Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Tutti i contenuti di Morgan Palmas

  • Tipo: Blog
    Gio, 05/08/2021 - 10:28

    Il costo editing per un romanzoHo eseguito un editing al romanzo di uno scrittore pochi mesi fa e rappresenta un buon esempio per capire bene il costo e il tempo. In generale, c’è tanta confusione quando si parla di editing, nel senso che noto spesso come gli scrittori alle prime armi (e non solo…) siano del tutto ignari del dietro le quinte. Provo a fare un po’ di chiarezza.

    Il romanzo era di 274 000 battute, perciò circa 152 cartelle (1800 battute spazi inclusi).

    Ho iniziato la prima lettura con il timer vicino. In questa fase ho letto prendendo alcuni appunti con una penna su un foglio, non sono intervenuto sul testo e non ho aggiunto commenti perché avevo la necessità di capire le informazioni fondamentali della storia e le criticità principali.

    Esempi di appunti: Paola è una parrucchiera frustrata che ha...

  • Tipo: Blog
    Gio, 24/06/2021 - 13:12

    Editing ‒ Chiusura primo cicloAvevo iniziato nel settembre del 2020 questa rubrica di editing, un appuntamento settimanale. Quasi quaranta puntate nelle quali ho cercato di parlare di alcuni dei temi più importanti. Come ho specificato una volta, gli articoli sono stati pensati per editor alle prime armi. Potete trovare tutte le puntate qui.

    Dal punto di vista all’ambientazione, dalla musicalità delle parole al cliffhanger, dal senso degli opposti nella narrazione all’utilizzo dei sensi per aumentare la curiosità, tanti sono stati gli argomenti che ho presentato e che spero siano stati utili ai neofiti. Va da sé che la rubrica aveva un obiettivo di semplificazione divulgativa dei concetti: per entrare nello specifico bisognerebbe avere un testo davanti e punto per punto individuare nero su bianco i concetti. Per imparare a nuotare è certamente interessante leggere un libro che parli dello stile libero, del dorso, della rana, della farfalla, della trazione, del respiro, della spinta, eccetera...

  • Tipo: Blog
    Gio, 17/06/2021 - 13:45

    Editing ‒ Le incoerenzeEsiste un aspetto che potrebbe indebolire la voce di un autore, della quale parlavamo la scorsa volta, e sono le incoerenze in una trama. Proverò a semplificare per esprimere un concetto: immaginate una lunga serie di prima e dopo che si rincorrono per tutta la storia, tantissimi prima e dopo con un rapporto che spesso è di causa ed effetto. Dentro tale schema la coerenza governa gli eventi. Se ci fossero incoerenze l’intreccio avrebbe dei buchi, per capirci, delle parti che sembrano sconnesse dal resto.

    La concatenazione dei fatti si configura smagliata in non pochi testi di autori alle prime armi, a volte troppo concentrati nel cercare colpi di scena, a volte troppo immersi nella formulazione di lunghi dialoghi, a volte troppo dipendenti da certe caratteristiche dei personaggi. La coerenza fra gli eventi è anche una questione di spazio fisico sulle pagine. Attenzione, non appoggiamoci troppo a proporzionalità matematiche, ma è sempre importante comprendere che gli snodi narrativi principali dell’opera meritino più spazio e invece quante opere si perdono in...

  • Tipo: Blog
    Gio, 10/06/2021 - 12:53

    Editing ‒ La voceParlavamo del rapporto fra Van Wyck Brooks e Max Perkins: uno degli aspetti che preoccupava l’editor era la voce dell’autore. Vediamo perciò oggi di capire meglio questo concetto che spesso gli editor nominano per definire la qualità o la debolezza di un testo.

    Che cosa è la voce di uno scrittore?

    Negli anni mi sono convinto che la voce sia l’illusione del rapporto diretto fra le pagine di un testo e chi legge e che tale rapporto si intensifica quanto più l’autore utilizzi con efficacia le tantissime tecniche della scrittura creativa. Provo a utilizzare un’immagine per farvi capire meglio. Quando qualcuno suona una chitarra non lo fa strimpellando a caso, ci sono tecniche precise. Servono moltissime ore per suonare al meglio lo strumento e per farlo è necessario conoscere tutta una serie di strategie consolidate nel tempo. Si studia, si prova, si ritenta, si studia ancora. Quando un chitarrista riesce a coinvolgere le emozioni del pubblico? Quando lo strumento è suonato con una naturalezza tale da far dimenticare le tecniche utilizzate. Lo ripeto...

  • Tipo: Blog
    Gio, 03/06/2021 - 13:34

    Editing ‒ Un aneddoto fra due gigantiEditare, si diceva, è soprattutto un rapporto umano. Van Wyck Brooks fu un importante critico letterario statunitense che nacque nel 1886 nel New Jersey. Ricevette un Premio Pulitzer e il «Time» gli dedicò una copertina nel 1944, due elementi per far comprendere in breve quanto fosse noto a quel tempo. Ma non ebbe solo giorni felici. Nel 1926, a quasi quarant’anni, cadde in una depressione che lo colpì profondamente. Brooks, in capo a poco tempo, fu debolissimo a livello di salute e aveva altri problemi da risolvere. Inoltre, si riteneva un fallito dal punto di vista della scrittura.

    Max Perkins, che già vi ho menzionato in passato, era un caro amico di Brooks dai tempi dell’infanzia, si erano poi rivisti anche all’Università di Harvard, frequentavano il club letterario Stylus e vivevano nella stessa casa. Anni dopo, durante la depressione di Brooks, l’editor Perkins, che stava vivendo una fase importante della sua carriera, si dedicava quasi ogni domenica all’amico, passeggiando insieme....

  • Tipo: Blog
    Gio, 27/05/2021 - 17:31

    Editing ‒ Scovare le parti catarticheParlavamo degli opposti la scorsa volta, oggi vorrei dedicare qualche pensiero a un’esperienza che, come editor, ho vissuto numerose volte. Soprattutto gli scrittori alle prime armi hanno la necessità di scrivere una storia che in qualche modo sia almeno in parte catartica rispetto a paure, preoccupazioni o ferite passate. Quando avviene c’è un problema perché certe scene o certe caratteristiche di un personaggio esulano da ragioni narrative ed entrano nel campo psicologico dell’autore.

    Che cosa può fare l’editor per aiutare a risolvere la situazione? Può per esempio chiedere il motivo per il quale quella determinata scena esiste nel testo. All’inizio l’autore, nella maggior parte dei casi, tenderà a motivare una scelta dal punto di vista strutturale, ma ci vorrà poco tempo per finire a parlare di qualche evento della sua vita reale. Vi metterete in ascolto, in altre parole vi servirà una connessione emotiva di ascolto per arrivare poi a comunicare che dal punto di vista narrativo c’è un cambiamento necessario. Si arriverà a un compromesso...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.