Conoscere l'editing

Corso online di editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Diffondi libro

Cristò Chiapparino e l’insaziabile fame di “Carne”

Cristò Chiapparino e l’insaziabile fame di “Carne”Uscito per la prima volta nel 2015 per l'editore Intermezzi, La carne di Cristò Chiapparino è tornato in libreria con una nuova veste, e una postfazione di Paolo Zardi, nel novembre del 2020 per i tipi di Neo. Edizioni.

In un anno sospeso come quello che si sta per concludere mentre scrivo queste righe, capisco la scelta editoriale di riproporre ai lettori e alle lettrici questo romanzo. In barba a chi chiede letture leggere e allegre per allontanarsi dalle preoccupazioni da pandemia, La carne è una storia di zombie e tempo sospeso dove il mondo non è più come quando il protagonista aveva otto anni ma si è fermato a quando ne aveva dieci. Immobile e identico a se stesso per settant'anni, riuscite a immaginarlo?

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

La fotocopiatrice è la stessa usata da vostro padre, rotta e sostituita innumerevoli volte ma mai migliorata, mai cambiata, così come la macchina e la televisione e qualsiasi altra cosa in un loop in cui il sole sorge e tramonta sempre sulla stessa giornata. Solo che il tempo passa, gli anni si accumulano e puoi solo sperare di morire, a un certo punto.

«Nel mondo com’era quando avevo otto anni c’era un giocattolo nuovo da desiderare ogni giorno. La pubblicità mostrava che oggi era possibile ciò che ieri sembrava impensabile e un pezzettino di magia diventava scienza. Ma la magia era infinita. Immaginavo il futuro simile ai cartoni animati di robot e non potevo sapere che tutto si sarebbe fermato così improvvisamente.

Non so cosa immaginino i bambini adesso. Guardano gli stessi cartoni animati che guardavo io e giocano con gli stessi giocattoli. Sembrano felici ma non parlano mai del futuro.»

Cristò Chiapparino e l’insaziabile fame di “Carne”

Fuori, intanto, vedi file sempre più lunghe di esseri umani in attesa di un pezzo di carne cruda. Sono i malati, gli infetti o zombie, come hanno il coraggio di chiamarli i più giovani; persone che di punto in bianco hanno perso qualsiasi stimolo che non sia quello della fame, fame di carne in particolare. Non sono aggressivi, hanno perso perfino l’istinto della caccia e forse della sopravvivenza, attendono ciascuno il proprio turno ai magazzini del comune per ricevere la razione designata e poi rimettersi in coda, ancora e ancora e ancora. Loro sì, in un loop senza fine dal momento che non muoiono in alcun modo.

Il protagonista di questa storia ci racconta il mondo com’è e il mondo com’era, ci rende partecipi della sua collezione di vite che avrebbero potuto essere la sua, come quella di Giulio che lo chiama zio e che è uguale al protagonista quando aveva la sua età. Ma ci racconta anche un’altra storia, quella di Tancredi, un medico che un giorno riceve un paziente con uno strano biglietto scritto durante un episodio di sonnambulismo, il giorno dopo si presenta un altro paziente con lo stesso problema e un altro ancora e un altro e un altro, finché Tancredi non capisce che uniti i biglietti compongono un misterioso manifesto.

«Succede che il mondo si sgretola e non sai se ti sgretolerai con lui o cambierai tutto per rimanere intero. Il modo di parlare, il modo di vestire, la musica che ascolti, i pensieri, le azioni, le certezze, le paure.»

Cristò Chiapparino e l’insaziabile fame di “Carne”

La carne è un gioco di rimandi, di situazioni che ritornano e cerchi che si chiudono. Tutto è immobile e allo stesso tempo non lo è, così se gli zombie di Chiapparino non sono le creature spaventose a cui siamo abituati, a creare angoscia è l’essere prigionieri di una vita sempre uguale a se stessa e l’attesa di un morbo che potrebbe colpirti oppure no (vi ricorda qualcosa?) e di una fame insaziabile presagio di un’orrenda immortalità.

Paolo Zardi, nella postfazione che chiude l’edizione Neo. di La carne, scrive:

«La carne, come spesso accade ai romanzi coraggiosi (o audaci, come è questo romanzo), potrebbe disturbare qualche lettore, perché non fornisce punti di riferimento noti, approdi sicuri; ma andrebbe letto comunque, anche se dovessimo avvertire l’assenza di una risonanza profonda con i nostri gusti, perché sotto la sua apparente semplicità nasconde cose grandissime».

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Motivo per cui non voglio svelare troppo, una parola in più potrebbe guastare il piacere che deriva da una storia capace di spiazzare, disturbante e pure avvincente. Da tempo non leggevo un romanzo come quello di Cristò Chiapparino e sono rimasta piacevolmente colpita, mi sono immersa nell’immobilità e sono stata trascinata in un modo che non è il mio eppure, in un certo senso, oggi quasi lo è.


Per la prima foto, copyright: Ihor Malytskyi su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.