Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Alla scoperta delle fiabe finlandesi

Alla scoperta delle fiabe finlandesiContinua la serie di volumi dedicati alle fiabe nordiche editi da Iperborea. L’ultimo tomo arrivato sono le Fiabe finlandesi, precedute dalle Fiabe lapponi, danesi, islandesi, svedesi, faroesi, norvegesi e dalle Leggende groenlandesi, tutte curate da Bruno Berni. Ancora un volta la casa editrice Iperborea accompagna i lettori alla scoperta di una parte della cultura del mondo nordico attraverso racconti popolari trasmessi prima in via orale e solo successivamente messi per iscritto.

In questo volume sono presenti 19 fiabe, tradotte da Giorgia Ferrari e Sanna Maria Martini, prese dal Suomen kansan satuja ja tarinoita (1852-1866) di Eero Salmelainen scrittore, giornalista traduttore che ne fece una prima trascrizione a metà dell’Ottocento, dopo aver svolto un’indagine sul campo per recuperare i contenuti, dando così una forma scritta e stabile a fiabe che per secoli si erano trasmesse a voce e che erano state la principale forma di intrattenimento per la popolazione finnica. All’interno del libro le storie sono spesso accompagnate dalle illustrazioni di Sonia Diab che trascinano in modo ancora maggiore dentro al mondo finlandese dove realtà, fantasia e magia si mescolano alla perfezione. Utili anche il Glossario e il testo di chiusura Le storie del popolo delle foreste, scritto dalle due traduttrici.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

La raccolta è davvero interessante in quanto porta il lettore dentro il mondo finlandese, mostrando quella dimensione esistenziale all’interno della quale si intrecciano relazioni umane e rapporto tra uomo e natura, composta da foreste, laghi, isole e ghiaccio. Tra le pagine riecheggia la mitologia finnica, quella che affonda le radici nel Kalevala (Terra di Kaleva), un antico poema epico composto a metà del XIX secolo da Elias Lönnort, nel quale convergono poemi e canti popolari della Finlandia, nota anche come Kaleva, dal nome del mitico progenitore e patriarca della stirpe finnica.

Alla scoperta delle fiabe finlandesi

Nelle fiabe ci sono diverse storie e temi che tornano, uno dei quali è quello della ricerca di qualcosa o di qualcuno che è sparito. Un cammino, lo si scopre leggendo,compiuto da diversi personaggi. Questo percorso può essere visto anche come un viaggio compiuto dal protagonista non solo per raggiungere la meta stabilita, ma anche per comprendere meglio se stessi, le proprie qualità e come utilizzarle nel futuro. Per esempio troviamo la figura di Ilmarinen, protagonista di Il fabbro Ilmarinen va a chiedere in sposa la figlia del re di Hiitolam, il quale parte alla ricerca del re per chiedere in sposa sua figlia e poi dovrà superare una serie di peripezie per raggiungere il suo obiettivo. Ci sono anche i due fratelli protagonisti di Alla ricerca dei fratelli che volavano in sembianze di cigno, storia in cui due fratelli partono in missione per andare a trovare gli altri fratelli trasformati in cigni, oppure troviamo Lippo, un uomo andato a caccia, che ritrova la propria casa solo molti anni dopo e grazie all’aiuto del figlio, il quale darà il via allo sviluppo sua progenie.

La cosa interessante delle fiabe è il loro essere concepite per un pubblico che non è esclusivamente bambino, ma come accade spesso con le fiabe del passato – nordiche e non solo –, i lettori ai quali rivolgono sono gli adulti che ascoltavano (solo poi leggeranno) le avventure dei diversi personaggi e impareranno cosa è giusto fare e non, per non finire nei guai o per migliorare la propria vita raggiungendo un po’di benessere.

Gli aspetti in comune con le altre fiabe sono dati dal ritorno costante di figure archetipiche consolidate da tempo (il giovanotto povero che vuole sposare la figlia del re, la matrigna, l’aiutante del protagonista o l’antagonista che mette i bastoni tra le ruote all’eroe), con sembianze differenti da come vengono rappresentate nelle narrazioni delle altre culture, però ogni personaggio è sempre ben radicato nel proprio ruolo ben individuabile durante la lettura. Mi sto riferendo alla figura della matrigna cattiva che allontana la figliastra per non averla come impedimento ai propri progetti di vita e la spedisce a Hiisi, un luogo dove vivono gli spiriti maligni finnici. Ci sono poi elementi tipici del folklore finlandese come i vetehiset, divinità del lago con le quali alcuni dei personaggi devono confrontarsi per poter poi continuare il proprio percorso e avventura. Tra gli altri elementi che ritornano troviamo la figura di Ceneraccio, presente pure nella tradizione narrativa norvegese, sempre alle prese con impreviste avventure da vivere o quelle strane figure che custodiscono misteri e segreti associabili alla figura del classico sciamano.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Interessante è la presenza costante e continua della natura con le sue cime, la neve, gli alti alberi, le immense foreste e il mare dove i gabbiani volano liberi prendendo con loro il lettore per farlo volare sulle ali della fantasia. Ecco la natura non è un semplice sfondo scenografico per le creature di queste storie, ma è una protagonista fondamentale, tanto è vero che a un certo punto durante la lettura ci si imbatte in una fiaba dove i protagonisti sono uno scoiattolo, un ago e un guanto che non sapendo cosa fare un bel giorno decidono di andare a caccia assieme nella foresta. Un esempio di come animali, elementi del mondo naturale e oggetti possono compiere azioni come quelle che vengo messe in atto dagli esseri umani.

Mito, poesia, storie, magia, tradizione sono alcune delle componenti de Le fiabe finlandesi che portano chi legge alla scoperta di un mondo lontano, misterioso e con quel fascino che lascia impronte indelebili nel cuore e nella mentre di chi si appresta a scoprire la cultura finnica attraverso il folklore del passato.


Per la prima foto, copyright: Jonatan Pie su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.