Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Corso SEC

Corso online di editing

Conoscere l'editing

Discorso (semi)romantico sul piacere della lettura

LetturaTi è capitato spesso, leggendo le pagine culturali italiane di questi ultimi anni di sentirti nominare “lettore forte” o addirittura “fortissimo”. Ne sei felice, anche se non cogli perfettamente la natura della definizione. Sembra che la categoria serva per indicare quella bizzarra e un po’ folle specie di esseri umani che, ancora oggi e anche nel bel mezzo di una crisi, tendono a leggere più di un libro al mese. Tu pensi che sia normale e quasi naturale, o addirittura fisiologico e venire a sapere che c’è chi ti reputa “forte” o “fortissimo” per questo ti fa scoppiare d’orgoglio. Scoprire poi che è da persone come te che dipendono le sorti dell’editoria italiana ti riempie di autostima e ti fa sentire importante.

Per te leggere, in fondo, è sempre stata una questione indispensabile. Hai sempre avuto, sul comodino, dei libri che dovevi assolutamente divorare, delle cose che non potevi non inserire nel tuo bagaglio culturale, che non potevi non conoscere. Hai letto in maniera maniacale, a volte febbrile. Letture incrociate, multiple, intertestuali, crossover tra svariati generi, lingue, tipologie; fiction, non-fiction, poesie, racconti, raccolte, pamphlet, sillogi, plaquettes. Non hai mai riflettuto troppo sulla possibilità che venisse a mancare, che nelle tue giornate potesse non esserci del tempo da trascorrere in compagnia di uno o più libri. Non hai mai pensato che potesse diventare un’attività accessoria, addirittura non scontata.

Poi è capitato però che le tue giornate si siano improvvisamente complicate, riempite a dismisura. È capitato che i momenti per leggere – lettura intendiamoci spinta da qualsivoglia motivazione, comprese quelle di studio o professionali, in qualche caso – non fossero già lì a disposizione, ma necessitassero di essere ritagliati, pescati negli scampoli di tempo, sottratti allo scorrere delle azioni, degli spostamenti, degli impegni. Ti è capitato insomma di doverti proprio imporre di incastrarlo quel momento da qualche parte in mezzo alla tua sfiancante corsa giornaliera. E con tuo grande sorpresa di te sei accorto che hai finito con l’apprezzarlo forse ancora di più (quel momento di lettura) – cosa che ritenevi impossibile. Perché ti sei accorto che quel piacere (di leggere) non scontato è diventato uno spuntone a cui aggrapparti, uno spiraglio in cui intrufolarti. Ti sei accorto che quel momento non rappresenta la realtà, ma il suo opposto; un annullamento della realtà, una fuga, un’evasione, un distacco. Oppure la sua espansione; un’iper-realtà, uno specchio in cui ogni cosa appare più autentica, più piena, più corposa. Sedersi a leggere significa chiudere un mondo ed aprirne un altro, o molti altri, chiudere una vita – la tua vita – ed aprire le vite di altri, e le vite scritte da altri.

E capisci che quel momento di evasione e riflessione, fuga e poi ritorno non è fine ma solo mezzo. Il mezzo per non abbruttirti e imbarbarirti del tutto, per allontanare l’ansia, per sentirti meno sconfitto, meno spaesato e forse anche meno solo. Perché trovi in qualche posto sperduto che ruota nei pressi dello stomaco, una certa empatia, nascosta dietro gli scompensi dell’esistenza. Tra autori e personaggi. Tra le vicende narrate. E con tutti quelli che, come te, in quello stesso momento hanno messo in pausa il mondo per scappare da un’altra parte; che sempre mondo è, ma per qualche motivo più bello.

E ti sta succedendo proprio adesso, allora, di trovare queste riflessioni forse un po’ troppo romantiche, fanciullesche, spontanee, poco intellettuali. Di pensare che in questa visione della lettura c’è qualcosa di troppo essenziale, elementare, primigenio e soprattutto ingenuo. Ma sai anche che non ti disturba. Perché sei consapevole che, se ti desse fastidio, probabilmente non saresti né un lettore “forte” né “fortissimo”. Che saresti anche tu, in un certo senso senza scampo. Condannato a una sola vita; la tua. E stai sperando che sia davvero così. Perché pensi che se così non fosse, che se tutti fossimo condannati a essere noi stessi per tutto il giorno, a vivere la nostra vita per tutto il giorno, a magiare briciole di realtà tutto il giorno, a pensare i nostri pensieri per tutto il giorno, allora questo mondo triste, fatto di crisi, guadagni, stipendi, precari, lavoro, malattie, sarebbe tanto, troppo, più triste.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.