Interviste scrittori

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Akram Aylisli ha abbandonato l’Azerbaijan dopo le continue minacce

Akram Aylisli ha abbandonato l’Azerbaijan dopo le continue minaccePoche settimane fa vi avevamo raccontato la terribile vicenda dello scrittore azero Akram Aylisli, condannato dagli estremisti a una vita di paura; era stata perfino messa una taglia di quasi 10.000 euro per mozzargli un orecchio.

 

Alcuni giorni addietro ha concesso un’intervista a un quotidiano turco, dichiarando: «I miei lavori non sono pubblicati, le mie opere non sono messe in scena. La mia vita futura qui è impossibile. Ho preso la decisione di lasciare la patria e di andare nella fraterna Turchia».

 

Gli intellettuali armeni e turchi, l’OSCE e altre organizzazioni hanno condannato le molestie cui Aylisli e la sua famiglia sono stati sottoposti. Il coro di proteste internazionali è stato unanime, a difesa della libertà di parola dello scrittore azero e, più in generale, per il rispetto delle espressioni d’arte. Ma Aylisli non è rimasto a guardare, accusando gli intellettuali azeri di omertosa complicità, indifferenti al pubblico dibattito che il romanzo implicato ha scatenato in molti Paesi: «Hanno sempre sostenuto la mia posizione. Tuttavia non possono esprimere liberamente le loro opinioni perché hanno uno stipendio dello Stato. La parte pensante libera della società è apertamente schierata a mio favore. Perfino un gruppo di scrittori della Turchia mi sostiene. Ma nessun politico in Azerbaijan mi ha chiamato».

 

Lo scrittore ha ribadito che il romanzo è un messaggio, in particolare per gli Armeni che vivono a Nagorno Karabakh (repubblica che si è autoproclamata indipendente nel gennaio del 1992), un messaggio chiaro: gli Azeri capiscono gli errori fatti e vedono che cosa non volevano fare, ma cosa dovevano fare.   

 

Nel frattempo, Aylisli, già arrivato in Turchia, è stato costretto a ricredersi rispetto a quanto aveva dichiarato all’inizio di febbraio, quando, senza se e senza ma, si diceva sorpreso di come qualcuno sostenesse che avrebbe lasciato il suo Paese. Le minacce sono state troppe e l’Azerbaijan si dimostra un paese intollerante verso i propri fantasmi che la storia, indipendentemente dalle posizioni politiche, ha mostrato nei fatti e non nelle opinioni.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.