettura

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

"E disse" di Erri De Luca

E disse di Erri De Luca«Chi sono? Da qualche parte aveva già pronunciato la domanda... a qualcuno doveva averlo chiesto, a chi e perché?».

«Chi siamo?» è la domanda che ci precede;  anticipa i popoli e gli individui. La ricerca di noi stessi, che è ricerca di Dio. La ricerca di una parola, del Verbo originario e generatore, primordiale, atavico. Una ricerca lunga quanto l'esistenza umana, vecchia quanto tutta la storia, pesante e profonda quanto il vuoto. Una ricerca che si muove dentro la parola, scava dentro il linguaggio e lì trova appiglio. Perché ad un certo punto qualcuno ha parlato. Il vuoto s'è squarciato ed è passata una saetta. Saetta sotto forma di parola, scolpita sul muro. Linguaggio senza parlante, parola senza soggetto, espressione senza volto. Lui dice "Anokhi", cioè "Io". L'Io che tutti sotto il Sinai stavano aspettando.

E disse, ultimo lavoro del napoletano Erri De Luca (edito da Feltrinelli nel febbraio 2011), ci racconta proprio questa rivelazione. Qualcuno ad un certo punto "disse", un Io impronunciabile parlò. Il titolo è lapidario e brillante, lascia tre puntini di sospensione dietro cui si nasconde l'assurdo. Però quel verbo nel titolo ci illumina da subito; c'è qualcuno che "ha detto" e questo qualcuno ne presuppone un altro che fosse lì ad ascoltare. Il secondo qualcuno è ovviamente Mosè, il padre delle religioni monoteiste. Il primo scalatore, «unico nel suo tempo», che si spinge fino alla vetta del Sinai per toccare il confine tra terra e cielo, cercando una frase «dove gli altri intendono solo silenzio» ed aspettando una risposta che non ha domanda. La scalata a piedi nudi dell'uomo che si porta oltre il limite del vuoto e spinge la sua solitudine oltre il possibile; e quando torna porta con sè la parola. Mosè ai piedi del Sinai svela al popolo d'Israele la parola dell'Io che stava aspettando da sempre. Sulla roccia si scolpiscono lentamente i Dieci Comandamenti.

Il tentativo di De Luca è assolutamente arduo e lodevole, la sua pagina di una densità imbarazzante. Ma la prosa poetica diE disse è forse allo stesso tempo il punto di forza ed il grosso limite. Questa prosa infatti, sebbene a tratti brillantissima, a tratti risulta invece un po' rallentata, forse troppo piena, satura al punto da non riuscire quasi più a districarsi dentro se stessa.

L'inizio è sciolto e geniale. La personale esperienza di scalatore avvicina De Luca alla sua narrazione e questo si avverte sulla pagina. L'autore è accanto al suo Mosè scalatore, lo accompagna e si fa accompagnare, arriva fino alla nuvola e cerca di «guadagnarsi il sole passo a passo», con l'unica arma che ha a disposizione; la parola. Immagini bellissime, frasi lapidarie, aforismi geniali. È il momento della rivelazione.

 

Piano piano sulla pietra si scolpisce la parola sotto forma di comandamenti. De Luca li mostra, li legge, ne accarezza il senso, con competenza (nel corso della sua carriera ha studiato da autodidatta l'yiddish e l'ebraico antico ed ha tradotto e commentato, anche per Feltrinelli, alcuni testi della Bibbia), però qui la narrazione brucia un po' della sua brillantezza, rimane sospesa tra racconto, saggio e poesia, si spinge in alto al punto da far avvertire la vertigine, si riempie al punto da soffocarsi. Nello scendere troppo in profondità si rischia sempre di rimbalzare indietro verso la superficie. Forse, alla fine, in E disse c'è troppo. Più di quanto si possa sopportare. 

In ogni caso De Luca è un ottimo scrittore e sa regalare momenti di altissima intensità. Come quando ci descrive le donne israelite che guardano la rivelazione stamparsi sulla roccia e notano che questa è rivolta ad un "Tu" maschile («l'ebraico separa i sessi pure dentro i verbi e i terminali dei pronomi») e però sanno che questo succede perché a loro è lasciato invece il compito più importante, quello che gli uomini non possono svolgere; la procreazione. O il bellissimo passo in cui De Luca ci sottolinea il senso immancabile ed inviolabile di quel «Non ammazzerai». Mai e per nessun motivo. Per concludere questa recensione con una piccola nota a margine; è bello che durante la lettura torni continuamente in mente quella strabiliante canzone di De Andrè, contenuta nell'album La buona novella, e intitolataIl testamento di Tito. E che quando De Luca, nel primo dei due capitoletti finali, conclude dicendo «E amerai: questa era giusta e ultima consegna. Le riassumeva tutte» sembra che i due testi si tocchino. Alla fine della parabola lo stesso messaggio. Ed è un messaggio che ci piace sentire. Come quell'ultimo verso di De Andrè «...nella pietà che non cede al rancore, madre, ho imparato l'amore». Due autori diversi, due testi diversi, due linguaggi diversi, due mondi diversi, eppure un cerchio che sembra chiudersi. Allora viene quasi voglia di tornare

Il tuo voto: Nessuno Media: 2.5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.