Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Interviste scrittori

“Africa”, omaggio petrarchesco al classicismo

“Africa”, omaggio petrarchesco al classicismoIl poema Africa fa parte delle opere latine di Petrarca, e, anche se oggi è considerato opera di secondo piano, proprio a essa il poeta aveva affidato la sua gloria letteraria e la sua fama ai posteri. Fu grazie all’Africa che, con l’ausilio della famiglia Colonna, Petrarca venne incoronato poeta in Campidoglio nel 1341, dedicando lo scritto al re Roberto d’Angiò, rimasto entusiasta dopo la lettura di alcuni passi.

In un’epistola, Petrarca racconta che l’idea gli venne durante una passeggiata in Val Chiusa un Venerdì Santo; il progetto iniziale prevedeva ben dodici libri, ma il testo rimase incompiuto e si diffuse dopo la morte del poeta.

La notizia della stesura del poema destò curiosità ed entusiasmi tra gli intellettuali e i circoli letterari dell’epoca, poiché il giovane Petrarca aveva tutta l’intenzione di far rivivere la classicità, l’epica del mondo antico. L’opera è, infatti, redatta in esametri latini e conta nove libri, sebbene alcuni presentino parti mai terminate: in particolare, sono incompleti i libri IV, V e IX. Il poema narra e glorifica le imprese di Scipione Africano (236-183 a.C.) e la grandezza romana repubblicana durante la fine della seconda guerra punica.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

I primi due libri sono dedicati al sogno di Scipione, a cui appare il padre deceduto durante le battaglie con i Cartaginesi; egli inizia a narrare la storia passata dell’Urbe, e ne profetizza la futura grandezza fino ad Augusto; nello stesso momento, Lelio è invitato in Africa, e sconfigge Siface, traditore dei Romani. Dopo il racconto del terzo libro che si svolge nella reggia di Siface, e il quarto ampiamente lacunoso, Petrarca pone l’attenzione su due episodi: la tragica storia d’amore tra Massinissa e Sofonisba, e la morte di Magone, il fratello di Annibale. La triste vicenda amorosa occupa interamente il libro V: Sofonisba, moglie di Siface, è innamorata di Massinissa, re alleato di Roma. Scipione li costringe a separarsi, e, per evitare che la donna diventi prigioniera dei Romani, Massinissa stesso procura il veleno con cui Sofonisba si suicida in un tragico finale.

Nel libro successivo, il VI, si svolge l’altrettanto drammatico episodio di Magone. Scipione macina vittorie, e Annibale decide di tornare a Cartagine; il giovane fratello Magone è pronto a unirsi a lui, ma viene gravemente ferito durante una battaglia in Italia, e morirà sulla nave che lo sta riportando in Africa.

Nei libri VII e VIII, Annibale è ormai sbarcato sulle coste africane, ed è pronto a difendere Cartagine dall’assalto romano; Scipione è però vittorioso a Zama, e i Punici chiedono la pace inviando un’ambasceria a Roma. Nell’ultimo libro, Scipione, dopo aver elogiato il coraggio di Annibale, torna in Italia; durante il viaggio parla con il poeta Ennio, al quale Omero appare in sogno ed elenca tutti i futuri grandi poeti latini, compreso lo stesso Petrarca. Scipione giunge a Roma tra onori e trionfi, e il testo si conclude con la dedica a Roberto d’Angiò.

“Africa”, omaggio petrarchesco al classicismo

La fonte storica di Petrarca è l’opera di Tito Livio, i libri dell’Ab Urbe condita, in particolare la terza deca, mentre i caratteri prettamente epici sono eco dell’Eneide virgiliana. Il poeta attinge da Virgilio per definire i personaggi, sviluppare gli schemi della narrazione, ed è impossibile non vedere il substrato virgiliano nella dolorosa vicenda di Sofonisba: il quinto libro dell’Africa è sovrapponibile al quarto dell’Eneide, al tragico amore di Enea e Didone che si concluderà col suicidio della regina cartaginese.

Benché il protagonista sia Scipione trionfatore, l’opera mira a celebrare la grandezza di Roma, la glorificazione è tutta per la repubblica romana, ma, va sottolineato, non in toni esclusivamente epici: Petrarca pone mano ai temi classici dell’epica integrandoli con la sua sensibilità e le sue concezioni. La gloria diviene allora anche mera vanità, e si ricorda come le cose umane siano transeunti, inevitabilmente prigioniere della caducità. Il testo ha i suoi momenti più emozionanti proprio negli attimi drammatici, durante l’amore o la morte, nei quali la poesia giunge al più elevato lirismo, mentre la parte prettamente storica è una pedissequa messa in versi della cronaca di Tito Livio, seppur versi raffinati; neppure il diverso temperamento di Romani e Cartaginesi è troppo approfondito, semplicemente è contrapposto: i Romani descritti come eroici e virtuosi, i Cartaginesi come barbari.

Ma l’Africa resta un’opera importante che mostra due elementi fondamentali della concezione petrarchesca: in primis, l’uso del latino, che per il poeta avrà sempre valore universale e incomparabile dignità, concepita come lingua stessa della letteratura, vera continuità col mondo classico; in secondo luogo, l’integrazione di classicismo e cristianesimo, i due pilastri della cultura medievale. Petrarca guarda ai grandi classici come prodromi della moralità e dell’etica cristiane, sebbene avessero operato in diverso contesto. E così, anche nell’Africa i Romani trionfano per volontà divina, i valori classici sono arricchiti da quelli cristiani, e si intravede il filone culturale che sboccerà con l’Umanesimo; il poema avrà, infatti, grande fortuna nei secoli xv e xvi, e anche Tasso ne prenderà numerosi spunti per la sua Gerusalemme liberata.

A questo proposito, è interessante notare il discorso fatto pronunciare a Magone prima di morire, una volontaria aggiunta di Petrarca che certamente non compare nella fonte storica latina di Livio. Proprio questo passo è l’unico a circolare quando Petrarca è ancora vivo, tanto da valergli critiche e accuse di anacronismo, poiché le parole di Magone sono palesemente segnate dal cristianesimo; Petrarca fa notare che non vi è alcuna riflessione riferita alla dottrina cattolica, semplicemente vi è la riflessione dettata dalla ragione di un uomo conscio di essere vicino alla morte. Nelle parole di Magone, in qualsiasi senso si vogliano vedere, emerge però il lirismo del poeta con tutta la sua forza:

 

“Quam letis mens ceca bonis! furor ecce potentum

precipiti gaudere loco. Status iste procellis

subiacet innumeris et finis ad alta levatis

est ruere. Heu tremulum magnorum culmen honorum,

spesque hominum fallax et inanis gloria fictis

illita blanditiis! heu vita incerta labori

dedita perpetuo, semperque heu certa nec unquam

sat mortis provisa dies! heu sortis inique

natus homo in terris!”

 

Come s’acceca la mente nei lieti successi! Una pazzia dei potenti è questa,

godere in un’altezza vertiginosa. Ma quello stato è soggetto a procelle

innumerevoli, e chi s’è elevato in alto

è destinato a cadere. Ahi, sommità vacillante dei grandi onori,

speranza fallace degli uomini, gloria vana

rivestita di falsi allettamenti. Ahimè, come incerta è la vita,

dedita a una fatica perpetua, come certo è il giorno di morte,

né mai previsto abbastanza. Con che iniqua sorte

è nato l’uomo sulla terra!

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Il tema è lirico, Petrarca proietta i suoi valori in Magone, che diviene così non solo personaggio ma portavoce della visione petrarchesca, latore della cultura del poeta.

In seguito, Petrarca passerà a un tipo di letteratura diverso, e ciò, probabilmente, ha contribuito a lasciare l’opera incompiuta; il poeta si orienterà verso l’indagine introspettiva, ritenendo quasi una vana ricerca di gloria completare il suo poema. Il dibattito interiore tra il desiderio di finire lo scritto e quello di abbandonarlo è eccezionalmente reso nel finale del Secretum; Agostino si rivolge a Francesco dicendo: “Dimitte Africam, eamque possessoribus suis linque; nec Scipionis tuo nec tibi gloriam cumulabis” / “Abbandona l’Africa e lasciala ai suoi possessori: non aggiungerai gloria né al tuo Scipione né a te”. A questa esortazione Petrarca non saprà dare una soluzione finale.


Riferimenti bibliografici

Francesco Petrarca, in Storia e antologia della letteratura. Dalle origini al Trecento, Tomo 1, Bergamo, ATLAS, pp. 365-468.

Petrarca F., Secretum. Il mio segreto, a cura di E. Fenzi, Milano, Mursia, 1992.

Rime, Trionfi e poesie latine, a cura di F. Neri, G. Martellotti, E. Bianchi, N. Sapegno, Ricciardi, Milano-Napoli, 1951.

Nessun voto finora

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.