Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Cosa accade quando a una bambina viene impedito di vivere la sua infanzia?

Cosa accade quando a una bambina viene impedito di vivere la sua infanzia?Eva ha dieci anni, ma di diverte ancora con giochi infantili, complice anche il fatto che le sia stato negato di vivere l’infanzia che invece avrebbe meritato. È questo uno dei punti centrali di La casa capovolta, romanzo d’esordio di Elisabetta Pierini, pubblicato da Hacca Edzioni e vincitore del Premio Calvino nel 2016.

 

Ed è proprio uno dei punti che abbiamo voluto mettere in evidenza nella nostra intervista a Elisabetta Pierini.

 

Con La casa capovolta lei ha vinto nel 2016 il Premio Calvino. Dopo cinque anni, com’è cambiato il suo atteggiamento, anche il suo stato d’animo, verso questo romanzo?

Dopo il premio Calvino per un lungo periodo non ho più riletto nemmeno mezza pagina di quel romanzo. Mi capita sempre dopo aver lavorato molto a qualcosa di dovermene distaccare per un lungo periodo. Poi quando la mia agente Benedetta Centovalli mi ha detto che c’era un editore interessato all’Interruttore dei sogni (ora il titolo è La casa capovolta) ho sentito l’esigenza di rileggerlo per vedere se mi piaceva ancora e se aveva bisogno di un’aggiustata. Ho modificato le parti che non scorrevano come avrei voluto e ho chiesto ad Hacca di proseguire la lettura da quell’ultima versione. Loro comunque erano già molto convinti di volerlo pubblicare.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

Cosa accade quando a una bambina viene impedito di vivere la sua infanzia?

Eva, la giovanissima protagonista del libro, ha una passione per le bambole, oserei dire che quasi vive insieme a loro. Cosa rappresentano per lei?

Le bambole e gli amici immaginari sostituiscono quell’universo di affetti che ogni bambino dovrebbe avere. La Signora è una figura genitoriale, dà le regole, la tratta come una bambina disubbidiente. Invece il padre di Eva è convinto che lei sia matura e responsabile, rafforza quel capovolgimento di rapporti madre-figlia che a volte si verifica in famiglie disfunzionali. Le bambole tengono Eva legata al mondo dell’infanzia che lei sente più sicuro, più vicino alla fantasia che alla realtà, e da cui non vorrebbe allontanarsi.

 

Nella prima pagina del romanzo, lei scrive: «Eva aveva quasi dieci anni, e ancora faceva giochi infantili.» Fino a che punto si può parlare di un ancoraggio di Eva all’infanzia? E a cosa è dovuto?

Anche se viene giudicata dal padre matura e responsabile, Eva è più infantile dell’amica e coetanea Laura. A Eva è negato in casa il diritto di essere una bambina e lei lo rivendica nel suo modo indiretto: non vuole staccarsi dalle sue bambole e dal mondo dell’infanzia. Ognuno di noi quando salta una tappa importante della sua crescita prima o poi torna indietro per tentare di recuperarla. Meglio prima che poi.

Cosa accade quando a una bambina viene impedito di vivere la sua infanzia?

Un padre assente e una madre problematica, una famiglia dunque non proprio serena. Da dove nasce la decisione di porre al centro della narrazione una tale dimensione famigliare?

È la dimensione problematica che fa mettere in atto le energie mentali e creative per fronteggiare l’ostacolo. È la dimensione anomala che mette in campo tutte le risorse mentali di Eva. Me la sono immaginata subito così, è nata nella mia testa in quella famiglia. Però nei miei romanzi non si può parlare di decisione, perché non faccio una scaletta decidendo prima cosa raccontare, si scrivono da soli come vogliono. Nella mia testa il personaggio Augusto Perez avrebbe sempre la meglio sull’autore.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

E per il futuro? Sta già pensando/lavorando a un nuovo romanzo?

Ho dei romanzi nel cassetto e il primo che vorrei tirare fuori è Notte, finalista alla ventisettesima edizione del Premio Calvino. In questo momento Hacca lo sta valutando. Ho un abbozzo di qualcosa a cui per il momento non lavoro, mi sto prendendo una pausa. Le mie cose nuove non so mai cosa mi racconteranno finché non sono arrivata in fondo, potrebbero finire nel cassetto o nella pattumiera.

Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.


Per la prima foto, copyright: Bermix Studio su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.