Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste scrittori

CES 2014 – Bendable e Wearable: la rivincita delle parole sul vocabolario

ces 2014Bendable” e “Wearable” sono state le parole più usate al CES 2014 (Consumer Electronic Show), una delle più importanti fiere internazionali di elettronica destinata al segmento consumer, che si è tenuta a Las Vegas dal 7 al 10 gennaio scorso e che fa già sentire i suoi effetti, almeno a livello linguistico, sui principali blog o rubriche dedicate all’high-tech. Da qui si sposteranno in uno “swish” nel nostro parlato e dovremo essere pronti a utilizzarle prima che qualcuno, magari di lunedì mattina, davanti a un caffè mai troppo ristretto, ci dica che ci siamo svegliati poco bendable e che dovremmo rivedere il nostro wearable. Rischieremmo di voltarci lentamente e inesorabilmente verso il nostro interlocutore, esortandolo a fare un viaggio in luoghi oscuri, perdendo così un collega o un amico che invece voleva solo darci un consiglio spassionato.

E allora swish e pronti.

Bendable = flessibile, elastico. Al CES hanno presentato il primo televisore a curvatura dinamica, che a scriverla così sembrerebbe il motore della USS Enterprise di Star Trek e, invece, è uno schermo piatto che puoi far curvare a tuo piacimento per avvolgerti in una visione a 180 gradi. Mi trovo abbastanza d’accordo con Valerio Mariani che su «La Stampa» s’interroga sull’effettiva necessità di questo tecno-gadget. Io vado anche un po’ oltre e mi chiedo se ci piacerebbe essere completamente avvolti dalle immagini della nostra TV. Cavalli che desiderano ardentemente i loro paraocchi pur di vedere quello che potrebbe esserci o che vorrebbe esserci, ma mai quello che sta realmente accadendo. Perché il rischio di pensare che non ci sia altro è forte.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

E arriviamo al secondo vocabolo da memorizzare: wearable = indossabile, portabile. Ossia un tecno-gadget da indossare, che sia magari anche di stile. Sono già in corso i primi accordi con le case di moda per rendere un cinturino da polso che comanda tablet, smartphone, pulsazioni cardiache e il contenuto del frigorifero qualcosa per cui struggersi. Magari leopardato in stile Cavalli o minimal chic come Armani. E perché no, aggressivo e oltranzista alla Gaultier. L’importante è che sia cool e disponibile in diversi colori, altrimenti potremmo confonderlo con il wearable di nostra moglie e scoprire che con quello può comandare anche la sua stampante 3D. È con quella che ha prodotto un suo perfetto clone in materiale plastico con cui abbiamo dormito negli ultimi anni. E potremmo anche non esserci trovati così male con un compagno di gomma.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.