Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste scrittori

Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Chi sta con Erri De Luca?

Erri De LucaChi se la sente, chi sta con Erri De Luca? Qual è il movimento intellettuale di idee a sostegno di una presa di posizione contro la Tav?

Lo scrittore napoletano ha fatto una scelta di campo, coraggiosa, se vogliamo, e determinata. Ha detto delle cose, le ha argomentate, le ha sostenute, e adesso rischia di essere condannato per istigazione a delinquere.

In un particolare momento storico e politico italiano, che vede al governo forze reazionarie e poco inclini al dibattito, De Luca dovrebbe rappresentare una specie di mito, di capopolo, di nuovo Masaniello della rivoluzione intellettuale. Ma non è così, per niente. Anzi, tiepidamente ci si schiera a favore della sua battaglia, o non lo si fa per niente. Perché? Probabilmente perché Erri De Luca rappresenta una generazione di autori dentro il mercato, dentro il mainstream, dentro una logica che ha partorito l’annullamento del dibattito politico-culturale. Perché di prese di posizione un po’ sessantottesche e un po’ da centro sociale siamo tutti stanchi. E perché, in fondo, una voce isolata non conta niente se non c’è un movimento di idee diffuso, un qualcosa che assomigli a una fucina nazionale della contrapposizione al potere.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Possiamo essere tutti contrari alla Tav – io lo sono – ma non tutti aderiamo a un percorso di isolamento, perché desideriamo che il contro-potere abbia altri portavoce, altre idee, altri volti. Dunque, c’è poco da fare: o cambia tutto, nomi compresi, o non cambia niente, e i rapporti di forza non vengono né ribaltati, né scalfiti, né incrinati.

Sta nella storia delle cose: non basta che un singolo diventi un po’ la vittima sacrificale di una battaglia ideologica e materiale, perché tutto cambi davvero. Diventa necessario ripristinare il senso della militanza culturale – vale a sinistra quanto a destra, al centro non ne hanno bisogno – per ridare senso all’agire dell’intellettuale in questo Paese senza egemonia democratica. Diventa necessario far piazza pulita di una bella generazione autoreferenziale, di scrittori, registi, autori televisivi che hanno insultato il buon senso arricchendo se stessi e i grandi gruppi editoriali. Diventa necessario, in sostanza, tornare a far cultura militante come azione comunitaria, non isolata e singola, un po’ come ha provato a fare il Teatro Valle Occupato senza troppo riuscirvi.

Per questo, e per tanti altri motivi, chi sta con Erri De Luca siamo pochi, ma pochi davvero.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.6 (34 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.