Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Come scrivere una scena evitando parole inutili

Come scrivere una scena evitando parole inutiliScrivere una scena, e saperlo fare al meglio, è senz’altro una sfida per qualsiasi scrittore, soprattutto per chi è alle prime armi. Una delle difficoltà maggiori è quella di evitare di riempire la scena di parole e frasi inutili che non solo non aggiungono nulla, ma finiscono anche col rallentare se non coll’annullare del tutto l’azione.

Insomma, la noia sarebbe dietro l’angolo.

 

Per evitare questo, ecco 5 consigli su come scrivere una scena evitando parole inutili.

 

 

1. Rimuovi le descrizioni di contesto

Come scrivere una scena evitando parole inutili

Spesso i critici apprezzano la prosa di autori come Ernest Hemingway, Margaret Atwood o Alice Munro. Ma ricorda, una prosa che economizza così al massimo è molto difficile da padroneggiare.

Molti ritengono che i racconti di Alice Munro riescano a dire in poche pagine quello che altri riescono a dire solo in un intero romanzo. Questo in parte è dovuto ai racconti stessi che impongono una certa economia nella gestione delle frasi e delle scene. Hai cioè meno spazio per dire di più.

Le scene piene di informazioni inutili invece ottengono l’effetto opposto.

Come non citare a questo proposito le descrizioni di contesto? Si tratta di frasi che scriviamo perché ci sembrano possano scaldare i motori in attesa della storia vera e propria. Non sempre però ci ricordiamo di cancellarle. Se leggi una scena che hai scritto e ti rendi conto di aver detto molto al lettore senza mostrargli granché, spesso questo dipende dal fatto che hai lasciato lì tutte le descrizioni di contesto.

Quando rivedi una scena, cerca quei passaggi troppo lunghi. Vedi se puoi eliminare alcune informazioni che riveli al lettore e se al massimo puoi sostituirle con un’azione.

***

2. Stabilisci l’obiettivo della tua scena

Come scrivere una scena evitando parole inutili

Spesso le scene sono ricche di parole inutili perché tu stesso non ha ben chiaro dove stai andando. È più facile scrivere una scena snella e ben strutturata se sai quello che deve accadere in ogni segmento. Quando scrivi una scena per un romanzo o un racconto, cerca sempre di pianificare prima l’obiettivo che devi perseguire. Individua il focus di tutte le scene e l’obiettivo di ognuna di esse rispetto a quello generale della storia e crea poi delle sintesi per ogni scena che mostri anche le relazioni tra di loro.

In questo modo eviterai di perderti tra le parole e trasmettere al lettore l’idea che non sai bene dove stai andando a parare.

Quando inizi a scrivere una scena, chiediti sempre:

  • Chi compare in questa scena?
  • Dove ha luogo?
  • Quali elementi ignoti la scena potrà introdurre per poi svilupparli in seguito?
  • Quali conflitti possono accadere?

***

3. Evita interruzioni che riducono il focus

Come scrivere una scena evitando parole inutili

Un elemento importante della scrittura di una scena è la gestione del tempo della narrazione. Ad esempio, puoi descrivere la situazione di un personaggio e iniziare un nuovo paragrafo con: “Prima quello stesso giorno…” mostrando al lettore eventi e azioni pregresse che si riferiscono a quello che succederà in seguito.

Inserti come questo sono utili quando vuoi introdurre elementi importanti sullo sfondo della storia. Assicurati però che il piatto della bilancia penda sempre dalla parte degli elementi più importanti.

Per controllare il focus di una scena e restare concentrato su questo, prendi la tua bozza e verifica se il focus è chiaro paragrafo dopo paragrafo. Quali nuove o rilevanti informazioni ogni paragrafo fornisce al tuo lettore sull’attuale scenario?

***

4. Abbrevia i momenti di transizione tra le scene

Come scrivere una scena evitando parole inutili

Una delle sfide che devi affrontare quando scrivi una scena è quella di far muovere la storia da una location (o da un intervallo temporale o da un punto di vista) all’altro.

Mantenere brevi questi momenti di transizione aiuta a rendere la scena viva e interessante.

***

5. Taglia parole e frasi “filtro”

Come scrivere una scena evitando parole inutili

Il modo in cui costruisci le frasi può rendere ridondante una scena (o tenerla viva, veloce).

Per parole o frasi “filtro” intendiamo quelle parole che “filtrano” la storia attraverso il modo di percepire di un personaggio.

Ad esempio, invece di dire: “la strada era al buio e lei camminava lentamente”, potresti scrivere “vide che la strada era buia e che le camminava lentamente”. La seconda versione però ti allontana dall’azione. Non vediamo la strada, ma il personaggio che la vede.

 

Leggi tutte le Lezioni di scrittura creativa

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.