Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Consigli di lettura

Come scrivere il finale di una scena – 6 modi per tenere legato il lettore

Come scrivere il finale di una scena – 6 modi per tenere legato il lettoreIn varie occasioni vi abbiamo parlato delle scene di un romanzo, soffermandoci in particolare su come scriverle e iniziarle. Oggi analizzeremo un altro aspetto importante: come scrivere il finale di una scena.

 

Perché è importante?

Perché da questo dipende se il lettore proseguirà o no con la storia che stai raccontando. Quindi anche quest’aspetto non va assolutamente sottovalutato.

 

Qui di seguito sei modi per scrivere il finale di una scena che tenga il lettore legato alla tua storia.

 

1. Sfrutta l’effetto sorpresa

Come scrivere il finale di una scena – 6 modi per tenere legato il lettore

Definiamo una storia “noiosa”, quando ciò che accade è prevedibile. L’imprevedibilità rafforza la suspense e tiene alta la tensione narrativa. Questo è particolarmente importante alla fine di una scena perché genera in chi legge il desiderio di andare avanti per scoprire cosa accadrà in seguito.

Ecco alcuni esempi di idee per sfruttare l’effetto sorpresa alla fine di una scena:

  • Mentre sta lavorando nel suo giardino, un uomo dissotterra una scatola misteriosa, chiusa a chiave.
  • Una donna arriva nel suo ufficio di sera per finire un lavoro in vista di una scadenza. Trova il suo ufficio chiuso a chiave dell’interno e vede una strana figura che sta frugando tra le sue cose.
  • Un ragazzino riceve un regalo di compleanno inatteso da un altro ragazzino e si chiede cosa potrebbe essere.

 

Gli esempi di cui sopra – e che mostrano delle possibili conclusioni di una scena – possono essere criptici, minacciosi o semplicemente dei piccoli misteri che prima o poi tutti noi ci troviamo a vivere.

***

2. Ricorda la relazione causa-effetto

Causa ed effetto, azione e reazione, scelta e sue conseguenze: queste sono le coppie che servono per orientare una storia e che ci tengono legati con forza al suo sviluppo.

Concludere una scena con un evento drammatico porterà il lettore a chiedersi come questa situazione potrebbe cambiare le cose o quali saranno le sue conseguenze. Quando questo accade hai trovato la giusta alchimia per creare un legame tra il lettore e la storia.

Ricorda però di non esagerare e non chiudere ogni scena con eventi drammatici o scioccanti. Così rischi che la tua storia diventi poco credibile.

***

3. E la suspence?

Come scrivere il finale di una scena – 6 modi per tenere legato il lettore

Ci sono due modi per giocare con la suspence.

Il primo: il lettore sa qualcosa che il personaggio non sa, e dunque può essere interessato a conoscere le sue reazioni.

Il secondo: sia il lettore sia il personaggio sono coinvolti in qualcosa di cui non sanno nulla. In questo caso il lettore è portato a fare esperienza diretta dello stesso stato d’animo del personaggio.

Tra le situazioni che generano suspense ci sono quelle che:

  • Richiedono coraggio, laddove ci sono delle prove da superare.
  • Implicano pericolo o minacce.

***

4. Anticipa qualcosa

Tra le scene che possono coinvolgere il lettore e spingerlo a proseguire nella lettura ci sono quelle che si chiudono con qualche anticipazione di ciò che accadrà dopo. Ovviamente si tratta di un’anticipazione misurata: non bisogna dire tutto, ma solo quello che basta per accendere la curiosità del lettore.

***

5. Arrivi e partenze

Come scrivere il finale di una scena – 6 modi per tenere legato il lettore

L’arrivo – di un personaggio, di buone o cattive notizie – o una partenza è un modo utile per alimentare la curiosità del lettore alla fine di una scena.

***

6. Conseguenze di un’azione

Nel secondo punto, abbiamo evidenziato come possa essere utile concludere una scena con situazioni le cui conseguenze saranno rese note in futuro. Altre scene potrebbero dunque concludersi con la descrizione di queste conseguenze.

***

Chiudere una scena in questo modo aiuta a puntellare la narrazione di momenti dinamici di rivelazione e ulteriore sviluppo della storia.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.