Conoscere l'editing

Corso online di editing

Corso SEC

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

“All’orizzonte”, le ferite di Pearl Harbor e Hiroshima raccontate da Lois Lowry

“All’orizzonte”, le ferite di Pearl Harbor e Hiroshima raccontate da Lois LowryNon è facile parlare dell’ultimo libro della pluripremiata scrittrice Lois Lowry, conosciuta dal pubblico italiano per The Giver, da cui è tratto l’omonimo film con Meryl Streep e Jeff Bridge nominato ai People Choice Award, e per The Willoughbys che ha ispirato l’omonima serie tv prodotta da Netflix.

Con All’orizzonte (21lettere Edizioni, traduzione di Dylan Rocknroll), infatti, Lowry si mette alla prova con un interessante esperimento in versi in cui racconta due degli episodi più tristi e famosi della Seconda guerra mondale: l’attacco su Pearl Harbor e la bomba atomica su Hiroshima. Una raccolta di storie pensate per i ragazzi ma capaci di trasmettere un messaggio universale anche per gli adulti raccontando, e nello stesso tempo unendo, due popoli attraverso le loro più grandi ferite.

Tra i tanti orrori che si possono rintracciare nella storia, anche recente, dell’umanità, la scelta è ricaduta proprio su questi due eventi perché Lois Lowry aveva quattro anni e abitava a Honolulu quando gli arei giapponesi sganciarono le bombe su Pearl Harbor e pochi anni dopo lo scoppio di Hiroshima dovette trasferirsi a Tokyo con la famiglia, al seguito di quel padre medico militare che prima era operativo alle Hawaii.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

“All’orizzonte”, le ferite di Pearl Harbor e Hiroshima raccontate da Lois Lowry

Lo scoprì per caso, riguardando dei vecchi filmini di famiglia cinquant’anni dopo, che la sua storia personale aveva sfiorato così da vicino la Storia con la S maiuscola: mentre lei, bambina di tre anni, giocava sulla spiaggia di Waikiki era possibile scorgere all’orizzonte la nave Arizona, colpita e affondata pochi mesi dopo nell’attacco.

«Mi interrogo, ora che quel tempo non può tornare,

su quel giorno: il cielo, il mare...

il giorno in cui tra la schiuma scherzavo,

quando era a Honolulu che rincasavo.

 

Ripenso a quel giorno col sole d’oro

quando ero giovane, e anche loro.

Se avessi visto? Se avessi saputo poi?

Sarebbe meno solo qualcuno di noi?»

 

Nasce proprio da queste domande il bisogno dell’autrice di scrivere un libro che è quasi un memoriale alle vittime di quella strage, giovani figli, padri, mariti e fratelli che hanno lasciato mogli, madri e figlie ma anche una mano tesa ai pochi sopravvissuti che sono dovuti andare avanti con il peso e il sollievo di essere ancora vivi mentre amici e fratelli non ce l’hanno fatta. Ce li presenta per nome e cognome: Silas, James Myers, Capitan Kid, Neal Radford, Alexander Nadel, Bill McCary, Curtis Hass e tutti gli altri ragazzi pieni di sogni e di speranze.

“All’orizzonte”, le ferite di Pearl Harbor e Hiroshima raccontate da Lois Lowry

Ormai adulta, Lois Lowry si scontra di nuovo con la Storia; questa volta succede quando conosce il brillante e talentuoso illustratore Allen Say, Koichi Seii, e scopre che da bambini avevano vissuto vicini a Tokyo, e soprattutto, lui si ricordava benissimo di una ragazzina su una bici verde che si era fermata una volta a guardare lui e i suoi compagni nel cortile della scuola a Shibuya: la nostra autrice.

E proprio la patria che l’ha accolta con sospetto da bambina è lo sfondo della seconda parte di All’orizzonte:

«In una piccola città di nome Tabuse

il sei agosto, d’estate un mattino,

Koichi Seii, un bambino,

un urto sulla terra sentì

e vide il cielo cambiare.»

 

Questa volta però le vittime sono troppe per essere ricordate tutte e l’autrice si sofferma sui bambini che si sono spenti mentre erano intenti a fare i loro giochi infantili, il triciclo, l’altalena, l’attesa della scuola. Tutte quelle azioni più semplici e quotidiane si trasformano in un ultimo straziante saluto. E i sopravvissuti, spesso, lo sono stati per poco, colpiti dalla pioggia nera che dopo lo scoppio della bomba atomica si è posata su tutto. Come Sadako, che aveva due anni quando «la pioggia nera cadde su di lei / portando radiazioni» e dodici quando è morta in ospedale.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Ma c’è spazio anche per la speranza, e infatti la terza e ultima parte del libro è dedicata al commiato dall’odio e agli incontri tra due civiltà apparentemente molto distanti che si scoprono invece terribilmente simili nel dolore:

«Credo che la cosa importante sia anche la più semplice: riconoscere la nostra interconnessione sulla terra; inchinare le nostre teste quando vediamo un triciclo carbonizzato o il messaggio di un bambino al suo nonno perduto; e onorare il passato promettendo in silenzio ai nostri compagni umani che ci adopereremo per un migliore e più pacifico futuro.»


Per la prima foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.