Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Corso online di editing

Conoscere l'editing

Corso SEC

Tutti i contenuti di Irina Turcanu

  • Tipo: Blog
    Ven, 03/09/2021 - 13:27

    Un ultimo scorcio d’estate nella storia di Enrico FranceschiniA tratti, è un autentico tuffo nel passato, negli anni Sessanta, nostalgico, al profumo di Romagna, quindi di salsedine, di piada lungo il mare, di pedalò. A tratti, è il presente. Specie quando si tratta dell’omicidio di un certo fotografo, una figura losca, trovato morto su una scena del crimine macabra. Sull’omicidio indaga, naturalmente, la polizia, ma ci finisce in mezzo anche il Mura, ex giornalista, ora in pensione anticipata e detective privato a tempo perso. Inizia così la storia di Ferragosto, uscito per Rizzoli, a firma di Enrico Franceschini.

    Fa caldo tra le pagine e il Mura ha poco tempo per dedicarsi a bagni rinfrescanti, preso com’è dalle indagini. Perché il Mura, da buon romagnolo, non sa dire di no a una bella donna. Anzi, appena ne incrocia una, il suo primo pensiero è quello di finire in mezzo alle sue cosce. Perché è fatto così il romagnolo, buongustaio, ed è fatto così il Mura, un po’ goloso.

     

    ...

  • Tipo: Blog
    Lun, 02/08/2021 - 14:01

    Coco Chanel, la vita della donna che ha cambiato le donneCoco Chanel. Una donna del nostro tempoe, in copertina, l’immagine suggestiva della protagonista, in uno scatto del 1935. Sigaretta tra le labbra, cappello calato sulla testa, mani in tasca e le perle intorno al collo, a interrompere il nero del vestito. Annarita Briganti, per Cairo Editore, ripercorre la vita straordinaria di Mademoiselle Gabrielle Bonheur «Coco» Chanel, in un saggio che intreccia l’esistenza della stilista con le emozioni e le sensazioni dell’autrice.

    Ne nasce una lettura piacevole e coinvolgente, un saggio che supera i confini del genere letterario, si reinventa. Come Coco Chanel.

    Viveva in un albergo, nelle stanze del Ritz, Coco Chanel, orfana di madre, abbandonata dal padre, trascorre la sua infanzia presso l’orfanotrofio dell’Abbazia di Aubazine. È un dettaglio, questo, che dice molto dello spirito della futura donna, delle sue paure, delle sue ferite e fragilità.

    Annarita Briganti è accogliente, umana, acuta nel...

  • Tipo: Blog
    Mer, 28/07/2021 - 10:30

    Chi ha cucinato l’ultima cena? Storia sommersa del «sesso debole»Uscito per Fandango Libri, Chi ha cucinato l’ultima cena? Storia femminile del mondo di Rosalind Miles è quello che manca nelle scuole, nelle case, nelle menti di tutti coloro che aderiscono al patriarcato in modo consapevole o inconsapevole. Perché è così, certe volte agiamo, pensiamo, reagiamo in funzione di un retroscena culturale che ci ha plasmato sin da bambini. Se vivi in un mondo in cui è normale che solo gli uomini siano ricordati come condottieri, scienziati, medici, ingegneri, politici, inventori, se vivi in un mondo siffatto, cresci con l’idea che, in quanto donna, già avere un lavoro fuori di casa è emancipazione. È uguaglianza. E nel sottofondo ci si abitua a sentirsi dire: volevate essere uguali agli uomini, bene, ora lo siete, pigliatevi anche la fatica fisica che, è ovvio, vi schiaccerà. E dentro la testa di chi ha sempre ascoltato e appreso la storia così come viene raccontata solo dagli uomini, pensa, sì, è vero, le donne, in materia di muscoli, di resistenza, di prestanza, non può competere. Figuriamoci.

    ...
  • Tipo: Blog
    Mer, 30/06/2021 - 12:30

    Vivere è trovare nuovi stati di equilibrio. “Biancaneve nel Novecento” di Marilù OlivaNella mia infanzia c’è un prima e un dopo. Prima, mentre vivevo in una certa città, e un dopo, quando ci siamo trasferiti altrove. Di questa prima città mia madre aveva serbato tante cose, tra cui alcune amicizie, dalle quali la distanza imponeva lunghi periodi di assenza da colmare tutti in una volta. Perciò, quando si ritrovava con le sue amiche rimaste nella città d’origine, passavano la notte sveglie, a bere caffè e vino, a fumare vicino alla finestra e a raccontarsi i mesi in cui la vita era andata avanti senza che loro potessero condividersi a vicenda le esperienze. Era stanca il giorno dopo, mia madre, mentre mi preparava la colazione. Stanca, ma leggera. Avere un’amica a cui sentirsi così legata le donava la leggerezza di non essere soli.

     

    Leggendo Biancaneve nel Novecento di Marilù Oliva si ha esattamente la stessa sensazione di quando si incontra un’amica speciale che ti confida i suoi segreti, i suoi pensieri e...

  • Tipo: Blog
    Lun, 24/05/2021 - 12:30

    Un libro come i monsoni. “Il rovescio della pelle” di Jeferson TenorioIl rovescio della pelle. E già il titolo lascia presagire una lettura intensa poiché la prima domanda che sorge è: che cosa troveremo a guardare il rovescio della pelle? Troveremo l’essenziale, e un romanzo intenso e profondo, a tratti doloroso, che nel punto culminante commuoverà anche gli animi più resistenti.

    Tradotto da Sara Cavarero per Mondadori, Il rovescio della pelle è la storia di un uomo. Anzi, no, è la storia di un figlio, di un figlio che si rivolge al padre e nel farlo trascina il lettore in un vortice emotivo e intellettuale dal quale ci si può staccare solo leggendo l’ultima parola dell’ultima pagina.

    La questione è la pelle, il suo colore, che può diventare un’arma, un’intesa erotica tra due amanti – lei bianca, fantasmina, lui negretto, il suo negretto –, un’offesa...

  • Tipo: Blog
    Mer, 12/05/2021 - 12:06

    I buoni sentimenti non bastano. “Quando tornerò" di Marco BalzanoUna formula ben formata, fbf, è per la logica l’unità fondamentale per poter sviluppare proposizioni vere o false all’interno di un modello, di una realtà. Un concetto, a tratti, complesso, ma il cui succo è questo: in logica, si possono produrre formule ben formate, sensate se vogliamo, con valore di verità falso per il modello di riferimento. Lo stesso può accadere nei romanzi, tutto dipende dal modello che abbiamo scelto.

    Se si guarda, quindi, la storia di Quando tornerò di Marco Balzano (pubblicato da Einaudi), abbiamo una formula ben formata. È piacevole, intensa, emotivamente coinvolgente. Ma se guardiamo il valore di verità, non tutte le proposizioni sono vere. Perché non tutto il mondo è paese. E forse non basta un giro fino a Iași, affezionarsi a un tema – seppur nobile – per sentirsi a casa in una cultura, in una società estranea e lontana. Meglio raccontare il dramma della Sindrome Italia, la depressione che affligge le donne...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.