Diffondi libro

Corso online di editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Come affrontare il primo anno di università

UniversitàSe vi siete iscritti da poco all’università, e quindi siete delle “matricole”, affrontare il primo anno può sembrarvi un’avventura piena di insidie. Burocrazia, moduli, CFU, lezioni da seguire, esoneri, prove in itinere, esami da preparare: quella che può apparire come una Babele è, più semplicemente, una nuova realtà con ritmi, regole, sistemi di gestione, diversi rispetto a quelli a cui vi eravate ormai abituati.

Ciò non vuol dire che affrontare il primo anno di università sia un’impresa impossibile da portare a termine. Come diciamo spesso, è importante procedere con metodo e rigore, passo dopo passo.

Ormai lontani dalla gabbia protettiva rappresentata dalla scuola superiore, dovrete imparare a gestire meglio, e in autonomia, voi stessi, oltre al vostro tempo e alle vostre energie, sia mentali che fisiche.

1.      Informarsi: se non l’avete già fatto prima ancora di iscrivervi, avete fatto male. Ma ci sono sempre tempo e modo per recuperare. Informatevi su tutti gli elementi essenziali che riguarderanno la vostra vita universitaria. Strutture, collocazione delle aule in cui si svolgono le lezioni e degli studi dei professori, servizi offerti dall’università, sia all’interno che all’esterno del vostro Dipartimento o della vostra Facoltà. Non dimenticate di prendere nota dell’ubicazione e dei recapiti telefonici della Segreteria Studenti, e di eventuali tutor;

 

2.      Pianificare gli impegni e ottimizzare il tempo: fra lezioni, studio e altri impegni è facile confondersi e non sfruttare al meglio il tempo. Verificate con cura l’impegno richiesto e valutate la vostra frequenza delle lezioni (a meno che essa non sia obbligatoria), stabilendo delle priorità da rispettare e cercando di orientare il vostro “piano orario” su di esse. Pensate bene anche alla quantità di tempo da dedicare allo studio ogni giorno, soprattutto se siete pendolari o fuori sede;

 

3.      Organizzare una tabella di marcia: non basta una buona gestione nel breve periodo. Riflettete su tutte le materie incluse nel vostro piano di studi per il primo anno di università, in relazione alle sessioni d’esame e al numero di appelli per ciascuna sessione. Fate delle ipotesi, anche a medio termine, su quali esami sostenere prima e quali dopo. Si tratta, ancora una volta, di un gioco di incastri. Sapersi organizzare è importante tanto quanto studiare in maniera opportuna e matura;

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

4.      Verificare il rispetto della tabella di marcia: controllate a intervalli regolari, per esempio ogni 2 o 3 mesi, oppure dopo ogni esame, che stiate rispettando la vostra “tabella di marcia”. Se non lo state facendo, chiedetevi subito il perché: avete perso tempo? Vi sentite catapultati in un ambiente troppo diverso da ciò che vi aspettavate? Non siete del tutto sicuri della vostra scelta? L’università non è sempre un percorso lineare, quindi non preoccupatevi di eventuali difficoltà o dubbi. L’importante è saper reagire con dinamismo e spirito di adattamento;

 

5.      Utilizzare spazi e “strumenti” a disposizione: cercate di utilizzare tutti gli spazi, nonché tutti gli strumenti, informatici e non, messi a vostra disposizione. Frequentate la biblioteca, imparate a fruire di cataloghie database, allargate i vostri orizzonti, andando anche oltre i libri e gli appunti. Non dimenticate che ciascun professore ha un suo orario di ricevimento. In caso di dubbi, domande, chiarimenti, non esitate a sfruttare questa opportunità;

 

6.      Conoscere colleghi e “compagni di viaggio”: l’università non è solo un percorso di formazione. È anche una grande avventura, ottima per conoscere persone nuove, con cui confrontarsi, per apprendere, e allo stesso tempo insegnare, qualcosa di diverso. Provate a fare nuove amicizie sin da subito: alcune persone vi accompagneranno solo per un breve periodo. Altre, magari, per anni, dopo la “parentesi” universitaria.

Ogni cosa, come tutti sanno, ha un inizio che, spesso, è il momento più difficile, in cui può sopraggiungere lo sconforto e crollare la motivazione. E dato che il modo migliore per fare le cose è proprio iniziare a farle, imparare ad affrontare al meglio il primo anno di università è fondamentale.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.