Corso SEC

Corso online di editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Che cos’è la non-fiction

Non-fictionChe cos’è la non-fiction? È questo che ci si chiede nel visitare i lit-blog più influenti di oggi e nel leggere le pagine di cultura delle principali riviste culturali.

Non-fiction è stata, letterariamente parlando, una parola d’ordine per lo scorso 2014. Sono stati pubblicati dalle case italiane titoli notevoli; dall’ansiogeno Spillover di David Quammen (Adelphi) – presente in molte classifiche dei migliori libri dell’anno –, al vendutissimo Il capitale del XXI secolo di Thomas Piketty (Bompiani); dal raffinato Guarigione di Cristiano de Majo (Ponte alle Grazie) a Grazie per questo momento (Corbaccio), della vendicativa ex-moglie del presidente francese Hollande, Valérie Trierweiler. E ancora La terra dei narcos di Anabel Hernandez (Mondadori); la biografia di Dario Argento uscita per Einaudi, Paura, senza nominare l’esempio che ha riscosso più successo di pubblico e premi: Non dirmi che hai paura di Giuseppe Catozzella, vincitore del Premio Strega Giovani, in corso di pubblicazione in tutto il mondo.

Leggendo questi titoli, però, salta subito all’occhio come essi abbiano, in termini concreti, poco in comune l’uno con l’altro: il libro di Piketty è frutto di un imponente lavoro di ricerca di carattere economico, Spillover un’indagine di stampo scientifico e orientamento narrativo, mentre La terra dei narcos ha nettamente un’impronta giornalistica che molto ricorda il nostro Saviano. Cosa c’entra un testo partorito dalla moglie dell’attuale capo di stato francese con la letteraria rivisitazione di un periodo della propria vita dominato da paternità e malattia, così com’è il libro di De Majo? Si tenga presente che in Italia (e non solo) c’è una lunga tradizione di opere che potrebbero, a buon titolo, entrare nel genere, nonostante da noi non si sia mai parlato propriamente di non-fiction, partendo da Primo Levi, passando per Arbasino e Oriana Fallaci, arrivando fino a Saviano. Cos’è allora la non-fiction? Tutto ciò che non può definirsi romanzo? Per non essere definita romanzo basta che un’opera sia priva di trama (intesa quest’ultima nella sua accezione classica)?

David Shields

Sono forse queste alcune delle domande da cui nasce Fame di realtà di David Shields, testo pubblicato nel 2010 in Italia da Fazi, diventato uno dei cardini della non-fiction degli ultimi anni, suscitando un acceso dibattito all’interno del panorama letterario americano (e internazionale). In esso Shields (autore anche dell’ottima biografia di J.D. Salinger edita da ISBN Edizioni) raccoglie più di seicento tra riflessioni e aforismi che mirano a sottolineare e sostenere un forte bisogno della letteratura contemporanea di testimonianza, di realtà e autenticità, esprimibile senza restrizioni di forma e contenuto.

Truman Capote

Mi sono imbattuto in Fame di realtà alla prima lezione a porte aperte di un interessante corso di non-fiction tenuto a Roma da Cristiano de Majo e Christian Raimo. I due, dopo aver domandato ai presenti quale fosse la loro idea di non-fiction e ottenendo risposte confuse, hanno elencato una serie di libri-manifesto utili a capire, per dirla alla Carver (o, visti i recenti risultati degli Academy Awards, alla Birdman), di cosa parliamo quando parliamo di non-fiction. A sangue freddo di Truman Capote; Shields, per l’appunto; tutto W.G. Sebald (con particolare attenzione ai suoi due capolavori: Gli anelli di Saturno e Austerlitz) e il già citato Catozzella. Questi autori con i loro testi hanno dato un forte impulso all’interesse per la non-fiction letteraria degli ultimi decenni, spingendo i lettori a chiedersi se la fiction a volte possa risultare insufficiente a trasmettere la realtà, se perfino la finzione letteraria, con la millenaria tradizione che ha alle spalle, a volte non riesca a raggiungere un livello di credibilità ed emozione che solo una storia vera si dimostrerebbe in grado di trasmettere. Arrivati fin qui, poi, ci si immergerebbe in un ulteriore dubbio: che cos’è una storia vera? Dove si trova, nella creazione letteraria, il confine tra la rielaborazione narrativa e gli avvenimenti reali a essa sottoposti?

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

In Italia parlare di non-fiction oggi profuma ancora di novità, di avanguardia, i lettori di John D’Agata ed Emmanuel Carrère sono portati a compiacersi di se stessi (e chi può dargli torto?) nello sfogliare i libri di autori del genere sentendosi parte di una non-ben-definita élite di lettori di “nicchia”; al contrario negli Stati Uniti è presente una forte tradizione del genere propriamente detto: dal classico Morte nel pomeriggio di Hemingway alle opere di saggistica di David Foster Wallace, vero e proprio innovatore del genere con libri come Una cosa divertente che non farò mai più (minimum fax), Considera l’aragosta, Brevi interviste con uomini schifosi e Di carne e di nulla (tutti Einaudi Stile Libero).

Emmanuel Carrère

L’amore per il lyric essay oltreoceano cresce di anno in anno, le long reads (nonostante la rivoluzione digitale sposti sempre più l’equilibrio di siti e blog su articoli brevi e concisi) sono d’obbligo all’interno di riviste culturali storiche, oltre al fatto che nascono continuamente nuove figure culto della non-fiction contemporanea, le ultime due il quarantenne J.J. Sullivan (qui intervistato da Tim Small per «Rivista Studio»), celebrato – forse con un po’ troppa fretta – come il “nuovo David Foster Wallace” per i suoi saggi, pubblicati in Italia da Sellerio in una raccolta dal titolo Americani; oppure il trentaseienne poeta Ben Lerner, i cui due romanzi finora pubblicati, Un uomo di passaggio (Neri Pozza) e Nel mondo a venire (Sellerio), sono ibridi di autofiction e continui micro-saggi-riflessioni su arte, tempo e letteratura. Non è facile orientarsi all’interno del mondo della non-fiction, soprattutto perché esso non presenta limiti definiti e non è semplice da circoscrivere e descrivere.

Ben Lerner

Perciò concluderei, per chi volesse intraprendere un viaggio all’interno di questo universo, nello stesso modo in cui de Majo e Raimo hanno iniziato la loro lezione: chiedetevi cosa vi trasmette la parola non-fiction, che idea ne avete; chiedetevi se il confine tra finzione letteraria e realtà oggettiva è chiaro e definito; domandatevi cosa rappresentano per voi concetti come “trama”, “personaggi”, “storia vera”. Concedetevi un po’ di tempo per rifletterci su, e poi cercate di entrare subito a contatto con i testi: può risultare utile la lista dei 100 libri per una biblioteca della non-fiction narrativa stilata proprio da Cristiano de Majo per potersi orientare e capire che cos’è la non-fiction.


La prima parte di questo articolo è stata presa dalla mia tesi di laurea, dal titolo I figli del postmodernismo: “Fame di realtà” e “New Italian Epic”.

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.