Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste scrittori

Conoscere l'editing

“Chi ha ucciso David Crane?”: romanzo ipertestuale made in Italy

Chi ha ucciso David Crane?«Un giallo postmodernista […] che non riesce a prendere in giro neppure se stesso»: viene presentato in questo modo Chi ha ucciso David Crane?, “romanzo” di Fabrizio Venerandi edito da Quintadicopertina. Le virgolette sono d’obbligo, per un’iniziativa come questa. 

Perché? Perché cambiano i tempi, anche nell’arte del narrare, sviluppandosi con un andamento circolare, come abbiamo visto (o almeno così sembrerebbe) più che viaggiando lungo una semiretta. Ma gli elementi costitutivi minimi, sebbene organizzati, utilizzati, accostati in maniera diversa, persistono, con una straordinaria regolarità.

E Chi ha ucciso David Crane? ne è una dimostrazione. Nonostante la calma, almeno apparente, della secca presso cui si è arenata la discussione su hypertext fiction e simili, a distanza di anni dall’avvento del beneamato libro game, o da opere di grande “alternatività” come Grammatron, emerge un’esperienza del genere, tutta italiana, che, con semplicità, riproponendo di fatto pari pari la forma del libro con “bivi decisionali”, moltiplica la narrazione, e ci dà ancora una volta l’illusione (ma sempre di patto narrativo si tratta) di avere il controllo.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

A ben vedere, pur rimanendo nel grande ambito della “narrazione”, all’estremo opposto di quanto descritto si situa l’estetica sandbox che, attraverso l’utilizzo, felice, di un termine inglese persino banale, è passata a indicare, nel corso del tempo, tutti quegli ambienti virtuali che si danno al fruitore in quanto tali, senza essere condizionati, e senza condizionare, per mezzo di “obiettivi” da conseguire. Ma questa è un’altra storia, di cui ci occuperemo la prossima volta.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.