Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Consigli di lettura

Crisi nelle librerie: una questione economica o culturale?

LibrerieLa questione delle librerie in crisi è un dato di fatto ormai nell'ambiente editoriale. Il presidente dell'Associazione librai, Alberto Galla, sostiene che per ogni libreria che chiude ce n'è una che apre, citando il caso della Goldoni veneziana (protagonista di un cambio gestione) e delle Flaccovio di Palermo («Erano sei. A quanto mi risulta, è previsto che una riapra»). Quindi, tutto sotto controllo, anche se il calo nelle vendite sembra testimoniare il contrario.

Nell'articolo Un romanzo con bufala e pomodorini («Il Fatto Quotidiano», 20 agosto 2013), la giornalista Silvia Truzzi ci racconta di librerie che chiudono per lasciare il posto a negozi d'altro tipo o pizzerie, mentre nelle librerie ancora aperte (viene citato il caso esemplare di Feltrinelli) vengono venduti gadget e materiale di cartoleria, oltre che dvd, blu-ray, cd di musica. Ma la libreria propone anche viaggi o itinerari culinari e di benessere, se si pensa alle smartbox in vendita. Non mancano peluche, lego e altri giocattoli. Ecco che un luogo inizialmente adibito ai libri diventa un «grande supermercato che vende un po' di tutto», un modo come un altro per far tornare i conti.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Per giustificare la diminuzione delle vendite di libri, in molti hanno puntato il dito contro gli ebook, anche se in Italia costituiscono il 2% del mercato editoriale totale. In realtà, c'è da chiedersi se veramente le persone, a causa della crisi economica, hanno deciso di spendere in altro, oppure se è una questione meramente culturale. Le statistiche dimostrano che, nel 2012, il 46% degli italiani, al di sopra dei sei anni, ha dichiarato di avere letto almeno un libro in un anno, una percentuale molto bassa rispetto al 61% della Spagna, il 70% della Francia e l'82% della Germania. Inoltre, se al Nord il 52,2% degli italiani afferma di aver letto almeno un libro all'anno, al Sud la percentuale è solo del 34,2%, al centro del 49,7% e nelle isole del 36%. Meno soldi da investire nella lettura o, semplicemente, poca voglia di leggere?

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.2 (5 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.