Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Dialogo tra me e me intorno a “L’inizio del buio” di Walter Veltroni - Seconda Parte

Walter Veltroni L'inizio del buioQuesta è la seconda parte. La prima è qui.

*****

 

«… Ehi..»
«Che c’è?»
«Dobbiamo tornare a Veltroni»
«Sei come la suocera che ti telefona a casa il giorno del matrimonio»
«Ma lo dico per te… poi non fai in tempo a consegnare la recensione»
«Ma lo so. Mi dai solo altre cinque pagine di respiro con Siti? »
«No! Tira fuori Veltroni e ricominciamo a leggere. Muoviti!»
«Ma l’autonomia del lettore?»
«Se ridici autonomia del lettore ti faccio leggere tutti i fascicoli di Berlusconi tale e quale»
«Ma tale e quale a chi?»
«Leggi!»

 

*****

«Corri a 87. Gelli voleva l’obbedienza del «Corriere della Sera» e per questo arrivò a proporre al direttore di allora, un affiliato, di licenziare Enzo Biagi, o, quasi peggio, di mandarlo come corrispondente in Argentina, dove i militari di Videla erano al potere. Così era l’Italia di allora, a scanso di equivoci»
«Di allora?»
«Eh»
«Dove cazzo vive?»
«Cavolo! Devi dire cavolo!»
«No, Dove cavolo vivi non va. Troppe V che si sciolgono nella liquida che lo libra sulla luna. Cazzo è perfetto. Tre bisillabiche con la centrale di cinque lettere e due zeta che lo inchiodano per terra»
«Non mi convince»
«E poi lo grida anche Keitel a Dio ne Il cattivo tenente»
«Ma Veltroni è Dio?»
«No, al massimo d’io»
«Un ego lirico?»
«Un lirismo egocentrico»
«Ma se parla della sofferenza?»
«La sua davanti a quella degli altri»
«Sì, ma non puoi usarlo sul blog. Trova un’altra parola»
«Saffo! Dove Saffo vive!»
«La poetessa?»
«Eh, la lirica. Tra loro si capiscono»
«Saffo come Veltroni? »
«Ma non quella originale! La Saffo veltroniana non ci sta bene tra dove e vive»
«Non ti seguo»
«Dove Tamaro vive non viene bene»
«No, vada per Saffo»

 

*****

 

«Aspe’, torna a 66. E poi il nostro è il Paese del signor D’Angelo che si mette di notte a cercare trivelle per Roma e del signor Scipioni che “seccato per la sveglia, risponde con frasi poco educate”. È sempre stato così. Ogni tanto prevalgono, anche nella vita collettiva, i D’Angelo. Ogni tanto, in verità più spesso, gli Scipioni»
«Pubblica, Walter, pubblica. Non collettiva!»
«Ma questo è funzionale. Nella vita pubblica, che poi è politica, è impensabile delegare il bene e il male a un singolo perché, dal momento che è pubblica, c’è dietro un sistema ben strutturato di classe dirigente collusa e di singoli che s’adagiano o s’integrano diventando complici»
«Ma forse Veltroni non lo sa»
«Leggesse i giornali!»
«No, lui ci scrive sopra»
«Ah, è giornalista»
«Chi?»
«Veltroni»
«Se lui è giornalista, io sono Bloom»
«Illuso»
«L’hai detto tu, non io»
«Mi ci hai indotto»
«È la forza del collettivo»
«Ma quanti siamo?»
«Io, tu, Veltroni, Scipioni e D’Angelo»
«E chi sono?»
«Due pretesti veltroniani»
«Per fare cosa?»
«Per tacere la vera domanda»
«E quale sarebbe?»
«Ma questo libro dice o nasconde?»
«Ma è un libro?»
«Beh, si compra in libreria»
«E allora bisogna rispondere»
«No, se dai risposte dicono che non analizzi ma hai preconcetti»
«E allora come ce ne usciamo?»
«Rispondi e fregatene»
«Bene, allora dico che Veltroni nasconde anziché dire»

*****

«E se dicessimo che cela anziché svelare?»
«Sì, però poi aggiungi che svelare non è heideggeriano»
«No, mica parlo di essere?»
«Veltroni sì»
«Esageri»
«No no, vai a 63. La ricerca del meraviglioso è come il filo dell’orizzonte. Solo se smetti di viaggiare puoi nutrire l’illusione di raggiungerlo. E solo se smetti di sognare puoi sperare di incontrarlo»
«Ma incontrare chi?»
«Il meraviglioso»
«Ma Veltroni è gay?»
«Ma no! Il meraviglioso è l’essere»
«Un essere sbrilluccicoso»
«Speriamo che non lo legga Severino»
«C’è più clericalismo in questa frase che in tutta la vita della Bindi»
«Almeno lei non è ossequiosa»
«Ma perché, Veltroni ossequia?»
«Non apertamente»
«Dici che lo fa in privato?»
«Dico ha fa i mezzi inchini»
«A chi?»
«Al meraviglioso. Leggi va’»

 

*****

 

«Senti, ma tutte queste pagine sul padre, sui buchi neri, sulla philosophy for children, sul cinema che piace a lui, ecc.. ecc… le possiamo saltare?»
«Io le ho già lette»
«Dici che servono? »
«Alla narrazione no»
«Ah, c’è una narrazione?»
«No, ci stanno due resoconti in cui Veltroni parla di sé»
«Di sé?»
«Eh, lui è meravigliato, lui è addolorato...»
«… ma la colpa è collettiva»
«Furbo!»
«No, furby!»

*****

 

«Vai a 105. Ma perché paragona le BR e il terrorismo a Mussolini, Ceausescu e al regime iracheno?»
«Vuoi vedere che forse ora scrive che buona parte del Governo sosteneva il terrorismo o che almeno l’abbiano utilizzato per rinsaldarsi al potere?»
«Aspe’, leggo. Come i soldati giapponesi sull’isola, i terroristi degli anni Ottanta non accettano che la loro guerra sia stata persa»
«E poi?»
«Niente. Punto. È finita»
«Ma che senso ha?»

 

*****

 

«Va’ a 174. C’è stata, a partire dal 1968, una grande rivoluzione civile, una secolarizzazione culturale, una rivendicazione di protagonismo diffuso che progressivamente fa saltare ogni verticalità, compresa la funzione pedagogica della tv, quella che portava a selezionare, normalizzare, talvolta censurare in nome di un supremo, e accettato, interesse collettivo»
«Ma chi è che selezionava, normalizzava e censurava in quegli anni?»
«Pare fosse la politica»
«Ma allora è nostalgia?»
«Direi che è la rivendicazione di un potere per finalità pedagogiche»
«Perché l’hanno perso?»
«Allora è legittimazione dal passato»
«Leggo. Tutto questo, mentre si concludono gli anni Settanta e iniziano gli Ottanta, sta finendo»
«Cosa finisce?»
«La selezione, la normalizzazione e la censura»
«Interessante, continua»
«La piramide, almeno dal punto di vista dei consumatori, si capovolge. Il pubblico sarà sempre più importante. I cittadini, in prospettiva, sempre meno»
«Dunque, se ci lasciamo normalizzare, siamo cittadini, altrimenti pubblico. Ho capito?»
«Mi sa di sì»
Charlie Chaplin Il grande dittatore«Mi sa che ho votato per un possibile dittatore»
«Ma chi, Walter, un dittatore?»
«Dici che non può?»
«Dopo due giorni si stancherebbe. La sua attenzione non va oltre i cinque righi»
«Come gli amici di Maria De Filippi?»
«Dici che lo è? Voglio le prove»
«Vai a 131. Alle 8 di mattina , dopo aver sequestrato un ragazzo, rivendicano l’azione definendolo «fratello del pidocchioso Patrizio». Sono loro a scrivere così la «causale» dietro quel messaggio. Aggiungo che la definizione di “pidocchioso” è razzista e fascista»
«Tiè!»
«Lo vedi che lo è?»
«Ma allora stiamo parlando di un libro scritto da un amico di Maria De Filippi?»
«Mi pare di sì»
«Chiudiamo qua con la recensione?»
«Però, dovresti almeno fare un’analisi della lingua»
«Ma l’ha fatta Raimo. E poi a che serve? Veltroni mica è uno scrittore?»
«E che è?»
«Un politico?»
«Uhm…. Forse»
«Un giornalista?»
«Quasi»
«Un bevitore di Whysky?»
«Anche no»
«Un futuro regista di un film su Obama?»
«Potrebbe ma….»
«Oh ma Veltroni che fa?»
«L’aspirante»

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.