Consigli di lettura

Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Creare un blog di successo – Lezione 5

gocciaLa scorsa volta abbiamo parlato di alcuni comportamenti sui quali investire le proprie energie. Oggi continuiamo il blogging plan focalizzandoci su altri comportamenti, altrettanto importanti. In particolare sei che a mio avviso dovrebbero essere considerati con attenzione.  Ponetevi per ognuno la domanda: come sono io? Potrei migliorarmi?

 

1- Comunicazione

Possedere la dote della buona scrittura non è sufficiente, per comunicare con efficacia in un blog dovrete pensare alle necessità dei vostri lettori e su questo anche concentrare la scrittura appunto. In altre parole, ponetevi di continuo la seconda domanda della lezione 3: “Il blog è utile a loro e come potrebbe diventarlo ancor più?”, e di conseguenza non solo scegliete con cura gli argomenti da trattare, ma riflettete altresì sul tipo di scrittura che potrebbe essere maggiormente apprezzata.

- Vi servirà un periodare paratattico e asciutto oppure complesse subordinate costruite con eleganza?

- Sarà auspicabile un linguaggio semplice e divulgativo oppure una raffinata semantica che possa stupire gli utenti?

- Suddividerete un post in paragrafi o scriverete un articolo senza pause?

 

2- Intraprendenza nella comunità

S’era già affrontato la scorsa lezione il tema delle affinità tematiche, non basta. Una volta inseriti nell’ambiente – imprescindibile –, in che cosa vi potreste distinguere per farvi apprezzare? Se vi comporterete come tutti gli altri, rimarrete in disparte e/o anonimi. Ecco il senso dell’intraprendenza: provate a organizzare qualche evento o iniziativa, cercate di far parlare di voi attraverso ciò che progettate. Il modo migliore per permettere al nome del vostro blog di circolare con un effetto dirompente è costruirci attorno in maniera continua una serie di azioni che finiscano nelle bocche della vostra comunità di riferimento.

 

3- Imprenditoria

Le opportunità si creano, non si cercano. Dovrete essere imprenditori di voi stessi, ragionando sulle potenzialità ancora da esprimere all’interno degli argomenti di cui parla il vostro blog. I cloni non servono, l’imprenditore tenta di alzare lo sguardo per scrutare oltre la siepe del conosciuto. Laddove esiste un problema, voi impegnatevi a trovare una soluzione. Laddove molti vi dicono “lascia perdere”, voi mettetevi subito al lavoro per dimostrare a voi stessi in primo luogo che quelle persone si sbagliano, bastava cambiare prospettiva per capire la soluzione.

 

4- Perseveranza

Già vi ho parlato del fattore *tempo*, necessario per generare un blog di successo. Non lasciatevi deprimere se per mesi i risultati vi sembrano insignificanti, perseverate con piccole azioni continue premeditate. Dovrà essere una goccia che scavi sulla roccia. Proseguire sul cammino nonostante le difficoltà non è mai semplice, ma aveva ragione Winston Churchill quando dichiarava: “Il peggior crimine non è fallire: è non tentare”. Se avete deciso di decidere, ripeto, se avete deciso di decidere, siate risoluti nel tentare ogni giorno di continuare.

 

blog successo5- Originalità

Mi è capitato di parlare di questo tema già in passato, per me fondamentale. Essere originali concerne l’abilità di rompere le regole. Se per anni o decenni o secoli qualcuno ha pensato che ci si dovesse comportare in un certo modo forse aveva ragione, ma forse no, sta a voi scoprirlo vivendo in prima persona l’esperienza attraverso norme differenti. Pensate a nuove regole, cambiatele, o almeno immaginate di cambiarle. Questo processo interiore vi concederà di agire da una visione più ispirata, più coinvolta, meno legata alla tradizione o ai pregiudizi. Essere originali non significa essere pecore, e ciò non vale soltanto per un blog di successo.

 

6- Concentrazione

Se avete obiettivi importanti, non dovrete fornire spazio alle distrazioni. Un blog di successo vi assorbe, ci penserete finché lavorerete o mentre starete stirando: fate entrare su di voi il flusso della creazione e rimanete concentrati, appuntate quanto più possibile in forma organizzata le idee. Vi capiterà di descrivere dentro di voi centinaia di idee, pensateci e ripensateci, confrontatele, emergeranno nel tempo le soluzioni idonee. Se siete convinti di potervi affermare, dimostratelo a voi stessi con determinazione. Vi saranno momenti tristi o deludenti, ma ancoratevi all’entusiasmo, alla fiducia che concentrandosi prima o poi i risultati saranno palesi di fronte ai vostri occhi. Come immaginate il blog fra un anno o due o cinque? Rimanete concentrati sull’obiettivo.

 

Alla prossima. 

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.