Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

5 uomini e donne che stanno cambiando il mondo

5 uomini e donne che stanno cambiando il mondoQuali sono gli uomini e le donne che stanno cambiando il mondo? Sono tre anni che «Fortune», rivista americana attiva dal 1930, stila una lista dei 50 uomini e donne che, in campi diversi che vanno dalla politica al mondo degli affari, dalla filantropia alle arti, si stanno impegnando per cambiare il mondo e fornire nuove fonti di ispirazione per gli altri.

La lista del 2016 si presenta come abbastanza ricca, proponendo personaggi attivi in ambiti molto diversificati per azioni e ragioni della scelta. Diciannove su cinquanta sono donne, da Christiana Figueres, capo della Convenzione quadro delle Nazioni Unite per il cambiamento climatico, a Sheikh Hasina, primo ministro del Bangladesh, fino a Carla Hayden, neo direttrice della Library of Congress, e Amina Mohammed, ministra nigeriana dell’ambiente.

Tra gli uomini figurano Justin Trudeau, il quarantaquattrenne primo ministro canadese, Maurizio Macri, presidente dell’Argentina, Bono degli U2 e l’artista e attivista John Legend.

E l’Italia? È in quarantesima posizione con Domenico Lucano, sindaco di Riace. Questa la motivazione della scelta:

5 uomini e donne che stanno cambiando il mondo

Per decenni l’emigrazione ha portato via gente da Riace, una cittadina di 2000 abitanti sulle coste calabresi. Quando una nave carica di rifugiati curdi ha raggiunto le sue coste nel 1998, Lucano, all’epoca insegnante, ha visto un’opportunità. Ha offerto loro alcuni appartamenti abbandonati a Riace e una formazione professionale. Diciotto anni dopo, il sindaco Lucano è salutato come colui che ha salvato la sua cittadina, la cui popolazione ora include migranti da 20 nazione, ed è riuscito a ringiovanire l’economia di Riace che, negli anni, ha ospitato più di 6000 richiedenti asilo. Il modello di Lucano è studiato e adottato come esempio di gestione della crisi dei rifugiati in Europa.

 

Vediamo, però, quali sono, secondo «Fortune», i primi cinque uomini e donne che nel 2016 hanno saputo attivare un percorso di cambiamento e in quale campo:

 

5. Tim Cook – Amministratore delegato di Apple

5 uomini e donne che stanno cambiando il mondo

Tim Cook e altri luminari della Silicon Valley stanno giocando al tiro alla fune con Washington a proposito della privacy nel mondo digitale ormai da anni – almeno da quando Edward Snowden ha lasciato trapelare documenti riservati nel 2013. Ma quest’anno, quando un tribunale ha ordinato ad Apple di creare una backdoor per un iPhone utilizzato da un uomo sospettato di essere coinvolto negli attentati terroristici di San Bernardino, Tim Cook si è categoricamente rifiutato. In una lettera ai clienti di Apple, Tim Cook ha definito “agghiacciante” la richiesta dell’FBI, mettendo in gioco la popolarità di Apple per la difesa di un principio. Un’indagine del Pew Research Center, infatti, ha rivelato che la maggioranza degli intervistati riteneva che Apple dovesse rispondere positivamente alle richieste dell’FBI. Le cose, però, sono andate diversamente.

LEGGI ANCHE – Condanna per Apple: inquinava il mercato degli ebook

 

4. Papa Francesco

5 uomini e donne che stanno cambiando il mondo

Papa Francesco è uno dei tre leader (gli altri sono Jeff Bezos e Tim Cook) a essere presente nella lista del «Fortune» fin dalla sua esistenza. Questo è stato l’anno del papa Francesco diplomatico. Il primo papa latino-americano ha giocato un ruolo chiave nella ripresa delle trattative tra Stati Uniti e Canada, scrivendo lettere a entrambi i presidenti (Barack Obama e Raul Castro) e incoraggiando le due nazioni a trovare una base comune. Per la prima volta, papa Francesco ha portato il suo messaggio di giustizia sociale direttamente negli Stati Uniti, la nazione più potente al mondo. E la sua enciclica, Laudato si’, ha dato un grande impulso allo sforzo che ha portato all’accordo di Parigi sul cambiamento climatico.

LEGGI ANCHE – Papa Francesco, la sua vita in una graphic novel

 

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

 

3. Aung San Suu Kyi – Leader del Partito Nazionale per la Democrazia

5 uomini e donne che stanno cambiando il mondo

La Birmania sta per completare la transizione verso la democrazia dopo più di cinquant’anni di dittatura militare. Aung San Suu Kyi non vorrebbe essere la nuova leader del Paese, almeno non ufficialmente. Ma il suo è stato il flusso costante di resistenza che ha fatto crollare il castello del dispotismo birmano dopo quasi trent’anni di opposizione. Adesso, per la Birmania, si tratta di affrontare un’economia in difficoltà e un violento conflitto tra i diversi gruppi etnici. Suu Kyu, però, ha già dimostrato che la sua autenticità come leader e la sua volontà di portare avanti il giusto messaggio a ogni costo possono essere una forza per il bene.

LEGGI ANCHE – #coraggiocivico - Aung San Suu Kyi e la bellezza

 

2. Angela Merkel – Cancelliera tedesca

5 uomini e donne che stanno cambiando il mondo

Ha dominato la politica europea per un decennio. È il solo leader continentale il cui mandato precede la crisi finanziaria del 2008, vincitrice di tre elezioni nazionali, ha saputo far fuori anche molti rivali all’interno del suo stesso partito. Quest’anno, però, dopo un decennio di eccessivo e prudente pragmatismo, è diventata una vera e propria politica. Ha messo la compassione dinanzi alla realpolitik accogliendo più di un milione di migranti e rifugiati in Germania. Un’azione, questa, che ha posto un sigillo sulla sua eredità come grande leader, ma che potrebbe essere anche la fine del suo potere. Merkel, infatti, sta affrontando una violenta ondata anti-stranieri nel suo Paese e una crisi di Schengen in seno all’Unione Europea, al punto che a marzo sono stati offerti miliardi di euro alla Turchia per fermare il flusso di migranti. Il suo esempio è sicuramente fonte di ispirazione, ma la sua stella è in calo: quanto lontano e quanto velocemente cadrà?

LEGGI ANCHE – L’astuta accoglienza della Merkel

 

1. Jeff Bezos, 52 – Amministratore delegato di Amazon

5 uomini e donne che stanno cambiando il mondo

Come Amazon sta sperimentando nuove direzioni, allo stesso modo il suo fondatore sta evolvendo. Nell’ultimo numero di «Fortune», ad esempio, ha parlato della sua decisione di diventare quello che gli esperti chiamano “leader dei leader” e indossare il mantello della leadership civile al «Washington Post».

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.