Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Corso online di editing

Corso SEC

Tutti i contenuti di Alberto Spinazzi

  • Tipo: Blog
    Ven, 09/07/2021 - 10:54

    Thomas Mann e il suo “Resoconto parigino” per la prima volta in italianoÈ la prima volta che Resoconto parigino viene tradotto in italiano (grazie a Marco Federici Solari e a L’Orma editore). Una decisione tardiva che contribuisce ad approfondire la conoscenza del pensiero dell'intellettuale tedesco.

    Nell’ottobre 1926 Thomas Mann – che aveva già pubblicato La morte a Venezia e I Buddenbrook – si reca a Parigi per nove giorni insieme alla moglie. Riconosciuto scrittore borghese, a cinquant'anni è celebre in tutta Europa (tre anni dopo riceverà il Premio Nobel), ma è soprattutto la Francia la nazione che lo lega a una serie di distanze e avvicendamenti culturali e antropologici. La Grande Guerra è finita da otto anni. Ancora pochi per ristabilire gli equilibri europei.

    Chiamato a tenere un...

  • Tipo: Blog
    Lun, 07/06/2021 - 10:30

    Lewis Carroll al centro di un misteroI delitti di Alice di Guillermo Martinez (Marsilio, traduzione di Valeria Raimondi) prova che i romanzi è facile, o non troppo difficile, iniziarli, ma faticoso terminarli. Un'ulteriore prova riguarda la specificità “gialla” a cui appartiene (sebbene tale attributo nel suo caso non suoni del tutto pertinente): prosa scorrevole, intrigo, suspense, ritmo, ma finale troppo sbrigativo e inconcludente. Se la letteratura “gialla” per paradosso ha il difetto di non avere difetti, in quanto avvince il lettore indipendentemente da preoccupazioni di stile, un vero difetto è quello di cedere, per la maggior parte dei casi, a epiloghi approssimativi (difetto che hanno pure i film “gialli”). Il perché dipende dall'esigenza, vien da dire l'obbligo, di offrire soluzioni finali, insomma risolvere il “caso”, cosa difficile da attuare proporzionalmente all'intensità, spesso pletorica, profusa nel corso delle “indagini”. Il romanzo “giallo” I delitti di Alice di Guillermo Martinez non fa eccezione, ma è pur vero che rispetto alla norma dei “gialli” ha qualcosa di...

  • Tipo: Blog
    Ven, 07/05/2021 - 10:30

    Alla ricerca dell’occasione ultimaJuan Josè Saer è uno scrittore argentino e nel panorama della letteratura latino-americana ha sempre combattuto le facili fascinazioni che essa ha prodotto nella maggior parte dei lettori. Si è scagliato sia contro i critici sia contro i lettori accusandoli più o meno implicitamente di mancato approfondimento, fermi alla stereotipata formula del “realismo magico”. La polemica gli è costata la scarsa considerazione di cui è stato oggetto sia presso il pubblico sia presso la critica. La coerenza di quanto egli professava è provata dal testo del romanzo L'occasione (La nuova frontiera, traduzione di Gina Maneri) in cui non sembra voler concedere nulla alle comodità del lettore.

    Un uomo, la moglie, l'amico della coppia. Il famoso triangolo di tanta letteratura. Il marito sospetta che la moglie lo tradisca con l'amico. La gelosia, tormento conseguente all'amore. Saer non si sottrae dal trattare la gelosia, con la fondamentale differenza che nel suo romanzo la parola “amore” non viene mai citata.

    L'ossessione della gelosia...

  • Tipo: Blog
    Mar, 06/04/2021 - 12:30

    Troppa poesia per un romanzo. “Il libro delle case” di Andrea BajaniSuona imbarazzante recensire un testo la cui qualità paradossalmente a giudizio del recensore costituisce pure il suo difetto. Cercheremo di spiegarne le ragioni.

    Strano caso il romanzo di Bajani: il bello prevale sul brutto, ma è proprio il bello a provocare la riserva sulla tenuta complessiva del libro. Per bello si intende un eccesso di poesia. O meglio: la scelta poetica dello scrittore nel trattare il tema prefissato.

    Tema indubbiamente stimolante. La casa come contenitore e diffusore di famiglia e solitudine, amore e dolore, vita e morte. Che un simile oggetto, dei più concreti, fatto di mattoni e calcestruzzo, cemento armato, ferro, legno, pietra, venga trattato poeticamente è da considerarsi senz'altro “valore aggiunto”. Ma troppe espressioni poetiche non è detto formino un romanzo...

  • Tipo: Blog
    Lun, 15/03/2021 - 11:30

    “Ultima notte a Manhattan”, Don Winslow non all’altezza del solitoNel suo romanzo Ultima notte a Manhattan, scritto nel 1996 e pubblicato da Einaudi nel 2021 (traduzione di Alfredo Colitto), Don Winslow, presenta uno stile narrativo diverso da quello dei suoi successivi lavori. Rispetto alla prevalente ambientazione in cui si muovono i suoi personaggi di confine tra Stati Uniti e Messico, tra scenari extraurbani, narcotrafficanti, prostitute e atmosfere alla “Tarantino”, in quest'ultimo romanzo è la New York degli anni Cinquanta a imperare.

    Se la scelta di ambientare la storia interamente a New York appare da un lato azzeccata, non mancando di attirare il lettore, dall’altro si sussegue in maniera stereotipata e troppo turistica (quasi da dépliant pubblicitario), al seguito di un protagonista che non manca mai di inneggiare alla “città più bella del mondo”. Non è certo la prima volta che in letteratura una città si eleva a simbolo vitale, ma in questo caso, proprio perché si...

  • Tipo: Blog
    Mer, 10/02/2021 - 11:30

    L’importanza di dare nomi a tutto. “Nella quiete del tempo” di Olga TokarczukBene ha fatto l'edizione italiana a introdurre questo bellissimo romanzo di Olga Tokarczuk, Nella quiete del tempo (Bompiani, traduzione di Raffaella Belletti), con un frontespizio in cui a piena pagina è impressa una mappa che sarebbe improprio definire soltanto geografica. Le note editoriali informano che a disegnarla è stato Rocco Lombardi, noto illustratore italiano; rappresenta una sorta di rigogliosa e arcaica stesura boschiva, con al centro le case di Prawiek, villaggio della Polonia, attorniato dai due fiumi Bianca e Nera, e protetto ai quattro angoli dagli arcangeli Michele, Raffaele, Uriele, Gabriele. Ai confini diagonali del foglio i villaggi Taszow e Jeszkotle.

    “Mappa” è parola che si addice alla favola (la mappa del tesoro è la massima raffigurazione). La mappache introduce il romanzo prefigurala scrittura trasfigurata della...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.