Corso SEC

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Corso online di editing

Come scrivere un dialogo con più di due personaggi

Come scrivere un dialogo con più di due personaggiScrivere un dialogo è senz’altro una delle attività più difficili per uno scrittore e le cose si complicano quando sono in gioco più di due personaggi perché, oltre a gestire la loro “voce” all’interno del dialogo e oltre ad affidare a ognuno le giuste battute, dobbiamo anche riuscire a far capire al lettore chi di loro sta parlando in modo da non creare confusione o sovrapposizioni di voci diverse.

 

Qui di seguito vi forniamo alcune indicazioni pratiche per riuscire a gestire al meglio quest’aspetto.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

1. Colloca bene i personaggi nella scena

Come scrivere un dialogo con più di due personaggi

In una rappresentazione teatrale è facile far capire agli spettatori chi sta parlando perché i personaggi sono sul palco e si riesce a individuare facilmente chi sta pronunciando una determinata battuta. In un libro, per ovvie ragioni, non possiamo fare affidamento sull’udito del lettore. Perciò scrivere dialoghi tra molteplici personaggi in modo che risulti chiaro chi sta parlando significa prima di tutto collocare i personaggi bene all’interno di una scena.

Ad esempio, immagina un intenso scambio in una cucina. Se collochi un personaggio nel bel mezzo di un’azione (ad esempio sta tagliando le cipolle) e altri due in piedi accanto al lavandino, puoi sfruttare questi elementi per mostrare chi sta parlando e fare leva su una serie di azioni e oggetti semplici già collocati sulla scena e dare un’idea della posizione dei personaggi tra di loro e rispetto agli elementi stessi.

Insomma, non sempre è necessario usare espressioni come “lui disse” o “lei rispose”, perché puoi sfruttare altri elementi per rendere chiaro chi sta parlando.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

2. Scrivi dialoghi con e senza primi piani

Come scrivere un dialogo con più di due personaggi

Un’altra convenzione tipica di film e serie Tv è quella dei primi piani, che rendono immediatamente chiaro chi sta parlando. In pratica grazie al primo piano del viso di un personaggio possiamo trasmettere una particolare emozione al telespettatore. In un libro invece dobbiamo raggiungere lo stesso effetto attraverso la descrizione dei personaggi.

Come nel caso delle serie Tv e dei film, impara a essere parsimonioso con i primi piani dei personaggi nei dialoghi. Mostrare i volti dei personaggi è un modo utile per descrivere le loro reazioni a una conversazione quando ce ne sono più di due in una stessa scena. Tuttavia se ogni parte del dialogo include la descrizione di un primo piano, la tua storia potrebbe iniziare a sembrare una soap opera o un libro per bambini. Insomma mantenere il giusto equilibrio è la chiave. Ritornando all’esempio del punto 1, potresti interrompere la concentrazione sulle espressioni facciali dei personaggi introducendo qualche azione, ad esempio uno dei personaggi potrebbe usare il lavandino per lavarsi le mani.

Esercitati a scrivere un dialogo con le descrizioni facciali che accompagnano ogni battuta. Poi prova a riscrivere lo stesso dialogo e lascia che siano le parole dei personaggi a comunicare le stesse emozioni che prima avevi mostrato descrivendo i loro volti. Non funziona meglio così?

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

3. A ogni personaggio la sua voce

Come scrivere un dialogo con più di due personaggi

La voce è un elemento cruciale quando scrivi un dialogo. Su un palcoscenico, in un film o in una serie Tv abbiamo il suono delle voci dei singoli personaggi e le loro caratteristiche precipue che ci aiutano a distinguerli. Quando scrivi, il dialogo deve far convergere questi elementi distintivi usando solo le parole.

Per voci dei personagginon intendiamo solo il suono della voce. Ma anche la personalità del personaggio che emerge attraverso quello che dice. Dettagli come:

  • gli argomenti preferiti;
  • specifici modi di parlare (ad alta o bassa voce, parlare velocemente o lentamente, ecc.);
  • il vocabolario usato;
  • l’accento, inteso anche come il ricorrere a espressioni gergali e dialettali.

***

4. Usa le etichette solo se sono necessarie

Come scrivere un dialogo con più di due personaggi

I cosiddetti “dialogue tag”, cioè le etichette che inseriamo nei dialoghi per orientare il lettore, sono un male necessario, ma usarne troppi all’interno di una stessa conversazione comincia a far sentire in maniera eccessiva la presenza dell’autore.

A volte si può essere tentati di risolvere tutto semplicemente inserendo a ogni battuta espressioni come “lui/lei disse”. Questo può essere un vero e proprio errore. Le voci dei personaggi vanno distinte in altro modo, come abbiamo indicato sopra.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.