Interviste scrittori

Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Addio a Ettore Scola, un regista particolare

Addio a Ettore Scola, un regista particolareSiamo all’addio anche per Ettore Scola, morto quest’oggi all'età di 84 anni.

Qualcuno, dopo la morte di Francesco Rosi, si chiedeva cosa rimanesse della grande stagione del cinema italiano del secondo dopoguerra. Un eccesso di pessimismo, una domanda retorica o una questione fondata? Mentre è lecito domandarselo, non credo stia a noi dare risposte. Tuttavia, una pur rapida retrospettiva nella memoria della cinematografia di Scola non può lasciarci che con la sensazione di avere, oggi, perso molto più che un uomo e un artista: un maestro, piuttosto. Perché siamo convinti che lo sia stato e perché speriamo che, come per ogni grande maestro, ci siano in giro allievi pronti a prenderne il testimonio e proseguire il suo peculiare percorso artistico.

Dovendo ora tirare le somme (ma non un bilancio) della carriera del celebre regista, non possiamo esimerci dal mettere in cima alla colonna delle addizioni i crediti come sceneggiatore di alcuni tra i film più formidabili della storia della commedia all’italiana: Il conte Max (1957, Giorgio Bianchi) Il mattatore (1960, Dino Risi), Il sorpasso (1962, sempre di Dino Risi), prima di esordire ufficialmente dietro la macchina da presa. Era il 1964 e il film quel Se permettete parliamo di donne considerato dalla critica poco più che una spensierata digressione rispetto all’intonazione maggiore del genere.

Addio a Ettore Scola, un regista particolare

Anche La congiuntura (1965), nonostante un Gassman in ottima forma, alterna momenti autenticamente godibili ad altri più modesti; più smaglianti le prove de Il commissario Pepe (1969) e Dramma della gelosia: tutti i particolari in cronaca (1970). Trevico-Torino, viaggio nel Fiat-Nam (1973) è, al netto delle inferenze politiche (il film fu finanziato dall’allora Partito Comunista Italiano), un documento potente e accorato sul nodo mai risolto della cosiddetta questione meridionale.

Addio a Ettore Scola, un regista particolare

Ma il nome di Ettore Scola resterà sempre legato, nella mente di cinefili e non, a due film dal sapore amaro ma dal carattere intenso: si tratta di C’eravamo tanto amati e Una giornata particolare. Nel primo (1974), la ripresa di uno dei temi più cari al neorealismo declina trent’anni di storia italiana attraverso lo sguardo, ferito e incarognito, di tre amici ex partigiani. Film sferzante e corrosivo, caustico fino a bruciare ogni residua speranza di riscatto morale, C’eravamo tanto amati è il ritratto fedele di un fallimento storico e generazionale.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Una giornata particolare (1977) riproduce, invece, la reciprocità tra cinema e Storia, la sottile contraddizione della settima arte tra l’essere continuamente riferita a se stessa e ad altro, alla rappresentazione così come al momento storico che racconta. La giornata particolare è il 7 maggio 1938, quella della visita del Führer a Roma, una giornata che devia, seppure per meno di ventiquattro ore, il corso regolare della vita di due vicini di casa (magistrale la prova di Sophia Loren e Marcello Mastroianni), una casalinga e un omosessuale attratti più dal mutuo disinganno che da sentimenti più concreti e profondi.

Addio a Ettore Scola, un regista particolare

Due film diegeticamente all’opposto: C’eravamo tanto amati traccia un lungo percorso storico e personale sostenuto da fecondi flash back in bianco e nero capaci di partorire una tensione narrativa tutt’altro che schematizzata. Una giornata particolare, invece, riprende la misura aristotelica della tragedia segnata da una perfetta unità di tempo, di luogo e di azione.

Le opere successive incassano giudizi discontinui, dall’azzardato La terrazza (1979/1980), bilancio della crisi della sinistra intellettuale, all’apprezzato La famiglia (1987), dal pessimistico Romanzo di un giovane povero (1995/1996) al riverente Gente di Roma (2003) fino al memorialistico Che strano chiamarsi Federico (2013), omaggio personale del regista a Federico Fellini in occasione del ventennale della scomparsa del collega e amico col quale, oltre al mestiere del cinema, Scola ha condiviso l’iniziale militanza nella redazione del giornale satirico «Marc’Aurelio».

Addio a Ettore Scola, un regista particolare

E allora è il sorriso, forse, il modo migliore per ricordare questo grande maestro oggi scomparso, per ricordare che «la vita è fatta di tanti momenti diversi, e ogni tanto arriva anche il momento di ridere, così all'improvviso, come uno starnuto». E questo è, invece, il momento di dire addio a un regista particolare come Ettore Scola.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (8 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.