Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste scrittori

Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Come si scrivono i titoli dei libri

Come si scrivono i titoli dei libriCome si scrivono i titoli dei libri? È una domanda che prima o poi tutti quelli che devono scrivere un testo, che sia un articolo o una tesi di laurea, si pongono perché capiterà di dover citare il titolo di un libro di un altro autore. E allora che fare?

Prima di dare qualche indicazione su come si scrivono i titoli dei libri, sempre facendo riferimento al Nuovo Manuale di Stile di Roberto Lesina (Zanichelli), precisiamo che quanto stiamo per riportare si riferisce ai titoli citati all’interno del testo e non a quelli inseriti in bibliografia, per la costruzione della quale si seguono delle modalità differenti.

Allora, andiamo per gradi alla scoperta del modo migliore per scrivere i titoli dei libri all’interno del testo che stiamo scrivendo.

La prima differenza tra fare è tra libri interi e parti di libri perché i titoli si scrivono in modo differenti a seconda del caso in cui ci troviamo.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Vediamo allora come si scrivono i titoli quando siamo di fronte a libri interi:

«I titoli di opere intere in prosa o in versi si scrivono in carattere corsivo, usando l’iniziale maiuscola per la prima parola del titolo.»

 

Ad esempio: L’uomo senza qualità di Robert Musil; i Quarantanove racconti di Hemingway; Come si fa una tesi di laurea di Umberto Eco; l’Enciclopedia del Novecento; l’Iliade; l’Orlando furioso; Amleto di Shakespeare; La locandiera di Goldoni.

 

Nel caso di parti di opere invece per scrivere i titoli è bene attenersi a queste indicazioni generali:

«I titoli descrittivi di parti di opere si scrivono in carattere ordinario e racchiusi tra virgolette, usando l’iniziale maiuscola per la prima parola del titolo.»

 

Ecco alcuni esempi:

  • “Malaria”, da Novelle rusticane, di Giovanni Verga;
  • l’undicesimo capitolo dell’Ulisse di Joyce, “Nausicaa”;
  • “La ricerca del materiale”, capitolo terzo di Come si fa una tesi di laurea;
  • “La pioggia nel pineto”, di D’Annunzio.

 

Bisogna però fare una precisazione per i titoli relativi alle parti di opere:

«I titoli di parti o suddivisioni fondamentali di un’opera, caratterizzate da una compiutezza propria nel contesto dell’opera, si scrivono normalmente in carattere corsivo, come i titoli di opere intere.»

 

Ad esempio: All’ombra delle fanciulle in fiore, secondo libro della Ricerca del tempo perduto; l’Inferno, prima cantica della Divina commedia.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

E a proposito della Divina commedia, come si scrivono le denominazioni di suddivisioni formali di un’opera (es: canto, capitolo, atto, ecc.)? Normalmente minuscole, in carattere ordinario e senza virgolette: Purgatorio, canto XVI; capitolo 9; parte II; atto IV; scena I.

Queste sono le principali indicazioni per rispondere alla domanda come si scrivono i titoli dei libri. Hai trovato la soluzione per il tuo problema?

Leggi tutte le nostre curiosità stilistiche e grammaticali

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.