Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Che lingua parla la violenza? Un’indagine sullo stile dell’abuso

Che lingua parla la violenza? Un’indagine sull’abusoLo stile dell’abuso. Violenza domestica e linguaggio di Raffaella Scarpa (edizioni Treccani, 2021), docente di Linguistica italiana e Linguistica medica e clinica presso l’Università di Torino, intende ridefinire l’abuso domestico in rapporto alle nozioni di potere, violenza e linguaggio proponendo una nuova concettualizzazione ed evidenziando il ruolo svolto dalla lingua nella relazione d’abuso.

Ciò che emerge dai casi studiati e riportati è che il regime discorsivo dell’abusante corrisponde a un sistema linguistico fondato sulla menzogna. Al centro quindi dell’indagine di Raffaella Scarpa c’è la parola la cui potenza pervasiva è in grado di rivelare gli aspetti più oscuri della violenza. In questo libro il linguaggio, che è spesso legato a una valenza positiva, è legato al concetto di abuso.

La parola è analizzata non come un mezzo per pensare, imparare o stringere relazioni ma come «strumento abusante» che sottomette. Oggi si parla molto di donne abusate fisicamente tra le mura domestiche, ma quasi mai si pone l’attenzione sul fatto che l’abuso del linguaggio, o meglio, il linguaggio dell’abuso possa essere l’arma principale della soggezione.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

I concetti alla base di questo libro sono quindi «potere» e «violenza» a partire dal loro rapporto con la lingua. Le ragioni profonde dell’assoggettamento stanno proprio nell’enorme potere di offesa del linguaggio, nella sua forza perlocutoria. E proprio questo emerge dall’analisi stilistica di un corpus di testi raccolti da Raffaella Scarpa e dal suo team in più di vent’anni di ricerca, utile a studiare e comprendere il regime discorsivo dell’abusante il cui fine ultimo sta sempre nell’esercitare una «forma specializzata di annichilimento» dell’altro attraverso il potere della parola.

L’aggressione è nascosta nei livelli meno decodificati della lingua, nel tono, nel ritmo, nella velocità con cui si parla, nella costruzione della frase; aver chiaro come si comporta il linguaggio nella relazione d’abuso equivale a immunizzarsi e proteggersi.

Che lingua parla la violenza? Un’indagine sull’abuso

I tentativi di una formalizzazione del legame tra potere e violenza accompagnano l’intera storia della riflessione: da sempre l’odio viene espresso attraverso il linguaggio mediante le parole (il lessico) e le immagini costruite attraverso le parole (la retorica delle figure). È ormai accreditato che le relazioni abusanti inizino sovente con quello che è stato battezzato «love bombing» ovvero il «bombardamento sentimentale», una tecnica che prevede una serie di azioni congiunte che hanno come oggetto-bersaglio la persona che si vuole assoggettare. Doni fuori contesto, ripetizione smodata di complimenti iperbolici, numero irragionevole di chiamate e messaggi, richiesta smodata di attenzioni, sono tutte spie che devono far preoccupare. Spesso però vengono viste come attenzioni da parte di un partner innamorato. E infatti una delle costanti nelle vicende di violenza domestica è la mancata presa d’atto dell’abusata rispetto a ciò che vive: anche nei casi più estremi la donna maltrattata è come se non si rendesse conto della situazione nella quale vive.

Ricorre nelle testimonianze l’immagine della metamorfosi dell’uomo in «altra cosa» sino alla trasformazione in essere mostruoso. Nelle testimonianze serpeggia un interrogativo: «Come è potuta avvenire la metamorfosi?», «Quando si è trasformato?». Da parte delle donne abusate vi sono dei procedimenti atti a riassorbire l’incomprensibile in una ragione più grande della logica; uno di questi sta nel tratteggiarsi come un soggetto dipendente, tossicomane, malato e questo associare l’abusante a una sostanza stupefacente o un agente patogeno gli conferisce autorità assoluta a cui corrisponde lecitamente la devozione totale: «Mio marito aveva la coca, la mia droga invece era lui. Lui lo sapeva e ripeteva a tutti: la malattia di Sara si chiama Antonio. Su questo aveva ragione, sì aveva proprio ragione».

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Se nelle donne il racconto è vario, negli uomini abusanti il racconto è omologato. La violenza viene spesso connotata come una forza esterna, viene minimizzata, non è tale fintanto che non produce segni visibili sul corpo.

Lo stile dell’abuso può quindi essere descritto come un sistema linguistico a più direttrici stilistiche che operano in sinergia per esercitare il potere domestico sino a identificarsi con esso.

Lo stile dell’abuso. Violenza domestica e linguaggio di Raffaella Scarpa è un libro illuminante sulle dinamiche che portano alla violenza domestica nei confronti delle donne, uno studio scientifico puntuale e attento dedicato «a chi non sa riconoscere l’intollerabile», da leggere e sul quale meditare tutti quanti.


Per la prima foto, copyright: Ben White su Unsplash.

Nessun voto finora

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.